Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Il sistema a controllo mobile d’insulina circuito chiuso migliora la pompa potenziata dal sensore nel prevenire l’ipoglicemia

tumblr_5accc19c6eeddc1dc28ca678de85ad7d_e31a21c6_540I pazienti con diabete di tipo 1 possono essere in grado di evitare l’ipoglicemia in modo più efficace senza un aumento degli episodi iperglicemici se usano un sistema di controllo a circuito chiuso mobile invece di una pompa potenziata dal sensore, secondo i risultati pubblicati su Diabetes Care.

“Il controllo mobile a circuito chiuso può essere un’alternativa allettante ai sistemi di pancreas artificiali con algoritmi di controllo integrati nella pompa per insulina, offrendo alcuni potenziali vantaggi come un’interfaccia utente più elaborata, la portabilità tra i dispositivi e una migliore esperienza utente”, John Lum MS, di il Jaeb Center for Health Research di Tampa, in Florida, e colleghi hanno scritto.

Lum e colleghi hanno assegnato in modo casuale 13 settimane di utilizzo di un sistema di controllo a circuito chiuso mobile che incorporava il software AP Control in uno smartphone (n = 65; età media, 33 anni; 49% donne) o una pompa con sensore aumentato (n = 62; età media, 32 anni; 45% donne) ai partecipanti con diabete di tipo 1. I ricercatori hanno stabilito livelli basali di glucosio utilizzando i dati di monitoraggio continuo del glucosio a partire da 2 settimane prima dell’inizio della sperimentazione, quindi hanno confrontato la frequenza in un arco di 13 settimane i partecipanti presentavano livelli di glucosio inferiori a 3,9 mmol / L o ipoglicemia e / o livelli di glucosio superiori a 10 mmol / L o iperglicemia.

Nell’arco di 13 settimane, i partecipanti che hanno utilizzato il sistema di controllo a circuito chiuso mobile hanno manifestato ipoglicemia il 2,4% delle volte rispetto al 5% delle volte al basale. Al contrario, per 13 settimane, i partecipanti che hanno utilizzato la pompa aumentata dal sensore hanno manifestato ipoglicemia il 4% delle volte rispetto al 4,7% delle volte al basale, pari a una media aggiustata dell’1,7% (IC al 95%, da -2,4 a -1) differenza tra i due gruppi, dimostrando la superiorità del sistema di controllo ad anello chiuso mobile, secondo i ricercatori.

Sostieni Il Mio Diabete

Grazie al tuo contributo potremo promuovere eventi e iniziative a sostegno della cura, formazione e assistenza per i diabetici, sostenere borse di studio per la ricerca. Grazie

€10,00

Per 13 settimane, i partecipanti che hanno utilizzato il sistema di controllo a circuito chiuso mobile hanno manifestato iperglicemia il 34% delle volte rispetto al 40% delle volte al basale, mentre i partecipanti che hanno utilizzato la pompa aumentata del sensore hanno manifestato iperglicemia il 39% delle volte rispetto a 43 % del tempo al basale, equivalente a una differenza media corretta del 3% (IC 95%, da –6,1 a 0,1) tra le due coorti. Ciò ha indicato che il sistema di controllo ad anello chiuso mobile non era inferiore, secondo i ricercatori.

Inoltre, i ricercatori hanno notato che quando si trattava di fattori come il tempo nel range e il verificarsi di ipoglicemia e iperglicemia, i “benefici del sistema di controllo a circuito chiuso mobile erano particolarmente evidenti durante la notte”.

“Questo studio ha raggiunto i suoi risultati primari predefiniti, mostrando la superiorità di un sistema mobile ad anello chiuso rispetto alla terapia con pompa potenziata dal sensore in termini di ridotto rischio di ipoglicemia , accompagnato da una non inferiorità in termini di esposizione all’iperglicemia”, hanno scritto i ricercatori. “Tuttavia, il fattore di forma del sistema a circuito chiuso, mobile o incorporato, può influenzare l’affidabilità e l’usabilità del sistema. I nostri risultati suggeriscono che i sistemi mobili a circuito chiuso saranno probabilmente opzioni praticabili in futuro, a condizione che la connettività di sistema possa essere raggiunta in modo affidabile.”

Divulgazione : TypeZero Technologies, Dexcom, Riche Diabetes Care e Ascensia hanno contribuito per questo studio. Lum riferisce di aver ricevuto finanziamenti e altri aiuti da NIDDK, JDRF, Helmsley Charitable Trust, Animas Corp., Bigfoot Biomedical, Eli Lilly e Tandem Diabetes Care. Si prega di consultare lo studio per tutte le informazioni finanziarie pertinenti di tutti gli altri autori.