Terapie

Lo strumento di previsione del diabete tipo 2 sopravvaluta il rischio e crea ansia inutile

patient_1579453853

Il questionario FINDRISCè stato ampiamente utilizzato per prevedere il grado di rischio di una persona di restare colpita dal diabete di tipo 2, ma i nuovi risultati mostrano che non identifica adeguatamente gli individui più vulnerabili.

Il diabete di tipo 2 è causato dallo stile di vita e dai geni. Le persone che non fanno sport, attività fisica, o che sono in sovrappeso, obese, sono tra quelle a maggior rischio.

Il punteggio di rischio per il programma diabete finnico, o FINDRISC, è uno strumento raccomandato per verificare il rischio con cui una persona può sviluppare il diabete di tipo 2. Il questionario chiede ai pazienti il ??loro stile di vita, le misurazioni del corpo e la loro storia medica e famigliare.

“I risultati sono molto meno utili per prevedere se qualcuno svilupperà il diabete nei prossimi dieci anni più di quanto pensassimo”, afferma Anne Jølle, specialista in medicina generale presso il Dipartimento di medicina sociale e infermieristica di NTNU.

Lo strumento per il diabete sopravvaluta il rischio, rendendo più difficile lo screening per le persone che hanno effettivamente bisogno di aiuto. Può anche creare ansia inutile.

Jølle è il primo autore di un nuovo studio pubblicato su Open Diabetes Research & Care .

La nuova ricerca mostra che i risultati di FINDRISC non sono affidabili. Le pratiche odierne si basano su uno studio degli anni ’90. La ricerca dell’NTNU e dell’ospedale di St. Olavs mostra che, poiché lo strumento viene utilizzato ora, non funziona correttamente.

Sopravvaluta e offre una scarsa selezione

“Stiamo scoprendo che il rischio effettivo di sviluppare il diabete tra le persone con punteggi FINDRISC elevati è solo la metà di quanto pensassimo. Lo strumento non è adatto per identificare le persone a rischio più elevato”, afferma Jølle.

Dice: “in precedenza, su una scala da 0 a 26, si pensava che le persone con un punteggio di 15 o superiore avessero almeno il 30% di rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 nei successivi 10 anni.

Ma i nostri risultati mostrano che il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 nei successivi 10 anni è solo del 15% circa, o metà di quello che pensavamo, per le persone con quel punteggio”, afferma Jølle.

Monitorate 47.804 persone per 10 anni

Il gruppo di ricerca di NTNU ha seguito 47.804 persone che non avevano diagnosi di diabete all’inizio dello studio.

I partecipanti avevano tutti i 20 anni o più quando hanno partecipato al grande studio HUNT3 dal 2006 al 2008. HUNT (The Nord-Trøndelag Health Study) ha raccolto informazioni sulla salute delle persone nella contea di Trøndelag dagli anni ’80 e i loro dati sono ora ampiamente utilizzati negli studi longitudinali.

I ricercatori hanno confrontato i dati sanitari utilizzati dal database HUNT con le informazioni del Norwegian Prescription Database per vedere se i partecipanti avevano ricevuto farmaci per abbassare i livelli di glucosio nel sangue in un periodo di 10 anni. Se li avessero avuti, erano considerati diabetici di tipo 2.

Nessuna proiezione pratica

“Avremmo potuto scegliere di dire invece che tutti con un punteggio FINDRISC di 11 o superiore avevano un rischio maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2 nei prossimi 10 anni”, afferma l’ultimo autore e il professor Bjørn Olav Åsvold di HUNT.

Tale approccio avrebbe potuto consentire ai ricercatori di catturare fino a tre persone su quattro che accrescerebbero le probabilità di avere il diabete nei prossimi dieci anni. Tuttavia, uno su tre norvegesi sarebbe quindi potenzialmente finito in un gruppo interpretato come a rischio aumentato, e solo uno su 10 in questo gruppo avrebbe effettivamente sviluppato il diabete nei dieci anni successivi.

Questo non è un metodo di screening particolarmente pratico per identificare individui ad alto rischio. Né è utile per identificare con precisione chi dovrebbe essere invitato a partecipare ai programmi di prevenzione.

Nessun punto senza misure preventive

“Il punto di calcolo del rischio di diabete di tipo 2 è identificare le persone a maggior rischio, in modo che possano essere invitate a prendere misure preventive efficaci”, afferma Åsvold.

La direzione norvegese per la salute e gli affari sociali raccomanda misure di “intervento strutturato intensivo sullo stile di vita”. Ciò significa che un trattamento vario e interdisciplinare dovrebbe essere preventivo. Di solito consiste in attività fisica, esercizio fisico, cambiamenti nella dieta e terapia comportamentale.

