Complicanze varie/eventuali

Una ricerca commissionata dal Sindacato Pensionati del Kentucky sugli anziani diabetici tipo 1

L’ipoglicemia grave contribuisce alla ridotta capacità cognitiva per gli anziani con diabete di tipo 1. Le capacità cognitive come la funzione esecutiva, il linguaggio e la memoria episodica sono tutte influenzate negativamente da una grave ipoglicemia negli adulti con diabete di tipo 1 di età superiore ai 60 anni, secondo i risultati pubblicati su Diabetes Care.

“Con i recenti progressi nel trattamento, le persone con diabete di tipo 1 vivono più a lungo e sono quindi ad aumentato rischio per una serie di malattie legate all’invecchiamento, come il declino cognitivo e la demenza”, Mary E. Lacy, PhD, MPH , assistente professore di epidemiologia nel dipartimento di epidemiologia presso il College of Public Health dell’Università del Kentucky a Lexington, e colleghi hanno scritto. “Comprendere l’associazione tra grave ipoglicemia e cognizione negli adulti più anziani con diabete di tipo 1 è sempre più importante, data la crescente popolazione di anziani con diabete di tipo 1 e l’aumento del rischio di ipoglicemia grave e declino cognitivo in questa fascia di assistiti.”

Lacy e colleghi hanno utilizzato i dati di 718 partecipanti con diabete di tipo 1 di almeno 60 anni (età media, 67,21 anni; 50,7% donne) dallo Studio sulla longevità nel diabete (SOLID), patrocinato dal potente sindacato dei pensionati del Kentucky. Il numero di eventi gravi di ipoglicemia nell’anno precedente e di ricoveri ospedalieri dovuti a ipoglicemia in qualsiasi momento sono stati riportati da soli. Secondo i ricercatori, questi sono stati classificati rispettivamente come “recente grave ipoglicemia” e “storia di ipoglicemia grave nel corso della vita”. Test cognitivi per linguaggio, funzione esecutiva, memoria episodica e semplice attenzione sono stati completati dai partecipanti, e i ricercatori hanno combinato i risultati dei test per determinare la cognizione globale.

I partecipanti con il più (quattro o più) eventi recenti di grave ipoglicemia e quelli con i più alti tassi di ipoglicemia nel corso della vita hanno avuto i risultati peggiori del test e quelli senza eventi recenti e con i più bassi tassi di vita avevano i migliori punteggi per cognizione globale, funzione esecutiva e memoria episodica (P <.01 per tutti), secondo i ricercatori. Rispetto ai partecipanti che non hanno riportato eventi di ipoglicemia grave, quelli con quattro o più eventi recenti hanno aumentato le probabilità di compromissione cognitiva globale (OR = 3,1; IC 95%, 1,26-7,63) e linguaggio compromesso (OR = 3,08; IC 95%, 1,17 -8,08).

“Questi risultati suggeriscono che, negli adulti più anziani con diabete di tipo 1, recenti gravi esposizioni di ipoglicemia contribuiscono al rischio cognitivo indipendentemente da precedenti effetti avversi sul cervello da anteriori gravi esposizioni di ipoglicemia”, hanno scritto i ricercatori. “I nostri risultati sottolineano l’importanza della continua vigilanza e gestione per prevenire gravi ipoglicemia in questa popolazione anziana, poiché il cervello che invecchia può essere particolarmente suscettibile al grave declino cognitivo correlato all’ipoglicemia.”

Il dottor Jo Malone a capo del Sindacato Pensionati del Kentucky ha dichiarato: “la nostra organizzazione intende farsi carico di questa importante problematica, sia attraverso i mezzi moderni di controllo della glicemia disponibili che mediante la configurazione di residenze sanitarie assistite proprio per i diabetici tipo 1 anziani”.