Complicanze varie/eventuali

Lo screening diffuso degli autoanticorpi sui bambini, in generale, riduce la chetoacidosi diabetica nel diabete tipo 1 a esordio giovanile, potenzialmente letale, secondo una nuova ricerca

NEW YORK – 28 gennaio 2020 – La JDRF, la principale organizzazione mondiale che finanzia la ricerca sul diabete di tipo 1 (T1D), ha annunciato oggi nuove ricerche grazie alle quali si è scoperto che lo screening diffuso per gli autoanticorpi isolotti ha ridotto l’insorgenza di chetoacidosi diabetica potenzialmente letale (DKA) tra i bambini con T1D pre-sintomatico.

Lo studio finanziato dalla JDRF noto come Fr1da è stato pubblicato sul Journal of American Medical Association. Il progetto ha esaminato 90.632 bambini di età compresa tra 2 e 5 anni in Baviera, in Germania, durante le visite di cure primarie, rivelando T1D pre-sintomatico in 280 bambini, ovvero il 31% dei bambini sottoposti a screening. Di questi 280 bambini, il 24,9 percento ha sviluppato T1D e la prevalenza di DKA era inferiore al 5 percento, che è significativamente inferiore rispetto alla popolazione di bambini non schermati, dove la prevalenza di DKA è del 20 percento in Germania e di circa il 60 percento negli Stati Uniti.

“Se identifichiamo i bambini ad alto rischio di sviluppare T1D, possiamo monitorare la loro progressione della malattia per prevenire la DKA, una condizione pericolosa per la vita che spesso non viene diagnosticata, nonché potenzialmente arruolarli in studi clinici volti a fermare o ritardare la progressione verso T1D “, ha dichiarato Sanjoy Dutta, Ph.D., Vice President of Research presso JDRF. “JDRF sostiene con orgoglio questo studio da quando è stato lanciato ufficialmente nel 2015, e ci congratuliamo con il Dr. Ziegler e il suo team per questo lavoro critico che è diventato un modello per altre iniziative in tutto il mondo volte a migliorare i risultati sanitari per le persone con T1D.”

Lo studio Fr1da, condotto da Anette-Gabriele Ziegler, MD, Ph.D., direttore dell’Institute of Diabetes Research di Helmholtz Zentrum München, è il primo a introdurre screening pre-scolastici per T1D in una popolazione generale. Il successo dello studio mostra che sono possibili screening su larga scala e che ci sono chiari benefici nella diagnosi precoce di T1D.

“Un risultato cruciale dello studio è che esiste un rischio annuale del 9% per la progressione della malattia nei bambini con malattia pre-sintomatica”, ha affermato il dott. Ziegler. “Questo è notevolmente simile al rischio nei bambini geneticamente sensibili precedentemente studiati. La sua conseguenza è che possono essere usati più anticorpi per identificare i bambini con T1D pre-sintomatico che potrebbero beneficiare dell’intervento in qualsiasi popolazione infantile indipendentemente dal rischio genetico.”

Questa ricerca iniziale sta procedendo in diversi modi. Lo studio continuerà con il nome “Fr1da-plus“, aggiungendo bambini di 9 e 10 anni oltre ai bambini da 2 a 5 anni. I ricercatori eseguiranno anche un’analisi costi-benefici delle proiezioni, come parte delle prove per spostare lo screening nel settore della sanità pubblica come standard di assistenza. Inoltre, JDRF e Fr1da useranno questi dati per informare i protocolli di screening in futuro per supportare la missione di JDRF di accelerare le cure per T1D.

Questo studio è stato supportato in parte da una sovvenzione della JDRF. JDRF continuerà a supportare i partner nel mondo accademico, industriale e governativo per finanziare ricerche pionieristiche, e quindi tradurre queste conoscenze in terapie che possono impedire lo sviluppo di T1D ed eliminare la minaccia di T1D per le generazioni future.

###

Informazioni su JDRF

JDRF è la principale organizzazione globale che finanzia la ricerca sul diabete di tipo 1 (T1D). La nostra missione è quella di accelerare le scoperte che cambiano la vita per curare, prevenire e curare il T1D e le sue complicanze. Per raggiungere questo obiettivo, JDRF ha investito oltre 2,2 miliardi di dollari in finanziamenti per la ricerca sin dal nostro inizio. Siamo un’organizzazione costruita su un modello di base di persone che si collegano nelle loro comunità locali, collaborando a livello regionale per l’efficienza e un più ampio impatto sulla raccolta fondi e unendoci su un palcoscenico nazionale per riunire risorse, passione ed energia. Collaboriamo con istituzioni accademiche, responsabili delle politiche e partner aziendali e del settore per sviluppare e fornire una pipeline di terapie innovative per le persone che vivono con T1D. JDRF è impegnata a supportare i membri della comunità T1D fornendo risorse per aiutare a navigare nell’assistenza sanitaria e nell’assicurazione sanitaria. Il nostro personale e volontari negli Stati Uniti e le nostre sei affiliate internazionali sono dedicati alla difesa, all’impegno della comunità e alla nostra visione di un mondo senza T1D. Per ulteriori informazioni, visitare jdrf.org

In Italia la JDRF non è presente ma sappiamo che al San Raffaele di Milano stanno provvedendo a colmare questa lacuna.