Dai media e web

La metà delle politiche raccomandate dall’OMS per ridurre le malattie croniche non viene messa in pratica

La prima analisi delle politiche raccomandate dall’OMS per prevenire e controllare le malattie non trasmissibili (NCD) rileva che l’implementazione sta lentamente migliorando, ma in media poco più della metà non va oltre l’approvazione, secondo i risultati di 151 paesi pubblicati su The Lancet Global Health. Il presente studio è il primo ad analizzare i progressi compiuti nell’attuazione di 18 politiche in tutto il mondo tra il 2015 e il 2017.

Nel 2015, 193 paesi si sono impegnati a ridurre le morti premature da NCD di un terzo entro il 2030 come parte degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Gli stati membri dell’OMS hanno approvato una serie di interventi per aiutare a ridurre i quattro principali fattori di rischio per  NCD: uso del tabacco , uso dannoso di alcol, diete malsane e inattività fisica. Nel 2018, la commissione indipendente di alto livello dell’OMS sui NCD, di cui The Lancet è partner, ha richiesto azioni coraggiose da parte dei capi di stato per prevenire e curare le NCD e promuovere la salute e il benessere mentale.

Pubblicità

“L’OMS ha fornito una tabella di marcia per aiutare i governi a rispondere alla sfida di ridurre le morti premature prevenibili da malattie non trasmissibili, e abbiamo deciso di vedere se viene seguito nella pratica e, in caso contrario, perché ciò potrebbe essere”, afferma Dr. Luke Allen dell’Università di Oxford, Regno Unito.

Per la loro analisi, gli autori hanno utilizzato i rapporti sui progressi pubblicati dall’OMS nel 2015 e nel 2017, che hanno monitorato la misura in cui sono state attuate 18 politiche NCD in 151 paesi. Per valutare i paesi in base al modo in cui hanno attuato le politiche, hanno assegnato un punto per ogni politica pienamente attuata, mezzo punto per l’attuazione parziale e zero per nessuna implementazione, o quando non c’erano dati (questi sono stati poi convertiti in percentuale) . Gli autori hanno classificato i paesi in base alla percentuale di politiche che avevano applicato.

Il nuovo studio ha rilevato che, nel complesso, l’attuazione è migliorata da una media del 42% nel 2015 al 49% nel 2017, quindi la percentuale di politiche attuate è rimasta poco meno della metà. 109 paesi hanno aumentato il numero di politiche NCD attuate, ma in 32 paesi i progressi sono stati invertiti. Nel Sud Sudan e ad Haiti, solo il 5% delle politiche è stato attuato nel 2017, mentre Costa Rica e Iran hanno ottenuto i punteggi più alti di attuazione congiunti, quasi all’87%.

In media, l’attuazione è migliorata per 14 delle 18 politiche. Le più comunemente implementate sono state l’introduzione di linee guida cliniche, avvertenze grafiche sull’imballaggio del tabacco e indagini sui fattori di rischio nazionali per NCD. Le meno diffuse sono state le politiche relative al mercato, tra cui la tassazione del tabacco, le campagne sui mass media del tabacco e i divieti di pubblicità sugli alcolici, oltre a fornire terapia farmacologica cardiovascolare. Molti paesi hanno fatto un passo indietro nel promuovere l’attività fisica attraverso campagne sui mass media (in media, l’implementazione è scesa dal 61% al 54%) e sull’imposizione di restrizioni alla vendita e alla promozione dell’alcol (l’attuazione dei divieti di pubblicità sull’alcool è diminuita del 10% tra 2015 e 2017; dal 43% al 33%).

I ricercatori hanno analizzato le associazioni tra l’entità dell’implementazione e sette indicatori politici, geografici, economici e di mortalità come l’indice di democrazia di ogni nazione, il gruppo di reddito della Banca mondiale e il rischio di morte prematura da malattie non trasmissibili. I risultati suggeriscono che sono state implementate più politiche nei paesi democratici di centro-sinistra. Gli autori affermano che, in teoria, le democrazie sono più sensibili alle loro popolazioni, sebbene sottolineino che potrebbero anche avere meno probabilità di imporre misure che limitino i profitti del settore. Ad esempio, gli Stati Uniti hanno ottenuto risultati scarsi in termini di politiche relative al mercato e sono arrivati al 50esimo posto su 151 paesi in totale per la percentuale di tutte le politiche che aveva attuato.

Molti paesi ad alto reddito erano tra i primi 20 per implementazione, mentre i punteggi erano più bassi nei paesi a basso reddito. Ad esempio, 17 dei 20 paesi con valori inferiori erano nell’Africa sub-sahariana. Tuttavia, alcuni paesi hanno sfidato questa tendenza. Ad esempio, i punteggi di attuazione più alti sono stati raggiunti da due paesi a medio reddito, l’Iran e il Costa Rica, mentre la Moldavia si è classificata al quinto posto per l’implementazione della politica NCD, nonostante sia arrivata 130 ° su 151 paesi in termini di reddito nazionale lordo.

“Sebbene le risorse finanziarie siano utili, attuare le politiche del NCD non è necessariamente costoso e alcune, come le tasse, possono effettivamente generare entrate, aggiungendo al bilancio di un paese piuttosto che essere un drenaggio”, afferma Beatrice Yeung dell’Università di Oxford, UK.

Gli autori evidenziano diversi limiti al loro studio. Ad esempio, alcune politiche sono più efficaci di altre nella lotta contro le malattie non trasmissibili, ma i punteggi di implementazione le trattano come equivalenti. Nel frattempo, l’analisi di possibili spiegazioni per l’ampia variabilità nell’attuazione è stata in grado di identificare le associazioni, ma queste non possono essere viste come cause.

Annunci

Categorie:Dai media e web

Con tag:,,