Terapie

Caratteristiche della diagnosi e del controllo del diabete nei bambini piccoli e in età prescolare di famiglie con risorse limitate: un’esperienza unica in un centro

I pediatri del Dipartimento pediatrico generale, Ospedale pediatrico, Università del Cairo, Il Cairo, Egitto hanno condotto questo studio per descrivere le caratteristiche della diagnosi del diabete, della terapia insulinica per quanto riguarda il tipo, la dose e la frequenza, anche il grado di controllo glicemico raggiunto in bambini piccoli e in età prescolare provenienti da famiglie con risorse limitate.

Sono stati inclusi 69 bambini e bambine in età prescolare diagnosticati clinicamente come diabete di tipo 1. I dati relativi alla presentazione alla diagnosi, alla terapia insulinica e al controllo glicemico sono stati rivisti dai caregiver dei pazienti e dalle cartelle cliniche.

Pubblicità e progresso

La chetoacidosi diabetica (DKA) è stata registrata nel 71% dei bambini alla diagnosi iniziale. Il tempo medio trascorso dalla diagnosi del diabete era di 2 ± 1 anni. La maggior parte dei bambini (65/69, 94%) era in regime bolo basale mentre quattro (6%) erano solo con insulina basale. NPH e analoghi ad azione prolungata sono stati usati come insulina basale in (74%) e (26%). Insulina regolare e analoghi ad azione rapida sono stati usati come insulina in bolo (27%) e (73%). La frequenza media di automonitoraggio giornaliero della glicemia era (2,9 ± 1). La media aritmetica di HbA1c effettuata negli ultimi 6 mesi a un anno prima dell’inclusione nello studio era dell’8,2 ± 1,5% (66 ± 12 mmol / mol) con il 65% con HbA1c ? 7,5% (?58 mmol / mol).

Bambini piccoli e bambini in età prescolare con diabete provenienti da famiglie con risorse limitate si presentano frequentemente con DKA alla diagnosi e hanno un automonitoraggio non ottimale della glicemia e del controllo glicemico. L’NPH è più comunemente usata in questa fascia di età, combinata con analoghi rapidi postprandiali e insulina regolare preprandiale meno comunemente e che produce HbA1c più favorevole ma con un rischio maggiore di ipoglicemia. La causa più comune di riammissione in ospedale è la chetoacidosi e l’iperglicemia incontrollata.

Pubblicato su Diabetes Research and Clinical Practice del 4 dicembre 2019.