Compliance

La transizione verso l’età adulta aumenta i rischi psichiatrici per gli adolescenti con diabete tipo 1

Come gli adolescenti con diabete tipo 1 crescono fino all’età adulta, la probabilità che sperimentino disturbi dell’umore o tentano il suicidio può aumentare, secondo i risultati pubblicati su Diabetes Care.

“Gli adolescenti e gli adulti emergenti con diabete tipo 1 affrontano numerose sfide legate alla gestione del diabete quando si verificano altre priorità nella competizione sociale, educativa e finanziaria inerenti all’età adulta emergente”, Elham Rahme , PhD, professore associato nella divisione di epidemiologia clinica del dipartimento di medicina di McGill Università di Montreal e colleghi hanno scritto. “Durante questo periodo critico, la transizione verso la cura del diabete negli adulti può ulteriormente esacerbare il rischio di disturbi psichiatrici in cui fattori sottostanti, come cambiamenti nei fornitori di assistenza per il diabete, nuove strutture di trattamento, aumento del livello di responsabilità e differenze nella gestione della malattia, potrebbero contribuire a questo rischio.”

Pubblicità e progresso

Rahme e colleghi hanno valutato lo sviluppo di disturbi dell’umore e psichiatrici, tentativi di suicidio e decessi e visite psichiatriche dai 15 ai 25 anni tra 3.544 adolescenti con diabete (47,3% ragazze) e 1.388.397 adolescenti senza diabete (49,1% ragazze). I dati sono stati raccolti dal sistema integrato di sorveglianza delle malattie croniche del Quebec fino al 31 marzo 2015.

C’era un rischio del 33% per i disturbi dell’umore tra gli adolescenti con vs. senza diabete (HR aggiustata = 1,33; IC 95%, 1,19-1,5) e un rischio maggiore del 29% per disturbi psichiatrici (aHR = 1,29; IC 95%, 1,21- 1.37).

Rispetto al rischio per i soggetti senza diabete, c’era un rischio 3,24 volte maggiore che un partecipante avrebbe avuto un tentativo di suicidio (aHR = 3,24; IC al 95%, 1,79-5,88) e un rischio 1,82 volte maggiore che un partecipante avrebbe avuto bisogno di vedere uno psichiatra (aHR = 1,82; IC 95%, 1,67-1,98) se avevano il diabete.

“Abbiamo scoperto che gli adolescenti e gli adulti emergenti con diabete erano ad aumentato rischio di disturbi psichiatrici rispetto a quelli senza diabete”, hanno scritto i ricercatori. “Le nostre osservazioni hanno implicazioni sostanziali per gli adolescenti e gli adulti emergenti con diabete. Disturbi psichiatrici sono associati a gravi esiti avversi correlati al diabete tra gli adulti emergenti con diabete, come ricoveri più frequenti e più lunghi in ospedale, frequenza più alta di chetoacidosi diabetica, episodi ipoglicemici più frequenti e più gravi e peggioramento del controllo glicemico. “