Terapie

Registro SWEET: HbA1c all’insorgenza del diabete di tipo 1, non stato DKA, prevede una risposta glicemica successiva tra i bambini

Il valore dell’HbA1c 3 anni dopo una diagnosi di diabete di tipo 1 è più strettamente associato all’HbA1c all’insorgenza della malattia e non alla chetoacidosi diabetica, o DKA, alla presentazione, secondo i risultati di uno studio basato su registro pubblicato in Pediatric Diabetes.

“Durante la presentazione sono stati mostrati nei bambini con DKA una ridotta funzionalità residua delle cellule beta e uno scarso controllo glicemico nei successivi 1-2 anni”, Barbara Piccini, MD, PhD, dell’unità di diabetologia dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, Italia, e colleghi hanno scritto nel background dello studio. “Ciò che resta da esaminare ulteriormente è se è l’iperglicemia cronica o la DKA alla diagnosi la variabile più importante che determina il seguente controllo metabolico.”

Pubblicità e progresso

In uno studio osservazionale trasversale, Piccini e colleghi hanno analizzato le informazioni di 1.420 bambini con diabete di tipo 1 utilizzando i dati del registro internazionale SWEET (età media all’esordio del diabete, 9 anni; 54% ragazzi). I ricercatori hanno classificato i bambini in base all’insorgenza del diabete di tipo 1: DKA (DKA con coma, DKA senza coma e senza DKA) e HbA1c all’esordio (da <10%, 10% a <12% o 12%). I ricercatori hanno utilizzato analisi di regressione lineare per stimare le associazioni tra HbA1c a 3 anni e HbA1c sia la presentazione all’insorgenza del diabete.

All’interno della coorte, il 16% ha sperimentato DKA con coma, il 27% ha sperimentato DKA senza coma e il 57% non ha avuto DKA alla presentazione. Non ci sono state differenze tra i sessi nella presentazione clinica all’inizio.

L’HbA1c a 3 anni era più basso tra i bambini con un HbA1c del 10% o inferiore alla presentazione rispetto ai bambini con un HbA1c elevato all’esordio del diabete, entrambi nella DKA senza gruppo di coma (HbA1c medio, 7,1% vs. 7,6%; P = .03) e nel gruppo no DKA (media HbA1c, 7,4% vs 7,8%; P = .01). Non c’erano differenze tra i bambini con HbA1c basso e medio a gruppi di insorgenza

Nel gruppo DKA con coma, i ricercatori hanno scoperto che l’HbA1c al terzo anno non differiva tra gli HbA1c nei gruppi di insorgenza. HbA1c all’inizio come variabile esplicativa era più strettamente associato a HbA1c al 3 ° anno rispetto alla presentazione ai gruppi di insorgenza ( P = 0,02).

“Mentre i bambini che hanno manifestato DKA all’esordio possono ottenere un buon controllo metabolico, i pazienti con HbA1c alto all’inizio continuano ad avere uno scarso controllo metabolico come gruppo”, hanno scritto i ricercatori. “Il coma stesso è anche associato a un successivo scarso controllo metabolico. Questi risultati sottolineano l’importanza di identificare fin dall’inizio del diabete di tipo 1 un sottogruppo di bambini (ad esempio, quelli con HbA1c a insorgenza del 12% e quelli con DKA e coma, soprattutto se più giovani) a rischio maggiore di futuro scarso controllo metabolico, al fine di attuare un’istruzione intensiva correlata ai recenti progressi tecnologici. La diagnosi precoce del diabete di tipo 1, prevenendo un alto HbA1c all’inizio e DKA all’inizio con coma, è fondamentale per migliorare l’HbA1c dell’anno 3″. 

Informazioni: il registro SWEET è supportato da Abbott, Boehringer Ingelheim, Dexcom, Lilly Diabetes Excellence Center, Medtronic Europe e Sanofi. Gli autori non riportano informazioni finanziarie rilevanti.

Categorie:Terapie

Con tag:,