Tecno

Microsoft lancia il programma AI for Health

Il nuovo programma quinquennale da $ 40 milioni mira a sfruttare il potere dell’intelligenza artificiale per migliorare la salute delle persone e delle comunità

Pubblicità

Mercoledì, Microsoft Corp. ha annunciato AI for Health, un nuovo programma quinquennale da 40 milioni di dollari e parte dell’iniziativa AI for Good, che sfrutterà la tecnologia dell’intelligenza artificiale (AI) per potenziare ricercatori e organizzazioni che affrontano alcune delle sfide più difficili del mondo in salute.

“L’intelligenza artificiale ha il potenziale per risolvere alcune delle maggiori sfide dell’umanità, come il miglioramento della salute delle comunità di tutto il mondo”, ha affermato Brad Smith, presidente di Microsoft. “Sappiamo che mettere questa potente tecnologia nelle mani di esperti che affrontano questo problema può accelerare nuove soluzioni e migliorare l’accesso per le popolazioni scarsamente servite. Ecco perché abbiamo creato l’IA per la salute”. In una nuova era di intensità tecnologica, in cui la tecnologia sta rimodellando ogni organizzazione e si sta incorporando nel tessuto di ogni aspetto della nostra vita, i progressi digitali continueranno a rimodellare il nostro mondo in modi profondi. L’IA rappresenta una delle priorità più importanti della tecnologia e l’assistenza sanitaria è forse l’applicazione più urgente dell’IA. Tuttavia, il talento e le risorse necessarie per dotare i ricercatori della salute di strumenti per distribuire intelligenza artificiale e scienza dei dati sono distribuiti in modo non uniforme. Oggi meno del 5% dei professionisti dell’IA nel mondo lavora in organizzazioni sanitarie e no profit. È fondamentale fornire a questi ricercatori orientati alla missione gli strumenti di cui hanno bisogno per accelerare ed espandere il loro lavoro.

Tramite AI for Health, Microsoft lavorerà per garantire che organizzazioni no profit, università e ricerca abbiano accesso alle più recenti tecnologie, risorse ed esperti tecnici per aiutare a implementare l’IA per accelerare la ricerca, generare intuizioni e migliorare l’accesso alle cure. L’iniziativa AI for Health si concentrerà su tre aree chiave:

  • Ricerca. Accelerare la ricerca medica per promuovere la prevenzione, la diagnosi e il trattamento delle malattie.
  • Approfondimenti sulla salute. Aumentare la nostra comprensione condivisa di mortalità e longevità per proteggerci dalle crisi sanitarie globali.
  • Equità sanitaria. Ridurre le disuguaglianze sanitarie e migliorare l’accesso alle cure per le popolazioni sottoservite.

Gli sforzi di Microsoft si baseranno sulle collaborazioni esistenti con le organizzazioni per aiutare a risolvere problemi urgenti, come scoprire la causa della sindrome della morte improvvisa infantile (SIDS), eliminare la lebbra, rilevare la retinopatia diabetica per prevenire la cecità e costruire un ecosistema che consenta una condivisione sicura e biomedica del biomedico dati.

Siamo onorati di annunciare numerosi beneficiari, tra cui BRAC, Fred Hutchinson Cancer Research Center, Intelligent Retinal Imaging Systems (IRIS), Novartis Foundation, PATH e Seattle Children’s Research Institute.

“Paesi come il Bangladesh, dove è stata fondata la BRAC, hanno fatto passi da gigante nell’equità della salute negli ultimi tre decenni. Sfortunatamente, almeno la metà della popolazione mondiale non ha ancora accesso ai servizi sanitari essenziali”, ha affermato Asif Saleh, direttore esecutivo, BRAC. “Attraverso le nostre aree di sensibilizzazione in Asia e Africa, vediamo un enorme potenziale nell’uso di analisi dei dati avanzata e intelligenza artificiale per colmare il divario tra” salute per alcuni “e” salute per tutti “e accogliamo con favore l’impegno di Microsoft nel realizzare questo obiettivo”.

