Vivo col Diabete

I tassi di mortalità scendono nelle persone anziane con diabete, ma non nei giovani

Sostieni Il Mio Diabete

Grazie al tuo contributo potremo promuovere eventi e iniziative a sostegno della cura, formazione e assistenza per i diabetici, sostenere borse di studio per la ricerca. Grazie

€10,00

Una nuova ricerca che copre l’intera popolazione di Hong Kong mostra che, mentre i tassi di mortalità per qualsiasi causa (mortalità per tutte le cause), le malattie cardiovascolari e il cancro stanno precipitando nel complesso e negli adulti con diabete dai 45 ai 74 anni, quelli nei giovani adulti dai 20 ai 44 anni i pari tassi stanno cambiando a malapena.

Avere il diabete come adulto più giovane continua ad avere un impatto molto maggiore sul rischio di morte dell’individuo rispetto agli adulti più anziani , conclude lo studio del Dr. Andrea Luk, Università cinese di Hong Kong, Hong Kong, Cina e colleghi, che viene pubblicato in Diabetologia (il giornale della European Association for the Study of Diabetes [EASD]).

Lo studio, che copre il periodo di 16 anni dal 2001 al 2016 e includeva l’intera popolazione di Hong Kong, mostra come nel 2016 gli uomini con diabete avevano solo 1,5 volte (o il 50%) più probabilità di morire per qualsiasi causa rispetto a quelli senza la condizione, rispetto a un tasso di mortalità quasi tre volte maggiore nel 2001. Per le donne con diabete, nel 2016 hanno avuto 1,7 volte (o il 70%) più probabilità di morire rispetto alle donne senza diabete, rispetto a un tasso di mortalità aumentato di 3,3 volte nel 2001.

Sebbene i tassi di mortalità complessivi per qualsiasi causa siano molto più bassi nei giovani, le differenze nei tassi di mortalità tra i giovani con e senza diabete erano molto maggiori rispetto agli anziani nel 2001, e lo sono rimasti nel 2016. Uomini di età compresa tra 20 e 44 anni con diabete avevano una probabilità otto volte maggiore di morire per qualsiasi causa rispetto a quelli senza diabete nel 2001 e cinque volte più probabilità nel 2016. Per le donne di età compresa tra 20 e 44 anni con diabete, avevano sei volte più probabilità di morire per qualsiasi causa rispetto a quelle senza condizione nel 2001 e cinque volte più probabile nel 2016.

Lo studio ha utilizzato i dati dell’intera popolazione di Hong Kong (attualmente 7,3 milioni), che consiste principalmente di persone di etnia cinese le quali vivono uno stile di vita occidentale. I dati provenivano da una coorte di diabetici su tutto il territorio identificata dal sistema di cartelle cliniche elettroniche dell’autorità ospedaliera di Hong Kong. Le morti tra il 2001 e il 2016 sono state identificate dal collegamento con il registro delle morti di Hong Kong.

Tra il 2001 e il 2016 sono stati inclusi un totale di 390.071 uomini e 380.007 donne di età pari o superiore a 20 anni con diabete. Ci sono state 96.645 morti tra uomini e 88.437 morti tra donne. I tassi di mortalità per tutte le cause, malattie cardiovascolari e cancro tra tutte le persone con diabete sono diminuiti del 52%, 72% e 65% negli uomini, rispettivamente, e del 54%, 79% e 60% nelle donne, rispettivamente.

Per la mortalità per tutte le cause tra le persone di età compresa tra 20 e 44 anni, il calo dei tassi all’anno nel periodo di studio è stato del -3,2% per gli uomini e dell’1,2% per le donne, ma nessuno dei due era statisticamente significativo. Il calo dei tassi annui tra le persone con diabete di età compresa tra 45 e 74 anni è stato del -6,1% per gli uomini e del -6,7% per le donne, che erano statisticamente significativi.

Considerando il totale calo della mortalità, la percentuale dei decessi per tutte le cause nelle persone con diabete di età compresa tra 20 e 44 anni è diminuita del 33,8% per gli uomini e del 6,9% per le donne dal 2001 al 2016 (ma, di nuovo, nessuno dei due era statisticamente significativo). Ma nei diabetici di età compresa tra 45 e 74 anni, la mortalità per tutte le cause è diminuita del 58,9% per gli uomini e del 63,6% per le donne dal 2001 al 2016, entrambi statisticamente significativi.

Gli autori affermano che i risultati di questa nuova ricerca sono coerenti con gli studi di altri paesi sviluppati, tra cui Stati Uniti, Canada, Regno Unito e Australia. Per quanto riguarda questi risultati specifici di Hong Kong, affermano che la riduzione di oltre il 50% del tasso di mortalità per tutte le cause nelle persone con diabete durante il periodo di studio di 16 anni è degna di nota e può essere correlata ai molti cambiamenti che si sono verificati nel tessuto sociale e sistema sanitario a Hong Kong negli ultimi due decenni, oltre a dimezzare i tassi di fumo nella regione dal 1982 e mantenendo stabili i tassi di obesità dalla metà degli anni ’90 (mentre l’obesità è aumentata rapidamente da allora nella maggior parte dei paesi sviluppati).

Dicono: “I miglioramenti meno marcati nei tassi di mortalità per tutte le cause tra i giovani di Hong Kong e in altre regioni sono preoccupanti poiché questi individui sono nella prima età della produttività economica e gli alti tassi di mortalità prematura finiscono per avere un impatto sulla società “.

Concludono: “Usando i dati di controllo, abbiamo rivelato importanti riduzioni dei tassi di mortalità per tutte le cause, malattie cardiovascolari e cancro e della mortalità rispetto alla popolazione non diabetica negli uomini e nelle donne con diabete a Hong Kong tra il 2001 e il 2016. I cali sono stati più marcati nei gruppi di età più avanzata rispetto a quelli più giovani, suggerendo che sono necessarie strategie di prevenzione e assistenza più mirate per le nuove generazioni. Le molteplici modifiche alla politica e al sistema introdotte in risposta alla crescente prevalenza del diabete a Hong Kong potrebbero aver contribuito a questi cambiamenti secolari e potrebbero servire da riferimento per altre regioni in via di sviluppo che affrontano sfide simili. ”

diabetes

 

Categorie:Vivo col Diabete

Con tag:,