Batticuore

Basso reddito e stress lavorativo contribuiscono al collegamento tra istruzione, malattie cardiache e ictus

Danimarca: primo studio nazionale su 1,68 milioni di persone

Bassi livelli di istruzione lasciano prevedere un aumentato rischio di sviluppare o morire per malattie cardiache e ictus secondo il primo studio a livello nazionale del legame tra istruzione e malattie cardiovascolari.

Pubblicità e progresso

Lo studio, pubblicato oggi sull’European Heart Journal, è anche il primo a livello nazionale, Danimarca, ad esaminare in che misura bassi livelli di reddito e stress da lavoro svolgono un ruolo nell’associazione tra istruzione e malattie cardiovascolari. Si è scoperto che un basso reddito e stress sul lavoro potrebbero spiegare tra il 21-54% dell’aumentato rischio di sviluppare o morire di malattie cardiovascolari tra le persone con e senza malattie cardiovascolari o metaboliche all’inizio dello studio.

I ricercatori guidati dalla dott.ssa Elisabeth Framke presso il Centro nazionale di ricerca per l’ambiente di lavoro di Copenaghen, in Danimarca, hanno analizzato i dati di 1.638.270 residenti danesi di età compresa tra 30 e 59 anni nel 2000 che non avevano malattie cardiovascolari o diabete all’inizio dello studio. Inoltre, hanno esaminato 41.944 persone a cui era già stata diagnosticata una malattia cardiometabolica, che include malattie cardiache e condizioni metaboliche quali il diabete. Li hanno seguiti tutti fino alla fine del 2014 per vedere gli sviluppi di queste condizioni mediche.

Il dott. Framke ha dichiarato: “Abbiamo scoperto come tra gli individui sani, coloro che avevano un basso livello di istruzione riportavano un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari rispetto a quelli con un alto livello di istruzione. Tra 10.000 uomini con bassa istruzione, 61 svilupperebbero una malattia cardiovascolare entro 12 mesi, mentre tra 10.000 uomini con un’istruzione superiore, solo 34 svilupperebbero la malattia entro questo lasso di tempo. Dopo aver preso in considerazione alcune variabili che potrebbero influenzare i risultati, come l’età e il background migratorio, ciò corrisponde a un rischio più elevato di 1,62 volte tra quelli con bassa istruzione.

“Tra le donne, il quadro è simile, sebbene le donne in età lavorativa abbiano un rischio molto più basso di malattie cardiovascolari rispetto agli uomini. Tra le 10.000 donne con bassa istruzione, 32 svilupperebbero una malattia cardiovascolare entro 12 mesi, mentre tra le 10.000 donne con un’istruzione superiore, solo 16 svilupperebbero la malattia entro questo lasso di tempo. Ciò corrisponde a un rischio 1,66 volte maggiore. ”

I ricercatori hanno anche raccolto informazioni sui redditi domestici disponibili annuali e sulla “tensione lavorativa”, che è una combinazione delle esigenze psicologiche di un lavoro e della quantità di controllo che una persona ha sul proprio lavoro. Un lavoro con un’alta tensione lavorativa sarebbe uno in cui vi sono elevate esigenze psicologiche, ma scarso controllo.

Associazione tra livello di istruzione e malattie e morte cardiovascolare dopo un follow-up di 14 anni in uomini e donne senza e con malattia cardiometabolica con% di rischio in eccesso spiegato dal reddito e dalla tensione lavorativa.

“Quando abbiamo preso in considerazione il livello di reddito familiare e di stress sul lavoro, misurato dalla combinazione di elevate richieste di lavoro e basso controllo del medesimo, il rischio aumentato tra quelli con un basso livello di istruzione è diminuito in qualche modo. Abbiamo riscontrato un rischio superiore di 1,46 volte tra uomini e 1,53 volte più alto rischio tra le donne “, ha detto il dottor Framke.

Ciò significa che l’aggiustamento per il reddito e la tensione lavorativa hanno ridotto il rischio del 25% per gli uomini e del 21% per le donne.

I ricercatori hanno trovato un modello simile quando hanno iniziato a studiare le persone che avevano malattie cardiovascolari o diabete. Uomini e donne con un basso livello di istruzione avevano un rischio di morte di malattie cardiovascolari di 1,52 volte e 2,18 volte superiore rispetto agli uomini e alle donne con un livello di istruzione elevato. Dopo l’aggiustamento per il reddito e la tensione lavorativa, il rischio è stato ridotto a un rischio aumentato di 1,24 volte e 1,79 volte rispettivamente negli uomini e nelle donne – una riduzione del rischio del 54% negli uomini e del 33% nelle donne.

“La nostra interpretazione di questi risultati è che basso reddito e alto sforzo lavorativo possono avere un ruolo nel modo in cui un basso livello di istruzione influenza il rischio di sviluppare o morire di malattie cardiovascolari, ma che anche una parte considerevole di questa associazione è indipendente dal reddito e dalla tensione lavorativa “, ha detto il dottor Framke.

“Se un basso reddito e un alto sforzo lavorativo svolgono un ruolo nel modo in cui il livello educativo influenza il rischio di malattie cardiovascolari, allora il miglioramento del reddito disponibile e la riduzione dello sforzo lavorativo possono aiutare a ridurre il rischio aumentato di sviluppare o morire di malattie cardiovascolari tra le persone con basso livello di istruzione conseguimento.

“Inoltre, garantire la parità di trattamento indipendentemente dal livello di istruzione è importante, sia in termini di prevenzione dello sviluppo di malattie cardiovascolari tra le persone sane sia di prevenzione della morte per malattie cardiovascolari tra persone che hanno già malattie cardiache, diabete o hanno subito un ictus.”

Un punto di forza dello studio è la sua dimensione: ha incluso tutti i dipendenti in Danimarca di età compresa tra 30 e 59 anni. Quattordici anni di follow-up, con aggiornamenti annuali di informazioni come istruzione, reddito, tensione lavorativa, sviluppo di malattie e cause di morte, presi dai registri della popolazione e della nazione hanno reso i dati accurati e completi.

Lo studio può solo dimostrare che esiste un’associazione tra fattori quali istruzione, basso reddito e tensione lavorativa e malattie cardiovascolari. Altre limitazioni includono il fatto che i risultati non possono necessariamente essere generalizzati oltre la fascia di età esaminata o in altri paesi. I dati mancavano di informazioni sui fattori biologici e comportamentali che possono influenzare il rischio di malattie cardiovascolari, come pressione sanguigna, livelli di colesterolo, fumo e dieta.

Categorie:Batticuore

Con tag:,