Mangiare e bere

Mangiare cibi ultra-elaborati amplifica il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2

Gli adulti che consumano grandi quantità di alimenti ultra-elaborati sono a maggior rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto a quanti ne assumono quantità minori, secondo i risultati pubblicati oggi su JAMA Internal Medicine.

“Questa ricerca aggiunge peso alle già corpose prove esistenti per le associazioni tra alimenti ultra-trasformati e salute umana , supportando le linee guida e le politiche nutrizionali in alcuni paesi, come Francia e Brasile, ora raccomandando ufficialmente di limitare il consumo di alimenti ultra-trasformati e privilegiare con alimenti non o minimamente trasformati”, Bernard Srour , PharmD, PhD , ricercatore post-dottorato del gruppo di ricerca sull’epidemiologia nutrizionale, e Mathilde Touvier, MPH, PhD, capo del gruppo di ricerca sull’epidemiologia nutrizionale, presso Inserm, Inrae, dell’Università di Parigi, disse a Healio. “Sono necessarie ulteriori ricerche meccanicistiche e sperimentali per comprendere i meccanismi alla base di queste associazioni”.

Pubblicità e progresso

Srour, Touvier e colleghi hanno esaminato i registri dietetici di 24 ore a intervalli di 6 mesi in 2 anni da 104.707 adulti nello studio NutriNet-Santé (età media, 42,7 anni; 79,2% donne). I ricercatori hanno utilizzato questi dati per quantificare la quantità di alimenti ultra-elaborati che ciascuno ha mangiato. Il diabete di tipo 2 è stato auto-riportato ad intervalli di 3 mesi per una mediana di 6 anni.

Nell’intera coorte, 821 adulti hanno sviluppato diabete di tipo 2, di cui 166 per 100.000 persone-anno tra coloro che hanno mangiato gli alimenti più ultra-elaborati (21,9% della dieta quotidiana per gli uomini, 21,5% o più per le donne) e 113 per 100.000 persone -anni tra coloro che hanno mangiato meno (10,8% della dieta quotidiana per gli uomini, 10,6% per le donne). I ricercatori hanno scoperto che il rischio per il diabete di tipo 2 era maggiore del 15% quando il consumo di alimenti ultraelaborati è aumentato di 10 punti percentuali (HR = 1,15; IC 95%, 1,06-1,25) e maggiore del 5% quando si mangia 100 g in più al giorno di alimenti ultraelaborati (HR = 1,05; IC 95%, 1,02-1,08). I ricercatori hanno osservato che l’inclusione di tutti gli aggiustamenti non ha influito sui risultati. Inoltre, c’è stata una riduzione del 9% nel rischio di diabete di tipo 2 quando il consumo di alimenti non trasformati o minimamente trasformati è aumentato di 10 punti percentuali (HR = 0,91; IC al 95%, 0,84-0,98).

“Consigliamo alle persone di limitare il consumo di alimenti ultra trasformati e di privilegiare cibi non trasformati o minimamente trasformati, ovviamente, oltre a una dieta nutrizionalmente sana a basso contenuto di sale, zucchero, grassi e densità energetica; un BMI ottimale; e comportamenti di vita sani “, ha detto Srour.