Counseling/consulenze

Disturbi psichiatrici e tentativi di suicidio sostanzialmente più alti negli adolescenti e nei giovani adulti con diabete tipo 1

Diventare un adulto non è facile, ma affrontare il diabete di tipo 1 aggiunge un ulteriore livello di complessità e i giovani affetti da questa malattia cronica stanno pagando il prezzo con la loro salute mentale

In uno studio di coorte retrospettivo recentemente pubblicato su Diabetes Care, un team di ricercatori dell’Istituto di ricerca del McGill University Health Center (RI-MUHC) e l’Institut national de santé publique du Québec (INSPQ) mostrano che nella provincia del Quebec, Canada, i rischi di disturbi psichiatrici e tentativi di suicidio sono sostanzialmente più elevati nei giovani di età compresa tra 15 e 25 anni con diabete di tipo 1(T1D), che è una delle malattie croniche più comuni dell’infanzia. Gli autori hanno esaminato il rischio di disturbi psichiatrici negli adolescenti e negli adulti emergenti con diabete di tipo 1, rispetto alla stessa popolazione di età senza diabete. I loro risultati evidenziano l’importanza di identificare i disturbi psichiatrici tra adolescenti e giovani adulti con T1D e aumentare l’accesso ai servizi di salute mentale durante questo periodo vulnerabile della transizione.

Nel loro studio “Rischio di disturbi psichiatrici e tentativi di suicidio negli adulti emergenti con diabete“, il team di ricercatori ha utilizzato i dati del database QICDSS (Quebec Integrated Chronic Disease Surveillance System) conservato presso l’INSPQ. La coorte comprendeva adolescenti e giovani adulti che vivono in Quebec – 3.544 con diabete e 1.388.397 senza diabete.

I risultati sono sorprendenti. Secondo lo studio, le persone con diabete di età compresa tra 15 e 25 anni hanno il triplo delle probabilità in più di tentare il suicidio rispetto a quelle senza diabete e quasi 1,5 volte più probabilità di soffrire di un disturbo dell’umore che viene diagnosticato in caso di ricovero al Pronto Soccorso o in ospedale.

“Stiamo parlando di disturbi dell’umore come depressione o disturbi d’ansia, che possono influenzare la loro gestione della malattia”, afferma la dott.ssa Meranda Nakhla, uno degli autori senior dello studio e endocrinologa pediatrica presso l’Ospedale pediatrico di Montreal del MUHC come scienziato del programma di salute umana e sviluppo umano del RI-MUHC. “E il fatto che siano più a rischio di avere disturbi di salute mentale li mette anche più a rischio di avere complicanze e ricoveri legati al diabete”.

Il diabete di tipo 1 colpisce circa 4.000 bambini in Quebec. È una malattia autoimmune che richiede una gestione quotidiana molto impegnativa. Le persone con T1D devono testare i zuccheri nel sangue e somministrarsi insulina con un’iniezione almeno quattro volte al giorno. Devono anche contare i carboidrati ogni volta che mangiano e quindi decidere quanta insulina hanno bisogno. Il controllo sub-ottimale dello zucchero nel sangue può portare a gravi complicazioni come malattie degli occhi e renali o persino la morte.

“Sapevamo già da diversi studi che i bambini e gli adolescenti con T1D avevano un rischio maggiore di disturbi di salute mentale. Ma volevamo vedere se questo elemento resta quando crescono e diventano giovani adulti”, afferma la dott.ssa Marie-Eve Robinson, pediatra endocrinologa presso l’Ospedale pediatrico dell’Ontario orientale (CHEO) e primo autore dello studio, che ha condotto questa ricerca nell’ambito della sua tesi di master in epidemiologia alla McGill University.

Una fase di vita stimolante

L’età adulta emergente è una fase di sviluppo tra i 18-30 anni. Durante questo periodo, gli adulti emergenti stanno sviluppando la loro autonomia, destreggiandosi tra più responsabilità sociali, educative e professionali concorrenti e prendendo decisioni circa la vita futura come: scegliere una carriera e mettere su una famiglia.

“Avere una malattia cronica come il diabete aggiunge complessità a questo stadio in un modo molto impegnativo”, afferma il Dr. Nakhla. “Oltre a occuparsi di priorità concorrenti come andare al college o all’università, investire nella loro vita sociale, lavorare e trovare un partner, lottano per gestire la loro malattia cronica”.

“Inoltre, i giovani adulti con diabete devono assumersi la piena responsabilità della loro gestione del diabete, che può essere travolgente, specie rispetto alla situazione precedente quando i loro caregiver stavano fornendo un supporto significativo durante l’infanzia e / o l’adolescenza”, afferma il Dr.Robinson, che è anche assistente professore di Pediatria presso l’Università di Ottawa e un ricercatore clinico presso l’istituto di ricerca CHEO.

Il passaggio dalla cura del diabete pediatrico a quello adulto – che si verifica all’età di 18 anni – e il fatto di avere un accesso limitato ai servizi di salute mentale contribuisce anche a rendere l’età adulta emergente un periodo critico per le persone con T1D. Gli autori dello studio scrivono che questa transizione “potrebbe ulteriormente esacerbare il rischio di disturbi psichiatrici in cui fattori sottostanti come i cambiamenti nei fornitori di assistenza per il diabete, nuove strutture di trattamento, maggiori livelli di responsabilità e differenze nella gestione della malattia possono contribuire a questo rischio”.

Alcune persone con diabete usano la tecnologia come i sensori di glucosio, per il test della glicemia in tempo reale o la pompa per insulina, per un’infusione continua di insulina.

“Questi sono trattamenti molto intensivi che aiutano con il controllo del diabete, ma richiedono anche più tempo in termini di gestione”, aggiunge il Dr. Nakhla, che è anche professore associato di Pediatria presso la McGill University.

“Il nostro studio colma una lacuna importante nella letteratura, poiché è l’unico ad oggi che ha valutato longitudinalmente i disturbi psichiatrici tra gli adolescenti e gli adulti emergenti con diabete”, afferma il Dr.Robinson. “Dimostra che è necessario un maggiore supporto per la salute mentale per questa popolazione, per aiutarli nelle priorità in competizione di questa fase della vita.”