Ricerca

O troppo o niente – The Lancet: più di un paese su tre a basso e medio reddito affrontano entrambi gli estremi della malnutrizione

La doppia presenza di obesità e malnutrizione riflette i cambiamenti nei sistemi alimentari

Pubblicità

È necessario un nuovo approccio per aiutare a ridurre la denutrizione e l’obesità allo stesso tempo, poiché i problemi diventano sempre più connessi a causa dei rapidi cambiamenti nei sistemi alimentari dei paesi. Ciò è particolarmente importante negli stati a basso e medio reddito, secondo un nuovo rapporto in quattro articoli pubblicato su The Lancet. Più di un terzo di tali paesi presentava forme sovrapposte di malnutrizione (45 dei 123 paesi negli anni ’90 e 48 dei 126 paesi negli anni 2010), in particolare nell’Africa sub-sahariana, nell’Asia meridionale e nell’Asia orientale e nel Pacifico.

La malnutrizione e l’obesità possono portare a effetti tra le generazioni poiché sia ??la malnutrizione materna che l’obesità sono associate a cattiva salute della prole. Tuttavia, a causa della velocità del cambiamento nei sistemi alimentari, sempre più persone sono esposte a entrambe le forme di malnutrizione in diversi punti della loro vita, il che aumenta ulteriormente gli effetti dannosi sulla salute.

“Siamo di fronte a una nuova realtà nutrizionale”, afferma l’autore principale del rapporto, il dott. Francesco Branca, direttore del Dipartimento di nutrizione per la salute e lo sviluppo, Organizzazione mondiale della sanità. “Non possiamo più caratterizzare i paesi come a basso reddito e denutriti, o ad alto reddito e preoccupati solo dell’obesità. Tutte le forme di malnutrizione hanno un denominatore comune – i sistemi alimentari che non riescono a fornire a tutte le persone diete sane, sicure, economiche e sostenibili. La modifica di questo assetto richiederà un’azione attraverso i sistemi alimentari – dalla produzione e trasformazione, attraverso il commercio e la distribuzione, i prezzi, la commercializzazione e l’etichettatura, al consumo e ai rifiuti. Tutte le politiche e gli investimenti pertinenti devono essere radicalmente riesaminati ” [1]

In un editoriale che accompagna il rapporto, il dott. Richard Horton, caporedattore di The Lancet, afferma: “La pubblicazione odierna della serie dell’OMS sul doppio peso della malnutrizione arriva dopo 12 mesi di articoli di Lancet che esplorano la nutrizione in tutte le sue forme… Con questi e altri articoli su tutte le riviste Lancet per tutto il 2019, è diventato chiaro come la nutrizione e la malnutrizione devono essere affrontate da più punti di vista e, sebbene a volte i risultati siano convergenti, c’è ancora del lavoro da fare per comprendere le molteplici manifestazioni della malnutrizione. Con 6 anni rimanenti nel Decennio di azione delle Nazioni Unite sulla nutrizione, questa serie definiscono la direzione futura richiesta per raggiungere l’obiettivo globale di sradicare la fame e prevenire la malnutrizione in tutte le sue forme. ”

A livello globale, le stime suggeriscono che quasi 2,3 miliardi di bambini e adulti sono in sovrappeso e oltre 150 milioni di bambini sono stentati. Tuttavia, nei paesi a basso e medio reddito questi problemi emergenti si sovrappongono a individui, famiglie, comunità e paesi. Il nuovo rapporto esplora le tendenze alla base di questo incrocio – noto come il doppio onere della malnutrizione – nonché i cambiamenti della società e del sistema alimentare che potrebbero essere la causa, la sua spiegazione e gli effetti biologici e le misure politiche che possono aiutare ad affrontare la malnutrizione in tutte le sue le forme.

