Topolinia, vapori e fantascienza

Diffidare delle indicazioni di benefici per la salute da probiotici online

La maggior parte dei siti Web che forniscono informazioni sui probiotici non sono affidabili e le richieste di benefici contro le malattie si basano spesso su esperimenti sui topi.

Pubblicità

Il pubblico dovrebbe diffidare della ricerca di informazioni probiotiche online poiché la maggior parte delle pagine web proviene da fonti inaffidabili e le indicazioni sui benefici per la salute spesso non sono supportate da solide prove scientifiche.

Un nuovo studio, pubblicato su Frontiers in Medicine, avverte che mentre Google è in grado di ordinare i siti Web più affidabili in cima all’elenco, la maggior parte dei siti che forniscono informazioni sui probiotici provengono da fonti commerciali.

“La maggior parte delle pagine Web con informazioni sui probiotici provengono da fonti commerciali o notiziari, ma forniscono le informazioni meno complete, tali da non discutere di potenziali effetti collaterali o problemi normativi”, riferisce l’autore, il professor Pietro Ghezzi, della Brighton and Sussex Medical School, Regno Unito .

“Troviamo anche molti siti Web che alludono ai benefici dei probiotici nelle malattie per le quali non ci sono prove scientifiche di alto livello, tranne che nei topi”.

I probiotici sono organismi vivi che, se la ricerca mantiene le promesse, potrebbero essere utili per la salute. Esiste un ampio mercato statunitense di probiotici, ma meno nell’UE, probabilmente a causa di una regolamentazione più rigorosa per le indicazioni sulla salute. Tuttavia, il mercato dei probiotici si espande continuamente con la globalizzazione delle vendite online.

Dovremmo credere alla pubblicità?

Preoccupato del fatto che il pubblico abbia aspettative non realistiche circa gli effetti benefici dei probiotici (rafforzati dalle affermazioni online e dalla pubblicità nelle notizie), Ghezzi e i suoi colleghi hanno deciso di valutare le informazioni a cui il pubblico era esposto durante le ricerche online.

“Abbiamo valutato le prime 150 pagine Web riprese da una ricerca di Google per “probiotici”, registrate da dove provengono e le malattie che hanno citato. Le prove scientifiche per i benefici per la salute dei probiotici contro queste malattie sono state quindi esaminate per rigore scientifico”, spiega il co -autore Michel Goldman, professore all’Institute for Interdisciplinary Innovation in healthcare, Université libre de Bruxelles, Belgio.

I ricercatori hanno utilizzato la libreria Cochrane – un database di studi clinici e meta-analisi di medicina basata sull’evidenza – per valutare la forza delle prove scientifiche trovate online.

Goldman aggiunge: “Abbiamo anche esaminato il modo in cui Google ha classificato questi siti Web, in quanto spesso il pubblico non supererà i primi dieci risultati – questi avranno quindi una maggiore visibilità e impatto”.

Attenzione alle fonti inaffidabili

I notiziari e le fonti commerciali costituivano la maggior parte delle 150 pagine Web e l’analisi ha mostrato come questi erano i meno affidabili, spesso senza menzionare gli effetti collaterali sugli individui immunocompromessi né eventuali problemi normativi. Inoltre, i risultati degli esperimenti sui topi sono stati usati per fare affermazioni sui benefici probiotici contro le malattie nell’uomo.

Ma non sono tutte brutte notizie. Ghezzi spiega che Google ha sviluppato criteri molto rigorosi per classificare i siti Web relativi alla salute, tuttavia, dovremmo sempre chiederci da dove provengono le informazioni.

“Google dà la priorità alle pagine web contenenti informazioni più complete e scientificamente affidabili sui probiotici, in particolare i portali sanitari, e questi hanno un posizionamento più elevato rispetto ai siti Web commerciali. Tuttavia, il fatto che ci sia una così grande quantità di informazioni orientate al commercio è problematico per i consumatori che sono alla ricerca di risposte oneste “.

Pubblicità