Diritti e rovesci

Organizzazione pratica non legata al burnout del medico di famiglia

Il burnout tra i medici di famiglia non dovrebbe essere attribuito esclusivamente all’organizzazione pratica, secondo uno studio pubblicato nel numero di novembre / dicembre degli Annals of Family Medicine.

Jessica Creager, del College of Medicine dell’Università del Kentucky a Lexington, e colleghi hanno utilizzato le risposte (1.437 medici) del questionario di registrazione dell’esame per la certificazione della medicina di famiglia del Board of Family Medicine 2017 del 2017 per valutare la relazione tra organizzazione pratica e burnout.

Pubblicità

I ricercatori hanno scoperto che il tasso di esaurimento era complessivamente del 43,7 per cento, ma del 33,7 per cento per i medici che lavoravano in pratiche di proprietà ospedaliera e del 65,5 per cento per coloro che non riportavano quote di proprietà nella loro pratica. Nell’adattarsi alle caratteristiche personali e ai fattori organizzativi della pratica, essere in una di parte ospedaliera (odds ratio, 1.68) ed essere un tempo parziale (odds ratio, 1.67) erano associati positivamente al burnout. Quando si aggiustava ulteriormente per l’ambiente di pratica, non vi era alcuna variabile di organizzazione di pratica che rimanesse associata al burnout.

“Il nostro studio indica che il burnout non è intrinseco a nessun tipo di pratica o stato contrattuale specifico. Invece, le caratteristiche dell’ambiente di pratica predicono il burnout e possono fornire una leva universale per ridurre il burnout in tutti i tipi di organizzazioni di pratica”, scrivono gli autori. “I futuri studi interventistici potrebbero concentrarsi su pratiche federali e di proprietà ospedaliera come quelle che hanno più bisogno di risolvere e prevenire il burnout del medico .”

Annunci

Categorie:Diritti e rovesci

Con tag:,