Diritti e rovesci

Il servizio sanitario del Regno Unito è “in ritardo” rispetto agli altri paesi ad alto reddito

Il National Health Service (NHS) del Regno Unito mostra sacche di buone prestazioni, ma la spesa, la sicurezza dei pazienti e la salute della popolazione sono tutte al di sotto della media rispetto ad altri dieci paesi ad alto reddito, secondo uno studio pubblicato da The BMJ oggi.

Se il servizio sanitario nazionale vuole ottenere risultati sanitari comparabili o addirittura migliorarne i risultati, deve spendere di più per aumentare il personale, l’assistenza a lungo termine e altri servizi sociali, scrivono.

Pubblicità e progresso

Il SSN, come molti altri sistemi sanitari, deve affrontare la sfida di dover soddisfare la domanda crescente mentre è sotto pressione per ridurre i costi. Tuttavia, mancano dati comparativi sulle prestazioni del Regno Unito rispetto ad altri paesi ad alto reddito.

Quindi un team di ricercatori britannici e statunitensi ha iniziato a confrontare il sistema sanitario britannico con quelli di altri nove paesi ad alto reddito, in sette aree chiave tra cui spesa, capacità strutturale, accessibilità, qualità e risultati sanitari.

I loro risultati si basano su dati di organizzazioni internazionali come Eurostat e l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) per Regno Unito, Australia, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Paesi Bassi, Svezia, Svizzera e Stati Uniti.

L’attenzione si è concentrata sui dati più recenti disponibili, in genere 2017, nonché sulle tendenze dal 2010 quando disponibili e comparabili.

Questi paesi di confronto sono stati scelti perché sono tutti paesi ad alto reddito a cui il Regno Unito tende a confrontarsi, con popolazioni che affrontano simili oneri di malattia, ma hanno anche sistemi sanitari strutturati in modi diversi.

I risultati mostrano che nel 2017 il Regno Unito ha speso meno per persona in assistenza sanitaria ($ 3825; £ 2955; € 3417) rispetto a una media di $ 5700 per tutti gli altri paesi studiati e che la spesa sanitaria sta crescendo a livelli leggermente inferiori (0,02% del PIL in il Regno Unito dal 2014-17 rispetto a una media dello 0,07%).

Sebbene il Regno Unito abbia un numero comparabile di persone di età superiore ai 65 anni, spende meno delle sue spese sanitarie totali già basse per l’assistenza a lungo termine, e una percentuale maggiore di ciò proviene da fonti private rispetto ad altri sistemi sanitari.

Per quanto riguarda il personale sanitario, il Regno Unito aveva tra la più alta percentuale di medici stranieri formati (28,6%) e infermieri (15%).

Ciononostante, il numero di operatori sanitari (medici generici, specialisti, infermieri) è tra i più bassi di tutti i paesi studiati (2,8 medici del Regno Unito per 1000 abitanti rispetto alla media dello studio 3,5) e questi numeri sono in calo.

Poiché la migrazione degli operatori sanitari è diminuita dal 2015, le attuali sfide per il personale che dovranno affrontare il SSN “saranno probabilmente ulteriormente esacerbate”, osservano gli autori.

I tempi di attesa e l’accesso alle cure nel Regno Unito sono stati paragonati favorevolmente ad altri paesi, ma l’utilizzo (numero di ricoveri ospedalieri) è inferiore alla media.

Il Regno Unito aveva un’aspettativa di vita leggermente inferiore alla media (81,3 anni rispetto a una media di 81,7), i tassi di sopravvivenza più bassi per il cancro al seno e al colon e i secondi tassi di sopravvivenza più bassi per il cancro del retto e del collo dell’utero.

Sebbene diversi esiti fossero scarsi, come i tassi di mortalità per infarto e ictus, il Regno Unito ha raggiunto tassi più bassi della media per trombosi venosa profonda dopo un intervento chirurgico articolare e un minor numero di infezioni associate all’assistenza sanitaria .

Tuttavia, la morte materna nel Regno Unito è superiore alla media ed è in aumento, mentre il numero di decessi prevenibili e trattabili è rispettivamente il terzo più alto e il più alto.

Questo è uno studio osservazionale, quindi non è possibile stabilire la causa, e i ricercatori sottolineano che i dati sono puramente descrittivi e l’interpretazione dei risultati è sensibile alla selezione dei paesi di confronto.

Ciononostante, concludono che mentre il SSN mostra sacche di buone prestazioni, la spesa, la sicurezza dei pazienti e la salute della popolazione sono tutte al di sotto della media migliore.

“Nel loro insieme, questi risultati suggeriscono che se il SSN vuole ottenere risultati sanitari comparabili in un momento di crescente pressione demografica, potrebbe essere necessario spendere di più per aumentare l’offerta di lavoro e assistenza a lungo termine e ridurre la tendenza al calo della spesa sociale a livelli di corrispondenza dei paesi di confronto “, concludono.