Counseling/consulenze

Gli studenti di medicina diventano meno empatici verso i pazienti durante la scuola di medicina

Un fattore chiave di solide relazioni paziente / medico è una nozione di empatia che guida un sentimento di umanità condivisa.

Secondo Mohammadreza Hojat, Ph.D., l’ empatia nel contesto della cura del paziente è “un attributo cognitivo che comporta la capacità di comprendere il dolore, la sofferenza e la prospettiva del paziente combinata con la capacità di comunicare questa comprensione e l’intenzione di aiutare “.

Uno studio nazionale recentemente pubblicato, condotto dal Dr. Hojat del Sidney Kimmel Medical College della Thomas Jefferson University, solleva tuttavia alcune difficili domande sul livello di empatia tra gli studenti di medicina .

Lo studio trasversale multistituzionale su scala nazionale degli studenti delle scuole di medicina con licenza DO ha scoperto che quegli studenti – come i loro coetanei nelle scuole di medicina con licenza MD – perdono empatia man mano che avanzano nella scuola di medicina. Tuttavia, gli studenti DO (o osteopatici) intervistati hanno perso la loro empatia in misura inferiore rispetto ai loro coetanei (dottore in medicina).

Per lo studio, 10.751 studenti iscritti in 41 dei 48 campus di scuole di medicina che rilasciano DO negli Stati Uniti hanno completato un sondaggio basato sul web alla fine dell’anno accademico 2017-2018 .

Il sondaggio includeva la scala Jefferson Scale of Empathy (JSE) e la scala di frequenza del questionario sulla personalità Zuckerman-Kuhlman per misurare la tendenza alla “buona impressione”. I ricercatori hanno confrontato i punteggi di empatia JSE tra gli studenti in diversi anni di scuola di medicina, nonché con dati preesistenti provenienti da studenti di scuole di medicina statunitensi che rilasciano dottori.

Cosa hanno trovato? I livelli di empatia sono scesi quando gli studenti sono passati dagli anni preclinici (uno e due anni) alla fase clinica (tre e quattro anni) della scuola di medicina “quando l’empatia è più necessaria”.

“Man mano che gli studenti avanzano nella scuola di medicina, ci si aspetta un miglioramento empatico dell’impegno nella cura dei pazienti. Apparentemente, non è così”, ha affermato il dott. Hojat, professore di ricerca presso il Dipartimento di psichiatria e comportamento umano e direttore dello studio longitudinale Jefferson presso il centro.

Hojat ha affermato che i risultati sono  emblematici di un campo guidato da una “eccessiva enfasi sulla scienza della medicina e dall’ignorare l’arte della medicina”. Da qui, ha concluso, spetta ai ricercatori capire cosa c’è dietro il declino dell’empatia, pur continuando a ricercare la questione.

“È una responsabilità importante della facoltà di medicina formare medici esperti e tecnicamente competenti. Si dovrebbero formare medici che stabiliscano relazioni migliori con i pazienti, non solo i medici che possono superare un esame per ottenere la licenza e praticare la medicina”, ha detto. “Puoi insegnare e migliorare l’empatia, ma il problema che abbiamo notato è che non è abbastanza, che devi fare cose aggiuntive per sostenerlo.”