“Lo sblocco e la condivisione dei dati è fondamentale per scoprire nuovi modi di curare e infine curare il cancro”, ha dichiarato il dott. Raphael Gottardo, direttore scientifico del Centro di ricerca integrata di scienza dei dati traslazionali, Fred Hutch. “Lavorando in stretta collaborazione con Microsoft, saremo in grado di sfruttare i nuovi progressi dell’IA, dell’apprendimento automatico e del cloud computing per stimolare l’innovazione e aprire nuove strade per prevenire e curare il cancro e le malattie correlate”.

“Il diabete è la principale causa di cecità nell’età adulta negli Stati Uniti; tuttavia, il 95% della perdita della vista è prevenibile grazie a terapie moderne come l’esame della retina diabetica (DRE)”, ha affermato il dott. Sunil Gupta, fondatore e direttore medico, Intelligent Retinal Imaging Systems (IRIS).

“Siamo in grado di avere un impatto enorme sulla vita delle persone attraverso la diagnosi precoce di malattie potenzialmente letali e le tecnologie avanzate possono accelerare questi sforzi”, ha affermato Steve Martin, CEO di IRIS. “Attraverso l’uso dell’IA, possiamo ridimensionare il nostro software diagnostico per raggiungere le comunità meno servite e contribuire a porre fine alla cecità prevenibile”.

“La lebbra è una delle più antiche malattie conosciute dall’uomo, ma oggi si stima che da 2 a 3 milioni di persone vivano ancora con la malattia”, ha dichiarato la dott.ssa Ann Aerts, capo della Fondazione Novartis. “In tutto il mondo, stiamo lavorando per accelerare gli sforzi per eliminare la lebbra concentrandoci sugli interventi che mirano a interrompere la trasmissione. L’uso dell’IA è trasformativo e un punto di svolta nel modo in cui possiamo accelerare il progresso e ridimensionare il nostro lavoro per raggiungere le persone bisognose “.

“In PATH siamo concentrati sull’uso dell’innovazione per rimuovere gli ostacoli in modo che tutti possano ricevere l’assistenza sanitaria di cui hanno bisogno per prosperare. Insieme a Microsoft, crediamo che ci sia un enorme potere nell’uso dell’IA per aiutarci a vedere tutte le comunità, identificare le malattie che colpiscono e infine migliorare il modo in cui forniscono assistenza. Solo quando ogni comunità ha l’opportunità di trasformare la propria salute, tutta l’umanità può avanzare “, ha dichiarato Jeff Bernson, MPA, MPH, Chief Data Officer, Vice President, Technology, Analytics e Marketing Innovazione, PATH

“Le recenti collaborazioni con il team di data science di Microsoft hanno già dimostrato come l’IA possa apportare una qualità più profonda della ricerca aiutandoci a scoprire importanti risposte sui disturbi respiratori e sulle cause della mortalità infantile come la sindrome della morte improvvisa infantile (SIDS)”, ha affermato Nino Ramirez , direttore del Center for Integrative Brain Research del Seattle Children’s Research Institute. “Siamo entusiasti dell’opportunità di continuare il nostro lavoro insieme, combinando i nostri talenti condivisi con strumenti informatici all’avanguardia che hanno il potere di trasformare il nostro campo e, in definitiva, salvare vite umane”.

Il nuovo programma fa parte dell’iniziativa AI per Good più ampia di Microsoft, un impegno di 165 milioni di dollari per dare potere a persone e organizzazioni che lavorano per creare un impatto positivo sulla società che affronta i problemi più difficili del mondo. L’iniziativa include AI per Accessibilità, AI per Beni Culturali, AI per Terra, AI per Salute e AI per Azione umanitaria.

Fonte: annuncio multimediale di Microsoft Corp.

 

Pubblicità

Categorie:Tecno

Con tag:,