Ricerca

Le attuali conoscenze sulla patogenesi del diabete di tipo 1: genetica nell’ambiente

struzzo

Diabete di tipo 1 (T1D) è una malattia autoimmune che di solito colpisce all’inizio della vita, ma può farlo a quasi tutte le età. È causato dalle cellule T autoreattive che distruggono le cellule beta che producono insulina nel pancreas. Gli studi epidemiologici stimano una prevalenza di 1 su 300 bambini negli Stati Uniti con un’incidenza crescente del 2% -5% all’anno in tutto il mondo.

Pubblicità

La responsabilità quotidiana, la gestione clinica e la vigilanza sono necessari per mantenere i livelli di zucchero nel sangue entro i limiti normali ed evitare complicazioni acute (episodi ipoglicemici e chetoacidosi diabetica) e complicanze micro e macro-vascolari a lungo termine influiscono in modo significativo sulla qualità della vita e sui costi dell’assistenza sanitaria pubblica.

Dato l’impatto espansivo del T1D, il lavoro di ricerca è stato accelerato e il T1D viene studiato a fondo con l’obiettivo di comprendere meglio, gestire e curare questa condizione. Negli ultimi decenni sono stati fatti molti progressi in questo senso, ma permangono questioni chiave sul perché alcune persone sviluppano T1D, ma non altre, con l’esempio lampante dell’incidenza di malattie discordanti tra i gemelli monozigoti.

In questa recensione, i diabetologi e scienziati del Dipartimento di Pediatria, Johns Hopkins Medical Center, Baltimora, Stati Uniti dibattono circa l’attuale comprensione del campo della sua fisiopatologia e il ruolo della genetica e dell’ambiente sullo sviluppo del T1D. Esaminando le potenziali implicazioni di questi risultati con un’enfasi sui modelli di ereditarietà T1D, studi gemellari e prevenzione delle malattie.

Sostieni Il Mio Diabete

Grazie al tuo contributo potremo promuovere eventi e iniziative a sostegno della cura, formazione e assistenza per i diabetici, sostenere borse di studio per la ricerca. Grazie

€10,00

Sebbene molti fattori genetici siano implicati nello sviluppo del T1D, si ritiene ampiamente che debbano essere coinvolti fattori ambientali. La suscettibilità genetica persiste per tutta la vita. Gli individui possono sviluppare T1D in qualsiasi momento dall’età da 1 a 100 anni, suggerendo che “il T1D precipita in individui geneticamente sensibili, molto probabilmente a causa di un innesco ambientale”. Ciò è supportato anche dai tempi temporalmente discordanti dello sviluppo del T1D (se non del tutto) nei gemelli monozigoti. Numerosi fattori ambientali sono stati suggeriti come potenziali rischi e fattori protettivi che incidono sull’incidenza del T1D come virus, sviluppo antropometrico, etnia, età e peso della madre, microbiota, numero di fratelli, stagione, dieta e posizione geografica tra gli altri fattori.

Alcuni dei primi casi attribuiti al T1D furono scoperti dagli antichi indiani intorno al 1500 a.C. quando si notò che i pazienti avevano una minzione eccessiva che avrebbe attratto le formiche a causa della sua dolcezza. Questa condizione era stata successivamente riconosciuta come malattia e alla fine aveva ricevuto il nome T1D. All’inizio, T1D era una condanna a morte perché nessuno capiva la patogenesi o poteva gestirla. Le persone colpite soffrirebbero di una fame insaziabile e lentamente si perderebbero e morirebbero per complicazioni acute. Dopo le scoperte seminali di Joseph von Mering e Oskar Minkowski nel 1889 del ruolo del pancreas in T1D e Frederick Banting e Charles Best sule capacità di purificare l’insulina (negli anni ’20) dal pancreas animale per l’uso nel trattamento di pazienti con T1D, la vita con diabete è diventato un problema di gestione e non di morte certa.

Da allora, sono stati compiuti progressi significativi nella comprensione del T1D come malattia con un’eziologia multifattoriale, compresi i fattori genetici, che colpiscono principalmente il sistema immunitario adattivo e fattori scatenanti ambientali. Tuttavia, la nostra comprensione della patogenesi del T1D rimane incompleta. Ci sono ancora molte domande sul perché particolari varianti genetiche predispongono alla malattia, in che modo epigenetico e fattori ambientali contribuiscono all’insorgenza della malattia (soprattutto dato il tasso di discordanza del 40% -60% in gemelli identici) e se altre genetiche non riconosciute e / o i fattori immunologici svolgono un ruolo fondamentale nello sviluppo e nella progressione del T1D ( cioè , cellule DE o FasL).

 

È urgente rispondere a queste domande poiché i pazienti soffrono ancora di una qualità della vita ridotta a causa dell’elevato onere terapeutico, del rischio di ipoglicemia potenzialmente letale e di complicanze potenzialmente debilitanti degli organi terminali. La ricerca attuale incentrata su questi parametri per chiarire la patogenesi di questa malattia dovrebbe aiutare nello sviluppo di nuovi trattamenti che potrebbero prevenire l’insorgenza della malattia o rallentare la progressione identificando nuovi obiettivi per l’immunoterapia o i vaccini per prevenirne l’avvio. Nel complesso, mentre la battaglia contro il T1D è ancora in corso, la ricerca ci ha fornito gli strumenti per ottenere il sopravvento e le conoscenze per sperare di vincere la battaglia nelle fasi iniziali o prima che abbia inizio.

Attraverso una migliore comprensione di questo processo, è possibile sviluppare interventi per prevenirlo o arrestarlo nelle fasi iniziali.

Lo studio, per intero, è pubblicato in World Journal of Diabetes del 15 gennaio 2019.

Pubblicità