Tecno

I ricercatori del MIT dimostrano che è possibile il rilevamento del glucosio non invasivo

La misurazione delle concentrazioni di glucosio nel sangue richiede ancora l’accesso diretto al sangue medesimo, attraverso una puntura delle dita o tramite un glucometro continuo. Gli scienziati del MIT che lavorano con i colleghi del Samsung Advanced Institute of Technology in Corea del Sud hanno riferito di aver sviluppato un dispositivo di misurazione della glicemia non invasivo che potrebbe, finalmente, trasformare in realtà un obiettivo di lunga data della medicina e per i diabetici

I ricercatori, utilizzando una macchina delle dimensioni di una stampante, hanno dimostrato che è possibile utilizzare la spettroscopia Raman, una tecnica di imaging sicura e non invasiva, per misurare la quantità di glucosio presente nel sangue attraverso la pelle.

La spettroscopia Raman si basa sull’individuazione delle firme visive della luce in quanto è diffusa da varie molecole, consentendo di identificare quali sono quelle molecole. Usando la luce nel vicino infrarosso, si può penetrare e valutare la composizione molecolare del fluido interstiziale un paio di millimetri sotto la superficie della pelle e il glucosio al suo interno è correlato ai livelli di glucosio nel sangue. Uno dei maggiori problemi è che il glucosio è relativamente raro, quindi il suo segnale è difficile da rilevare da tutte le altre molecole che lo circondano.

“Quando si misura il segnale dal tessuto, la maggior parte dei segnali forti provengono da componenti solidi come proteine, lipidi e collagene. Il glucosio è una piccolissima quantità del segnale totale “, ha detto Jeon Woong Kang, uno dei ricercatori dello studio che appare sulla rivista Science Advances. “Per questo motivo, finora non abbiamo potuto effettivamente vedere il segnale del glucosio dal segnale misurato.”

Ora il team è stato in grado di misurare direttamente il segnale del glucosio proiettando la luce sulla pelle ad un angolo e raccogliendo la luce di ritorno da un altro angolo, un approccio sorprendentemente efficace. Ha portato a prestazioni molto migliori e consente al team di raccogliere picchi di glucosio Raman ignorando gran parte del segnale proveniente da altri componenti.

Hanno verificato il loro approccio nei suini da laboratorio, ma poiché il loro dispositivo è ancora abbastanza grande e voluminoso, c’è ancora un po’ di lavoro da fare per ridimensionarlo, in modo da renderlo abbastanza piccolo per l’uso da parte del popolo diabetico. “Questa è la prima volta che osserviamo direttamente il segnale del glucosio dal tessuto in modo transdermico, senza passare attraverso molti calcoli avanzati e l’estrazione del segnale”, ha affermato Peter So, un altro ricercatore di questa tecnologia.

Studio sulla rivista Science Advances : osservazione diretta dell’impronta digitale del glucosio mediante spettroscopia Raman in vivo

Via: MIT

Categorie:Tecno

Con tag:,,