“Monitorare le persone ad alto rischio di sviluppare il diabete è una sfida. Richiede al personale e al  servizio sanitario primario tempo, che non può fornire per come è organizzato oggi. Quello che raccomandiamo è il follow-up con i pazienti per più di sei mesi, più volte un settimana”, dice Jølle.

La raccomandazione si basa sulla creazione di servizi locali a bassa soglia basati su gruppi nelle comunità. Il medico di famiglia dovrebbe indirizzare i pazienti a questi gruppi, che attualmente si chiamano Frisklivssentraler (Centri di vita sana), ma possono anche consistere in altri tipi di programmi di gruppo. Diversi studi dimostrano che l’insorgenza e la progressione del diabete di tipo 2 possono essere ritardate con questo tipo di intervento. Questo è esattamente ciò che è raccomandato in Norvegia.

Preoccupazioni inutili e selezione impropria

“Due problemi nel modo in cui viene utilizzato oggi FINDRISC sono che sopravvaluta il rischio, causando ansia per molte persone non realmente a rischio e identifica le persone sbagliate. Ciò significa che la maggior parte delle persone bisognose di essere seguite non capiscono, rendendo la proiezione completamente inutile”, dice Jølle.

Finora, ci sono state poche ricerche per vedere se FINDRISC fa ciò che ha promesso. Forse è stato dato per scontato che ti puoi fidare del programma.

“Ciò che sembra intuitivamente corretto deve essere documentato anche con i risultati della ricerca se le misure devono essere implementate come parte della pratica basata sulla conoscenza. A mio avviso, le linee guida della direzione norvegese per la salute in merito allo screening per il diabete di tipo 2 dovrebbero essere modificate”, afferma Jølle.

Sono necessari strumenti migliori

“Questo è uno studio importante che mette all’ordine del giorno la valutazione del rischio e la prevenzione del diabete di tipo 2”, afferma Kåre I. Birkeland, professore all’Istituto di Medicina Clinica dell’Università di Oslo.

Birkeland è anche a capo del Consiglio medico della Norwegian Diabetes Association.

“Lo studio richiama l’attenzione su nuovi interessanti aspetti. Sottolinea la necessità di strumenti migliori rispetto a FINDRISC per identificare gli individui a rischio di diabete di tipo 2 che richiedono misure preventive speciali”, afferma.

A Birkeland non sorprende che i risultati dello studio siano diversi in una coorte identificata in Norvegia dal 2006 al 2008 che è stata seguita per 10 anni dopo, rispetto alle condizioni in Finlandia 10-15 anni prima.

“Sappiamo che l’incidenza del diabete è aumentata notevolmente in quel periodo, e il modo in cui diagnostichiamo il diabete oggi è completamente diverso. Come anche gli autori commentano nell’articolo, l’uso del test HbA1c ha reso la diagnosi molto più facile per i medici di medicina generale, e ha anche cambiato la popolazione a cui è stata diagnosticata “, afferma.

Alla luce di ciò, Birkeland trova in qualche modo sorprendente che questo studio non abbia mostrato un’incidenza di diabete di 10 anni più elevata rispetto a quella riscontrata in Finlandia 10-15 anni prima.

Anche il trattamento del diabete oggi è molto diverso, poiché il numero e i tipi di farmaci disponibili sono aumentati in modo significativo. Questo fattore influisce anche sui risultati, poiché l’incidenza del diabete è stata valutata sulla base di chi ha usato i farmaci per il diabete.

“Spero che i risultati stimoleranno i ricercatori a sviluppare modelli nuovi e migliori per la ricerca di individui ad alto rischio per il diabete di tipo 2, oltre a identificare i fattori protettivi. Forse in base ai risultati dello studio HUNT4?” dice Birkeland.

Politica sanitaria

Turid G. Spilling, Responsabile delle comunicazioni della Diabetes Association, è d’accordo. “HUNT è un importante studio, che evidenzia l’importanza della ricerca clinica di pari passo a quello di laboratorio e transazionale”, afferma.

Spill sottolinea che differenze nazionali e storiche indicano che FINDRISC potrebbe non avere la stessa capacità di prevedere il diabete in Norvegia negli anni 2000 come in Finlandia negli anni ’80.

I risultati di HUNT mostrano anche l’importanza degli studi epidemiologici in grado di catturare i cambiamenti importanti per la nostra salute. In questo contesto sarebbe particolarmente utile disporre di un registro nazionale del diabete costantemente aggiornato, almeno su base annuale.

“Ora è importante che i risultati di HUNT siano inseriti nell’agenda delle politiche sanitarie, in modo da disporre di strumenti migliori per la diagnosi precoce del diabete di tipo 2. In questo modo, più persone possono ottenere aiuto prima e possiamo impedire che molte persone sviluppino gravi complicazioni in seguito “, afferma Spilling.