Terapie

Documentazione della valutazione dell’ipoglicemia tra gli adulti diabetici durante gli incontri clinici nelle cure primarie e nelle pratiche endocrinologiche

I ricercatori dell’Unità di ricerca sulla conoscenza e valutazione in endocrinologia, Mayo Clinic, Rochester, MN – USA hanno esaminato la percentuale di incontri clinici incentrati sul diabete nelle cure primarie e nelle pratiche endocrinologiche in cui è documentata la valutazione dell’ipoglicemia; e quando lo è, identificato le azioni dichiarate dai medici in risposta agli eventi segnalati dal paziente.

In questo studio retrospettivo di coorte sono stati rilevati in totale 470 incontri focalizzati sul diabete tra 283 pazienti adulti non in gravidanza (?18 anni) con diabete mellito di tipo 1 o tipo 2. I partecipanti sono stati identificati in modo casuale in blocchi di strategia terapeutica e luogo di cura (95 e 52 incontri di cure primarie tra farmaci soggetti a ipoglicemia (cioè insulina, sulfonilurea) e altri pazienti, rispettivamente; 94 e 42 incontri di endocrinologia tra ipo-trattati e altri, rispettivamente). Sono state valutate la documentazione di ipoglicemia e il successivo piano di gestione nella cartella clinica elettronica.

Pubblicità e progresso

Complessivamente, 132 (46,6%) pazienti avevano documentazione della valutazione dell’ipoglicemia, significativamente più diffusa tra i pazienti ipo-trattati osservati in endocrinologia rispetto alle cure primarie (72,3% vs. 47,4%; P = 0,001). L’ipoglicemia è stata identificata dal paziente nel 38,2% degli incontri. Le probabilità di documentazione per la valutazione dell’ipoglicemia erano più alte tra gli ipo-trattati (OR 13,6; IC 95% 5,5-33,74, rispetto ad altri) e pazienti osservati in clinica endocrina (OR 4,48; IC 95% 2,3-8,6, rispetto alle cure primarie). Dopo la documentazione dell’ipoglicemia, il trattamento è stato modificato nel 30% delle cure primarie e nel 46% degli incontri con la clinica endocrina; P = 0,31. Pochi pazienti sono stati indirizzati all’educazione e al supporto dell’autogestione del diabete (DSMES).

Sono necessari continui sforzi per migliorare la valutazione, la documentazione e la gestione dell’ipoglicemia, in particolare nelle cure primarie. Ciò include non solo lo screening dei pazienti a rischio per l’ipoglicemia, ma anche la modifica dei loro regimi di trattamento e / o sfruttando il DSMES.

Pubblicato in Endocrine il 4 dicembre 2019.