Terapie

Le differenze genetiche aiutano a distinguere il diabete di tipo 1 nei bambini dal “tipo 1.5 – LADA” negli adulti

I ricercatori del CHOP ritengono che la scoperta potrebbe portare a metodi diagnostici più efficaci.

Filadelfia, 8 gennaio 2020 – Un team multicentrico di ricercatori guidato dall’ospedale pediatrico di Filadelfia (CHOP) ha scoperto una firma genetica che potrebbe aiutare a distinguere una forma di diabete ad insorgenza adulta che condivide molte caratteristiche del diabete di tipo 1 (T1D) da quelle pediatriche – T1D, aprendo la porta a test diagnostici potenzialmente più semplici per la condizione dell’adulto e migliorando le risposte assicurando ai pazienti di ricevere il trattamento più appropriato.

“Questa è la nostra prima visione delle differenze genetiche tra il diabete autoimmune latente negli adulti e il T1D nei bambini che possono essere utili dal punto di vista diagnostico”, ha affermato il leader dello studio Struan Grant, PhD, condirettore del Center for Spatial and Functional Genomics presso CHOP e Daniel B. Burke Presidente per la ricerca sul diabete. “Abbiamo trovato un modo genetico di discriminare tra le due condizioni senza screening anticorpale costoso e ingombrante”.

Lo studio è stato pubblicato online il 16 dicembre 2019 su Diabetes Care.

Il diabete autoimmune latente negli adulti (LADA) viene talvolta definito “diabete di tipo 1.5” perché condivide le caratteristiche del diabete sia di tipo T1D che di tipo 2 (T2D). Come T1D, LADA produce autoanticorpi i quali attaccano le cellule beta che producono insulina nel pancreas. Tuttavia, come quelli con T2D, i pazienti con LADA vengono diagnosticati in età adulta e non richiedono insulina al momento della diagnosi. Per questo motivo, LADA è spesso erroneamente diagnosticato come T2D; gli studi hanno dimostrato che fino al 10% delle diagnosi di T2D sono, di fatto, LADA e, di conseguenza, i pazienti non rispondono ai trattamenti comunemente inappropriati prescritti.

Un precedente studio di associazione su tutto il genoma condotto da CHOP ha scoperto che, dal punto di vista genetico, LADA ha più in comune con T1D che con T2D. I ricercatori volevano fare un tuffo più profondo e cercare differenze genetiche che potrebbero aiutare a discriminare tra LADA e T1D, il che significa come la diagnosi di LADA potenzialmente riuscirebbe ad iniziare con un semplice array di genotipi, piuttosto che con uno screening degli autoanticorpi più complesso e costoso.

Per fare ciò, il team ha deciso di esaminare il principale complesso di istocompatibilità (MHC), una regione altamente variabile del genoma che aiuta a guidare il sistema immunitario ed è implicata nel T1D. Studi precedenti hanno dimostrato che quando i ricercatori controllano le varianti genetiche del T1D in una parte dell’MHC, altre varianti associate al T1D compaiono in un’altra parte dell’MHC.

Il team di studio ha applicato tale metodologia sia a una serie di dati T1D che a una coorte di pazienti LADA. Hanno scoperto che quando si è trattato del gruppo T1D, i risultati degli studi precedenti hanno tenuto: il controllo delle varianti genetiche in una parte dell’MHC ha rivelato variabili in un’altra parte dell’MHC.

Tuttavia, i ricercatori non hanno riscontrato lo stesso effetto nei pazienti con LADA. Nel controllare le varianti genetiche nell’MHC in quei pazienti, l’associazione aggiuntiva non è stata osservata all’interno di questa regione chiave, un’importante distinzione genetica tra le due condizioni. Quando è stato applicato un test di sensibilità alle due coorti, i ricercatori hanno visto l’effetto solo nei pazienti con T1D, non in quelli con LADA.

“Ciò suggerisce che queste associazioni di classe MHC potrebbero essere un discriminatore genetico tra LADA e T1D ad insorgenza infantile”, ha affermato Diana Cousminer, PhD, genetista presso CHOP e autrice congiunta dello studio. “Il prossimo passo è esaminare questa associazione in diverse etnie, in particolare di origine africana, in cui la prevalenza del diabete ad insorgenza adulta può essere significativamente più elevata in alcune parti del mondo”.

###

Il finanziamento per lo studio è venuto dal National Institutes of Health (concede K99 HD099330 e R01 DK085212) e Daniel B. Burke Endowed Chair for Diabetes Research.

Rajashree Mishra, Mikael Åkerlund, Diana L. Cousminer, et al. “Discriminazione genetica tra LADA e diabete di tipo 1 a esordio infantile all’interno della MHC”, Diabetes Care , online 16 dicembre 2019. https: / / doi. org / 10. 2337 / dc19-0986

Informazioni sull’ospedale pediatrico di Filadelfia: l’ospedale pediatrico di Filadelfia è stato fondato nel 1855 come primo ospedale pediatrico della nazione. Grazie al suo impegno di lunga data nel fornire un’eccezionale assistenza ai pazienti, nella formazione di nuove generazioni di operatori sanitari pediatrici e nelle principali iniziative di ricerca pionieristiche, l’ospedale pediatrico ha promosso molte scoperte a beneficio dei bambini di tutto il mondo. Il suo programma di ricerca pediatrica è tra i più grandi del paese. Inoltre, i suoi esclusivi programmi di assistenza centrata sulla famiglia e di servizio pubblico hanno portato il riconoscimento ospedaliero a 564 letti come uno dei principali sostenitori di bambini e adolescenti. Per ulteriori informazioni, visitare http: // www. chop. edu

 

Categorie:Terapie

Con tag:,,