Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

La scansione CGM produce solo intermittentemente una qualità di vita “stabile”, riduce i test di ipoglicemia rispetto a quelli delle dita

Quando gli adulti con diabete di tipo 1 usano un monitor continuo del glucosio a scansione intermittente, non devono sacrificare la qualità della vita per sperimentare benefici, come un minor numero di episodi di ipoglicemia e visite in ospedale, secondo i risultati pubblicati su Diabetes Care.

Pubblicità

“Abbiamo visto un notevole calo del numero di persone che hanno riportato grave ipoglicemia o coma ipoglicemico. Probabilmente, correlato, anche il diminuito numero di persone che hanno perso ore di lavoro, il che rappresenta un importante vantaggio sia a livello individuale che sociale, ” Pieter Gillard, MD, PhD, assistente capo clinico nel dipartimento di endocrinologia dell’Università degli Ospedali di Lovanio e professore associato presso l’Università di Lovanio in Belgio.“ I dati mostrano che l’uso nella vita reale di CGM a scansione intermittente nel contesto di un ampio rimborso e di un’istruzione strutturata può portare a benefici clinici e risparmi diretti e indiretti. Questo può essere utile quando si decide in merito al rimborso di CGM a scansione intermittente.”

Gillard e colleghi hanno valutato i cambiamenti nella qualità della vita auto-segnalata, nonché episodi di ipoglicemia e chetoacidosi, cambiamenti nell’HbA1c e il numero di giorni di lavoro mancati tra 1.913 adulti in Belgio con diabete di tipo 1 che hanno utilizzato un CGM a scansione intermittente (età media, 45,8 anni; 46,1% donne). Abbott Freestyle Libre CGM non includeva la scansione attiva del sensore o allarmi per livelli di glicemia alti o bassi, non richiedeva alcuna calibrazione e aveva una durata del sensore di 14 giorni. I questionari sono stati completati a 6 e 12 mesi e confrontati con i valori registrati al basale. I ricercatori hanno anche utilizzato rapporti personali e cartelle cliniche per accedere a HbA1c, numero di visite in ospedale, episodi di ipoglicemia e chetoacidosi, HbA1c e giornate lavorative perse agli stessi intervalli durante un periodo di 1 anno.

A 12 mesi, i ricercatori hanno notato una lettura “complessivamente stabile” nella maggior parte dei dati misurati sulla qualità della vita. Nel frattempo, il 2,2% dei partecipanti ha manifestato ipoglicemia o chetoacidosi che hanno richiesto una visita in ospedale a 12 mesi rispetto al 3,3% dei partecipanti che avevano manifestato tali eventi al basale ( P = 0,031). Inoltre, il 7,8% dei partecipanti presentava ipoglicemia che richiedeva aiuto da un’altra persona a 12 mesi rispetto al 14,6% al basale ( P <0,0001). I ricercatori hanno anche scoperto che l’1,1% dei partecipanti aveva manifestato un coma ipoglicemico a 12 mesi rispetto al 2,7% dei partecipanti al basale ( P= .001). L’analisi ha inoltre rivelato che il 2,9% dei partecipanti aveva perso il lavoro per un motivo correlato al diabete a 12 mesi contro il 5,8% al basale ( P <0,0001).

Ci sono state anche riduzioni della percentuale di partecipanti che hanno manifestato ipoglicemia di livello 1 (HbA1c tra 54 mg / dL e 70 mg / dL; 4,5% vs. 5,1%; P <.0001) o ipoglicemia di livello 2 (HbA1c 54 mg / dL; 3,5% vs. 4%; P <.0001) quando si confrontano i dati a 12 mesi con i dati di base.

“Questa osservazione, combinata con il fatto che gli utenti CGM scansionati in modo intermittente hanno valutato il sistema molto più conveniente rispetto al classico test col prelievo del sangue dalle  dita, mostra che questa tecnologia può essere implementata con successo attraverso centri specializzati nel diabete”, ha affermato Gillard.

I ricercatori hanno anche osservato che l’1% dei partecipanti ha sospeso il dispositivo a causa di reazioni cutanee, che hanno interessato l’11% dei partecipanti.

“Recentemente, sono stati identificati due allergeni causali nel cerotto del sensore adesivo, vale a dire isobornil acrilato e N, N- dimetilacrilammide”, hanno scritto i ricercatori. “L’osservazione che le reazioni cutanee potrebbero comparire precocemente e successivamente nel primo anno sembra indicare che cumulativamente, l’11% delle persone subirà un qualche tipo di reazione cutanea durante l’utilizzo del dispositivo. Ciò è in linea con la scarsa letteratura sulla prevalenza dell’allergia cutanea correlata alla CGM a scansione intermittente. ”.

Divulgazione: Gillard comunica che ha fatto parte del gruppo consultivo per la Bayer, Boehringer Ingelheim, Janssen Pharmaceuticals, Medtronic, Novo Nordisk, Roche e Sanofi, e in qualità di relatore per Abbott Laboratories, Bayer, Boehringer Ingelheim, Dexcom, Medtronic, Merck Sharp & Dohme e Roche, e da A. Menarini Diagnostics, Medtronic, Roche e Sanofi. 

Pubblicità