Terapie

Gli antidepressivi riducono la crisi iperglicemica nel diabete con disturbo depressivo

Gli adulti con diabete e disturbo depressivo trattati con farmaci antidepressivi hanno avuto meno episodi di crisi iperglicemica rispetto a quelli che non assumevano farmaci antidepressivi, secondo i risultati pubblicati sul Journal of Diabetes and its Complications

“L’episodio di crisi iperglicemica include la chetoacidosi diabetica e la sindrome iperglicemica iperosmolare , entrambe le quali possono essere pericolose per la vita se non trattate”, Yu- Chih Shen, MD, PhD, direttore del dipartimento di psichiatria dell’ospedale Buddista Hualien Tzu Chi,  Medical Foundation e professore associato nel dipartimento di sviluppo umano presso la Tzu-Chi University School of Medicine di Taiwan, e colleghi hanno scritto. “Anche dopo un episodio di crisi iperglicemica, un rischio di mortalità ancora più elevato osservato durante il periodo di follow-up sottolinea l’importanza di prevenire episodi di crisi iperglicemiche per migliorare i risultati per i pazienti.”

Pubblicità e progresso

Shen e colleghi hanno confrontato i dati di una coorte di 26.746 adulti con diabete e disturbo depressivo (60,8% di età 30-49 anni; 57,5% donne) con i dati di una coorte di 106.853 adulti con diabete ma nessun disturbo depressivo (60,8% di età 30- 49 anni; 57,5% donne). Il database di ricerca sull’assicurazione sanitaria nazionale di Taiwan ha fornito dati dal 1999 al 2013 sul numero di episodi di crisi iperglicemiche e diagnosi di diabete e disturbo depressivo.

Gli adulti con diabete e disturbo depressivo hanno manifestato 2,87 episodi di crisi iperglicemica per 1.000 anni-persona, e gli adulti con diabete da soli hanno manifestato 2,5 per 1.000 anni-persona. Il rischio di episodio di crisi iperglicemica tra gli adulti con diabete e disturbo depressivo è stato 1,78 volte maggiore di quanto non fosse negli adulti con solo diabete (HR = 1,78; IC al 95%, 1,56-2,03). Gli uomini avevano un rischio 1,37 volte maggiore rispetto alle donne (HR = 1,37; IC al 95%, 1,26-1,49) e gli adulti con un punteggio di almeno 3 sull’indice di comorbidità Charlson avevano un rischio 3,47 volte maggiore rispetto a quelli che avevano zero sull’indice (HR = 3,47; IC al 95%, 3,01-4,01). Inoltre, un punteggio da 1 a 2 sull’indice di comorbidità Charlson era associato a un rischio 2,28 volte maggiore rispetto a un punteggio zero sull’indice (HR = 2,28; IC al 95%, 2,07-2,51).

Sono fornite tre ragioni per spiegare i meccanismi alla base della relazione tra depressione e aumento del rischio di episodi di crisi iperglicemiche. Innanzitutto, i sintomi della depressione hanno creato problemi che impedivano l’autogestione del diabete “, hanno scritto i ricercatori. “In secondo luogo, nei pazienti con depressione si osservano spesso lamentele somatiche multiple, che possono portare i medici a essere considerarle psicosomatiche e dimenticare la possibilità di segnali di allarme di scarso controllo glicemico. … In terzo luogo, potrebbe esserci una mancanza di continuità nella cura del diabete, poiché le malattie fisiche e mentali sono spesso trattate separatamente e la separazione geografica, amministrativa e delle risorse crea ambiguità sulla responsabilità della salute fisica di questi pazienti. ”

I ricercatori hanno inoltre osservato che il 50,8% degli adulti con diabete e disturbo depressivo utilizzava antidepressivi a lungo termine, che i ricercatori hanno definito come “uso uguale o maggiore della mediana di tutti gli utenti di stimolanti”. Secondo i ricercatori, con crisi iperglicemica il rischio di episodi è stato ridotto del 59% se un partecipante ha usato un antidepressivo a lungo termine rispetto a niente. (HR = 0,41; IC al 95%, 0,34-0,49).

“Questo studio evidenzia la necessità di prestare maggiore attenzione al rischio di episodi di crisi iperglicemiche nei pazienti diabetici con depressione e l’importanza di un uso corretto degli antidepressivi può ridurre il rischio di episodi di crisi iperglicemiche”, hanno scritto i ricercatori.

Categorie:Terapie

Con tag: