Mangiare

Il consumo di caffè non influenza la sensibilità all’insulina

Il consumo di quattro tazze di caffè al giorno non influisce sulla sensibilità all’insulina, secondo uno studio pubblicato online il 31 dicembre sull’American Journal of Clinical Nutrition.

Derrick Johnston Alperet, dell’Università Nazionale di Singapore, e colleghi hanno condotto uno studio di 24 settimane su 126 adulti in sovrappeso, non sensibili all’insulina, di età compresa tra 35 e 69 anni. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere quattro tazze di caffè normale istantaneo o quattro tazze di una bevanda placebo al giorno (62 e 64 in ciascun gruppo, rispettivamente). La quantità di glucosio metabolizzata per chilogrammo di peso corporeo al minuto (M bw ) è stata misurata come risultato primario.

I ricercatori non hanno osservato cambiamenti significativi nella sensibilità all’insulina con il consumo di caffè rispetto al placebo (differenza media percentuale in M bw , 4,0 percento; intervallo di confidenza al 95 percento [CI], da -8,3 a 18,0 percento; P = 0,53). Inoltre, non vi sono state differenze tra i gruppi durante 24 settimane di intervento nel glucosio plasmatico a digiuno o mediatori biologici dell’insulino-resistenza come adiponectina plasmatica. Rispetto ai partecipanti al braccio placebo, quelli nel braccio del caffè hanno sperimentato una perdita di massa grassa (?3,7 percento; IC al 95 percento, da ?6,3 a ?1,1 percento; P = 0,006) e una riduzione delle concentrazioni urinarie di creatinina (?21,2 percento ; IC al 95 percento, da -31,4 a -9,5 percento; P = 0,001).

“Il consumo di caffè era associato a una modesta perdita di massa grassa rispetto alla bevanda placebo , e questo potenziale impatto sull’adiposità merita la conferma in ulteriori studi”, scrivono gli autori.

Diversi autori sono impiegati della Nestlé Research, che ha finanziato lo studio.

Categorie:Mangiare

Con tag:,,