Batticuore

Ridurre l’HbA1c è la migliore strategia per evitare eventi cardiovascolari iniziali e successivi nel diabete di tipo 1

glicata

La gestione intensiva del glucosio può aiutare gli adulti con diabete di tipo 1 a evitare una malattia cardiovascolare iniziale o successiva o un evento avverso cardiovascolare maggiore.

La gestione intensiva del glucosio può aiutare gli adulti con diabete di tipo 1 a evitare una malattia cardiovascolare (CVD) iniziale o successiva o un evento avverso maggiore di natura cardiovascolare, secondo i risultati pubblicati su Diabetes Care.

Pubblicità

“La disponibilità di un monitoraggio continuo del glucosio e di dispositivi più precisi per la somministrazione di insulina che rispondono in modo proattivo all’ipoglicemia ha reso più realizzabile un migliore controllo del glucosio in soggetti con diabete di tipo 1”, Ionut Bebu, PhD , professore associato presso il centro di biostatistica della George Washington University a Rockville, nel Maryland, e colleghi hanno scritto. “Con i miglioramenti generali nel controllo glicemico, la CVD, la principale causa di morte nel diabete di tipo 1, può essere ridotta.”

Bebu e colleghi hanno valutato i livelli annuali di colesterolo, HbA1c, trigliceridi e HDL in 1.441 adulti con diabete di tipo 1 dello studio Diabetes Control and Complications e lo studio Epidemiology of Diabetes Intervention and Complications (età media al basale, 27 anni; 47% donne). I ricercatori hanno anche identificato eventi CVD, come morte per CVD, angina e insufficienza cardiaca congestizia, utilizzando storie mediche ed elettrocardiogrammi di 29 anni di follow-up mediano.

I ricercatori hanno identificato 421 eventi CVD tra 239 partecipanti e 149 importanti eventi cardiovascolari avversi – tra cui decesso CVD, infarto miocardico non fatale o ictus non fatale – tra 120 partecipanti.

Il più forte fattore di rischio modificabile era l’HbA1c, secondo i ricercatori. Ogni aumento dell’1% dell’HbA1c medio ha aumentato il rischio di un evento CVD iniziale del 38% (HR = 1,38; IC 95%, 1,21-1,56), eventi CVD successivi del 28% (rapporto di incidenza [IR] = 1,28; IC 95%, 1,09-1,51), un evento cardiovascolare avverso maggiore iniziale del 54% (FC = 1,54; IC 95%, 1,3-1,82) e successivi eventi avversi CV maggiori dell’89% (IR = 1,89; IC 95%, 1,36-2,61).

Inoltre, un aumento di 5 anni nell’età ha comportato maggiori rischi per un evento CVD (HR = 1,46; IC 95%, 1,32-1,61), eventi CVD successivi (IR = 1,18; IC 95%, 1,07-1,31), a evento avverso CV maggiore (HR = 1,53; IC 95%, 1,33-1,75) e successivi eventi cardiovascolari avversi maggiori (IR = 1,69; IC 95%, 1,2-2,37).

I ricercatori hanno anche scoperto che ogni aumento di 10 mm Hg della pressione arteriosa sistolica era legato a maggiori rischi per un evento CV avverso maggiore (HR = 1,35; IC 95%, 1,11-1,66) e successivi eventi CV avversi maggiori (IR = 1,83; 95% CI, 1,14-2,95). Il rischio di successivi eventi avversi CV gravi (IR = 0,19; IC 95%, 0,06-0,58) è stato ridotto per coloro che hanno usato ACE-inibitori rispetto a quelli che non lo hanno fatto.

“HbA1c è un forte predittore di eventi ricorrenti da solo, così come la pressione sanguigna e l’uso di ACE-inibitori”, hanno scritto i ricercatori. “Pertanto, si raccomanda una gestione intensiva della glicemia, l’uso di farmaci antiipertensivi, il controllo dei lipidi e la prevenzione / cessazione del fumo per ridurre il rischio di eventi CVD iniziali nel diabete di tipo 1”.

 

Pubblicità