Gli autori hanno utilizzato i dati dei sondaggi provenienti da paesi a basso e medio reddito negli anni ’90 e 2010 per stimare quali paesi dovevano affrontare un doppio carico di malnutrizione (vale a dire, nella popolazione, oltre il 15% delle persone aveva sprecato, oltre il 30% era stentato, oltre il 20% delle donne aveva magrezza e oltre il 20% delle persone era in sovrappeso).

Negli anni 2010, 14 paesi con alcuni dei redditi più bassi del mondo avevano recentemente sviluppato un doppio carico di malnutrizione, rispetto agli anni ’90. Tuttavia, sono stati colpiti più paesi a basso e medio reddito rispetto a quelli con i redditi più alti negli anni ’90. Gli autori affermano che ciò riflette la crescente prevalenza del sovrappeso nei paesi più poveri, dove le popolazioni devono ancora affrontare la fase di arresto della crescita, spreco e magrezza.

Le diete di alta qualità riducono il rischio di malnutrizione in tutte le sue forme promuovendo la crescita, lo sviluppo e l’immunità salutari e prevenendo l’obesità e le malattie non trasmissibili (NCD) per tutta la vita. I componenti delle diete sane sono: pratiche di allattamento al seno ottimali nei primi due anni; una varietà e abbondanza di frutta e verdura, cereali integrali, fibre, noci e semi; modeste quantità di alimenti di origine animale; quantità minime di carni lavorate e quantità minime di cibi e bevande ad alto contenuto energetico e quantità aggiunte di zucchero, grassi saturi, grassi trans e sale.

“I problemi emergenti di malnutrizione sono un forte indicatore delle persone che non sono protette dai fattori che guidano le diete povere. I paesi più poveri a basso e medio reddito stanno assistendo a una rapida trasformazione nel modo in cui le persone mangiano, bevono e si spostano per andare al lavoro, a casa, nei trasporti e nel tempo libero “, afferma l’autore del rapporto, il professor Barry Popkin, Università della Carolina del Nord, USA. “La nuova realtà nutrizionale è guidata da cambiamenti nel sistema alimentare, che hanno una maggiore disponibilità di alimenti ultraelaborati che sono collegati ad un aumento di peso, incidendo anche negativamente sulle diete infantili e pre-scolare. Questi cambiamenti includono la scomparsa dei mercati di alimenti freschi, aumentare i supermercati e il controllo della catena alimentare da parte dei supermercati e le aziende alimentari, di ristorazione e di agricoltura globali in molti paesi “. [1]

L’esposizione alla malnutrizione all’inizio della vita, seguita dal sovrappeso dall’infanzia in poi, aumenta il rischio di una serie di malattie non trasmissibili – rendendo il doppio onere della malnutrizione un fattore chiave che guida le emergenti epidemie globali di diabete di tipo 2, ipertensione, ictus, e malattie cardiovascolari. Gli effetti negativi possono anche passare attraverso le generazioni – ad esempio, l’effetto dell’obesità materna sulla probabilità che il bambino abbia l’obesità può essere esacerbato se la madre era denutrita nella prima infanzia.

Nonostante i legami fisiologici, le azioni per affrontare tutte le forme di malnutrizione non hanno storicamente preso in considerazione questi o altri fattori chiave, tra cui l’alimentazione nella prima infanzia, la qualità della dieta, i fattori socioeconomici e gli ambienti alimentari. Inoltre, ci sono alcune prove che i programmi che affrontano la malnutrizione aumentano involontariamente rischi per obesità e malattie non trasmissibili legate all’alimentazione nei paesi a basso e medio reddito in cui gli ambienti alimentari stanno cambiando rapidamente.

Sebbene sia fondamentale mantenere questi programmi di lotta alla malnutrizione, devono essere riprogettati per non danneggiarli. I programmi di malnutrizione esistenti erogati attraverso servizi sanitari, reti di sicurezza sociale, contesti educativi e sistemi agricoli e alimentari offrono opportunità per affrontare i disturbi non trasmissibili legati all’obesità e all’alimentazione.

