Terapie

E’ allarme: la multimorbidità porta i medici di base a soffrire di esaurimento

Il rischio che i medici generici (medici di base) soffrano il burnout aumenta con il numero di pazienti aventi storie mediche complesse.

Pubblicità

C’è una differenza tra vedere un paziente con un catalogo di due o più malattie croniche gravi e un paziente sano che ha solo bisogno di una prescrizione medica per curare un caso di cistite.

Un nuovo studio danese dell’Unità di ricerca di medicina generale dell’Università di Aarhus, in Danimarca, mostra che avere molti pazienti con patologie croniche multiple – nota come multimorbidità – sottopone i medici generici a stress mentale. E a tal punto da rischiare il burnout. Inoltre, altri studi hanno dimostrato che anche i pazienti con multimorbidità ricevono un trattamento peggiore nel sistema sanitario.

Lo studio si basa su ricerche precedenti che dimostrano come esista un numero crescente di pazienti con multimorbidità, questo  significa che aumenta anche la prevalenza di medici con sintomi di mancanza di benessere e rischio di esaurimento.

E’ la conclusione di Anette Fischer Pedersen, ricercatrice senior presso l’unità di ricerca di medicina generale e professore associato presso il dipartimento di medicina clinica dell’Università di Aarhus. Sta guidando il presente studio, che è appena stato pubblicato sulla rivista scientifica British Journal of General Practice .

“Una delle nostre scoperte nello studio è che tra il quarto dei medici di medicina generale che nel 2016 ha avuto il minor numero di pazienti con multimorbidità, il sette per cento aveva quella che chiamiamo sindrome del burnout completo. Questo contrasta con la cifra del dodici per cento tra il quarto che ha avuto il maggior numero di pazienti con multimorbidità.

“Credo che il risultato mostri l’importanza di guardare da vicino le condizioni di lavoro dei medici di medicina generale.

“Dato che le cose sono oggi nel contesto del tempo e della remunerazione dei medici generici, spesso non vi è alcuna differenza tra il trattamento di un paziente con una lunga e complessa storia di malattia e un paziente normalmente sano che è lì per ottenere cure per una malattia semplice. mette i medici di medicina generale sotto pressione “, afferma Anette Fischer Pedersen.

Uno dei punti focali dello studio è che documenta la correlazione tra il numero di pazienti con multimorbidità e il benessere dei medici generici – o la mancanza di benessere, pronunciata quando la percentuale di pazienti con multimorbidità era elevata.

Secondo Anette Fischer Pedersen, la sfida non può essere risolta solo dai medici generici che assegnano più tempo a pazienti complessi nel quadro in cui la medicina generale lavora oggi.

“Non è un segreto che ci sono aree in Danimarca dove c’è un livello di salute pubblica inferiore rispetto ad altre. Ciò può significare che sarà difficile far lavorare i medici in aree in cui la necessità di cure mediche competenti è più alta, semplicemente perché ci lavorano, è una proposta poco attraente. Se siamo determinati a lavorare per ridurre il rischio di esaurimento tra i medici di medicina generale, aiuteremo anche a prevenire le disuguaglianze nella salute “, afferma.

Dal 2004, l’unità di ricerca di medicina generale presso il Dipartimento di sanità pubblica dell’Università di Aarhus ha condotto una serie di studi di ricerca sul burnout tra i medici di medicina generale. Nel 2016, i ricercatori sono stati responsabili di un importante studio in collaborazione con l’Organizzazione dei medici di medicina generale in Danimarca, in cui il grado di burnout tra i medici di medicina generale è stato misurato utilizzando il metodo dell’inventario del burnout di Maslach. All’epoca, il 50,7 per cento dei 3.350 medici di medicina generale danesi aveva partecipato allo studio.

Pubblicità