Mangiare

L’indice infiammatorio dietetico fa prevedere la gravità del diabete (tipo 2)

Un punteggio più alto sull’indice infiammatorio dietetico – che indica una dieta più proinfiammatoria – ha avuto una significativa associazione con il diabete, secondo un nuovo studio.

Pubblicità

L’associazione con il diabete era ancora più forte quando l’HbA1c di un paziente è superiore al 9%, i ricercatori hanno anche scritto nel Journal of the American Board of Family Medicine.

L’indice infiammatorio alimentare è uno strumento che misura l’impatto dei diversi tipi di cibo e sostanze nutritive in biomarker infiammatori, secondo Dana E. King, MD, MS , e giugno Xiang, MS, MA , del dipartimento di medicina di famiglia a West Virginia Università. Hanno valutato l’associazione tra lo strumento e il diabete durante un’analisi trasversale di 4.434 adulti (età media, 49,4 anni; indice di massa corporea medio, 29,3 kg / m 2 e indice infiammatorio medio del diabete, 0,65). Dei partecipanti, il 14,1% aveva il diabete e il 26,5% aveva il prediabete.

King e Xiang hanno scoperto che il punteggio medio dell’indice infiammatorio del diabete negli adulti con la malattia era di 0,79. Il punteggio nei soggetti senza patologia era 0,5. Inoltre, i pazienti con HbA1c superiore al 9% avevano punteggi dell’indice dietetico infiammatorio significativamente più alti rispetto a quelli con HbA1c dal 6,5% al ??9% (1,37 contro 0,54) e quelli con HbA1c del 6,5% o inferiore (1,37 contro 0,5). I ricercatori hanno anche scoperto che un aumento di un punto del punteggio dell’indice infiammatorio del diabete ha aumentato le probabilità del diabete del 13%. Tra gli adulti diabetici, ogni aumento di un punto nel punteggio dell’indice infiammatorio dietetico ha incrementato le probabilità di avere HbA1c superiore al 9% del 43%.

“Il nostro studio ha confermato che l’indice infiammatorio dietetico è fortemente associato alla gravità del diabete: più è “infiammatoria” la dieta di un paziente, più è probabile che il suo diabete sia grave”, ha detto King. “Speriamo che i risultati spingano i medici di base a porre ancora più domande sull’assunzione di cibi raffinati e zuccherati nei loro pazienti con diabete, in particolare quelli con livelli più alti di HbA1c.”

Pubblicità

Categorie:Mangiare

Con tag:,