Batticuore

Fattori di rischio per i primi e successivi eventi cardiovascolari nei diabetici di tipo 1: lo studio DCCT / EDIC

Il test di controllo del diabete e delle complicanze (DCCT) e il suo follow-up osservazionale in Epidemiology of Diabetes Intervention and Complications (EDIC) hanno dimostrato il ruolo dominante della glicemia, seconda solo all’età, come fattore di rischio per un primo evento cardiovascolare nel diabete tipo 1 (T1D). Ora i ricercatori dell’Università di Pittsburgh esaminiamo l’associazione tra i fattori di rischio accertati e l’onere delle malattie cardiovascolari totali (CVD), inclusi gli eventi successivi (cioè ricorrenti).

Pubblicità

Gli eventi CVD nei 1.441 partecipanti DCCT / EDIC sono stati analizzati separatamente per tipo (morte CVD, infarto miocardico acuto [MI], ictus, MI silenzioso, angina, innesto corioarico transluminale percutaneo / innesto di bypass coronarico [PTCA / CABG ] e insufficienza cardiaca congestizia [CHF]) o come esiti compositi (CVD o eventi cardiovascolari avversi maggiori [MACE]). I modelli di tasso proporzionale e i modelli condizionali hanno valutato le associazioni tra fattori di rischio e risultati CVD.

I risultati in un follow-up mediano di 29 anni: 239 partecipanti hanno avuto 421 eventi CVD e 120 individui hanno avuto 149 MACE. L’età era il fattore di rischio più forte per infarto miocardico acuto, MI silenzioso, ictus e PTCA / CABG, mentre la glicemia era il fattore di rischio più forte per morte CVD, CHF e angina, il secondo più forte per infarto miocardico acuto e PTCA / CABG, il terzo più forte per l’ictus e non associato a MI silenzioso. HbA 1c è stato il più forte fattore di rischio modificabile per un primo evento CVD (CVD: HR 1,38 [IC 951 1,21, 1,56] per 1% più elevato HbA1c; MACE: HR 1,54 [1,30, 1,82]) e anche per eventi CVD successivi ( CVD: rapporto di incidenza [IR] 1,28 [IC 95% 1,09, 1,51]; MACE: IR 1,89 [1,36, 2,61]).

In estrema sintesi si raccomanda una gestione glicemica intensiva per ridurre il rischio di eventi CVD iniziali nel T1D. Dopo un primo evento, un controllo glicemico ottimale può ridurre il rischio di eventi CVD ricorrenti e deve essere mantenuto.

Questo importante studio è stato pubblicato in Diabetes Care il 30 gennaio 2020.

Pubblicità