Mangiare

Priorità dietetiche e politiche per ridurre le crisi globali di obesità e diabete

Pubblicità

Il mondo affronta una crisi nutrizionale globale, chiaramente evidenziata dalle pandemie gemelle di obesità e diabete di tipo 2 (T2DM). Tuttavia, sussistono sostanziali confusioni e controversie sulle priorità dietetiche ottimali e sugli approcci politici per affrontare queste sfide. Questo documento esamina l’evoluzione delle prove nutrizionali, delle aree emergenti e delle corrispondenti lezioni politiche per affrontare l’obesità e il T2DM. Ciò include la complessità dei percorsi dieta-salute per il mantenimento a lungo termine del peso e la salute metabolica; la necessità di concentrarsi sia sull’aumento degli alimenti protettivi (ad esempio cibi minimamente trasformati, ricchi di sostanze fitochimiche) sia sulla riduzione di fattori dannosi (ad esempio amidi raffinati, zuccheri aggiunti e carni trasformate); e valutazione critica delle diete popolari per la perdita di peso e la salute metabolica. Le prove emergenti evidenziano le aree per ulteriori ricerche, compresi quelli relativi alla trasformazione alimentare, dolcificanti non nutritivi, emulsionanti, microbioma, flavonoidi e nutrizione personalizzata. È stato dimostrato che le azioni politiche multisettoriali basate sull’evidenza per affrontare la crisi alimentare globale abbracciano diversi settori, tra cui sistemi sanitari, incentivi economici, ambienti scolastici e lavorativi, standard di qualità ed etichettatura, innovazione e imprenditorialità.

Il “doppio onere” della malnutrizione e delle malattie croniche provoca enormi perdite economiche e perdita del potenziale umano per tutta la durata della vita. A livello globale, una cattiva alimentazione è responsabile del 41% di tutti i decessi (3,2 milioni all’anno di malnutrizione infantile e materna, 10,9 milioni all’anno di malattie croniche) e del 48% degli anni di vita persi adeguati alla qualità (327 e 255 miliardi all’anno, rispettivamente). Il sistema alimentare aggrava anche le disparità di salute legate all’alimentazione, creando un circolo vizioso di malattia, scarso rendimento scolastico e lavorativo e stentato potenziale. Il settore alimentare provoca il 25% delle emissioni di gas a effetto serra, il 32% del consumo globale di energia, il 69% del consumo di acqua dolce, l’80% di deforestazione e la perdita di resilienza del nostro suolo e degli oceani. La portata di questi impatti sulla salute, sull’economia, sull’equità e sulla sostenibilità è sconcertante, eppure è rimasta sottovalutata o accettata come status quo da governi, pubblico, sistemi sanitari e imprese. Questa mancanza di prioritizzazione sta tuttavia cambiando rapidamente, almeno in parte a causa del riconoscimento dei crescenti costi sanitari ed economici dell’obesità legata alla dieta e del diabete di tipo 2 (T2DM). Dal 1980, il numero di adulti con obesità è aumentato da 100 milioni a 671 milioni in tutto il mondo; e con T2DM, da 108 a 422 milioni di 9 , 10. Questo è un fenomeno globale: nessuna nazione al mondo ha subito un declino dell’obesità o del T2DM; la prevalenza di T2DM in Giappone (8,4%), India (9,1%) e Cina (9,9%) supera quella degli Stati Uniti (8,2%) 10; e il 55% dell’aumento dell’adiposità a livello globale (80% in alcune regioni a basso e medio reddito) è dovuto all’aumento delle aree urbane a discapito delle rurali. Se non controllate, queste pandemie globali gemellate decimeranno la salute della popolazione, la produttività economica e la capacità del sistema sanitario in tutto il mondo.

Pubblicità

Mentre viene apprezzata l’importanza di una buona alimentazione per la salute e la riduzione delle malattie legate all’alimentazione, molte persone sono confuse su ciò che costituisce una dieta sana. Come altri campi scientifici, la scienza nutrizionale è in rapida evoluzione, con metodi in costante miglioramento e una base di prove crescente 12. A differenza di molti campi, questi progressi scientifici nella nutrizione si combinano con profonde sovrapposizioni personali e socioculturali e fonti di informazioni contrastanti, intensificando lo scetticismo e la confusione. Inoltre, questa evoluzione si è verificata in meno di 100 anni. La prima metà del ventesimo secolo fu caratterizzata dalla scoperta e dalla sintesi di tutte le principali vitamine, dalla documentazione dei loro ruoli nelle malattie da carenza di nutrienti e dal riconoscimento di una popolazione globale in crescita che richiedeva massicci aumenti nella produzione alimentare. Insieme alle carenze alimentari della Grande Depressione e della Seconda Guerra Mondiale, questi progressi scientifici convergevano per enfatizzare il ruolo del cibo come veicolo di consegna per vitamine selezionate e calorie base. La successiva Green Revolution ha creato intenzionalmente un moderno sistema alimentare per massimizzare le colture economiche e i loro alimenti stabili, ricchi di amido e ricchi di vitamine. I successi di questo approccio non dovrebbero essere sottovalutati, comprese notevoli riduzioni della fame globale e delle malattie classiche da carenza di nutrienti.

Non è stato fino agli anni ’80 che la scienza e la politica nutrizionale hanno iniziato a riconoscere e rivolgersi in modo significativo alle malattie croniche. La precedente strategia riduzionista, così efficace per le malattie da carenza di nutrienti, è stata naturalmente estesa, ad esempio creando un focus isolato su grassi totali, grassi saturi e zucchero. Tuttavia, negli ultimi due decenni, un’esplosione di nuovi studi e metodologie dimostra che la qualità degli alimenti e della dieta specifica, piuttosto che le metriche focalizzate sui nutrienti, sono più rilevanti per affrontare le malattie croniche come l’obesità e il T2DM. Questa evoluzione della moderna scienza dell’alimentazione chiarisce molto sullo stato del campo oggi, comprese le attuali direzioni di ricerca nutrizionale, linee guida, politiche e aree di dibattito e confusione.

Questo documento esamina prove, aree emergenti e lezioni corrispondenti per le moderne priorità dietetiche e politiche per affrontare l’obesità e il T2DM. Data la portata di questi problemi il sistema alimentare è fondamentale per il benessere, i costi sanitari, le disparità sanitarie e la sostenibilità planetaria. Mentre la dieta influenza molte malattie, le pandemie globali di obesità e T2DM sono particolarmente notevoli. In meno di un secolo, la moderna scienza della nutrizione è notevolmente migliorata, evidenziando le priorità chiave per affrontare l’obesità e il T2DM. Gli impatti significativi del sistema alimentare sulla salute, sull’economia, sull’equità e sull’ambiente, insieme all’aumento del riconoscimento pubblico e dell’industria alimentare circa questi temi, hanno creato un’opportunità per la leadership di creare soluzioni significative e durature. Tali sforzi devono essere catalizzati da politiche multisettoriali, con i governi che svolgono un ruolo speciale. Ciò include una necessità urgente di scoperta e innovazione di alimenti e di nutrizione notevolmente ampliate, non intende essere esaustiva, ma una sintesi di argomenti chiave pertinenti.

Pubblicato il 13 gennaio 2019 in Nature  Food (testo integrale), autore il professor Dariush Mozaffarian Friedman School of Nutrition Science & Policy, Tufts University, Boston, MA, USA