Il rapporto identifica una serie di “azioni a doppia mandata” che prevengono o riducono contemporaneamente il rischio di carenze nutrizionali che portano a carenze di sottopeso, spreco, arresto della crescita o di micronutrienti e obesità o NCD, con lo stesso intervento, programma o politica. Questi vanno dalle migliori cure prenatali e pratiche di allattamento al seno, al benessere sociale e alle nuove politiche del sistema agricolo e alimentare con diete sane come obiettivo primario. [2]

“Continuare come al solito non è adatto allo scopo nella nuova realtà nutrizionale. La buona notizia è che ci sono alcune potenti opportunità di usare le stesse piattaforme per affrontare diverse forme di malnutrizione. È giunto il momento di cogliere queste opportunità per “doppia azione” per ottenere risultati “, afferma la professoressa Corinna Hawkes, Centre for Food Policy, City, University of London, UK. [1]

Per creare i cambiamenti sistemici necessari per porre fine alla malnutrizione in tutte le sue forme, gli autori chiedono ai governi, alle Nazioni Unite, alla società civile, agli accademici, ai media, ai donatori, al settore privato e alle piattaforme economiche di affrontare il doppio carico della malnutrizione e introdurre nuovi attori come organizzazioni di base, agricoltori e loro sindacati, leader di fede, sostenitori della salute planetaria, innovatori e investitori che stanno finanziando aziende giuste e verdi, sindaci di città e associazioni dei consumatori.

“Data l’economia politica del cibo, la mercificazione dei sistemi alimentari e i crescenti modelli di disuguaglianza in tutto il mondo, la nuova realtà nutrizionale richiede una comunità allargata di attori che lavorano in modo reciprocamente rafforzato e interconnessi su scala globale”, afferma Dr Branca. “Senza una profonda trasformazione del sistema alimentare, i costi economici, sociali e ambientali dell’inazione ostacoleranno la crescita e lo sviluppo di individui e società per i decenni a venire”. [1]

###

Il finanziamento per la preparazione della serie è stato fornito dall’OMS, attraverso una sovvenzione della Bill & Melinda Gates Foundation, nonché alcuni finanziamenti aggiuntivi attraverso il National Institutes of Health, il programma di ricerca CGIAR sull’agricoltura per l’alimentazione e la salute guidato dall’International Food Policy Research Institute, e da RTI International.

 [1] Citazione diretta dell’autore e non può essere trovata nel testo dell’articolo.

[2] Vedi il pannello 2 nel documento 3 per l’elenco completo. Questi sono:

  • Aumentare le raccomandazioni per l’assistenza prenatale proposte dall’Organizzazione mondiale della sanità.
  • Implementazione completa di programmi per proteggere e promuovere l’allattamento al seno.
  • Garantire una guida per l’introduzione di alimenti insieme all’allattamento al seno rende le madri consapevoli dei rischi di cibi, snack e bevande ricchi di energia, zucchero, grassi e sale.
  • Riprogettazione dei programmi di monitoraggio della crescita infantile esistenti.
  • Prevenzione di danni indebiti da alimenti ricchi di energia e ricchi di micronutrienti e integratori pronti all’uso.
  • Progettazione di programmi di supporto sociale e benessere per ridurre i rischi di alimenti, snack e bevande ricchi di energia, zucchero, grassi e sale.
  • Riprogettare i programmi di alimentazione scolastica e ideare nuove linee guida nutrizionali per il cibo dentro e intorno alle istituzioni educative per garantire la disponibilità di cibi nutrienti e cibi, snack e bevande ricchi di energia, zucchero, grassi e sale.
  • Ampliare il numero di programmi di sviluppo agricolo che rendono disponibili, nutrienti e interessanti alimenti nutrienti.
  • Attuare nuove politiche su larga scala del sistema agricolo e alimentare con diete sane come obiettivo primario.
  • Fornire politiche pubbliche per migliorare gli ambienti alimentari per affrontare tutte le forme di malnutrizione.

 

Pubblicità

Categorie:Ricerca

Con tag: