Vivo col Diabete

Da “panca a comodino” e altro: decifrazioni di parole d’ordine mediche

Qualche settimana fa, la parola “coronavirus” probabilmente significava poco, se non altro, per la maggior parte delle persone. (I coronavirus umani sono stati identificati per la prima volta negli anni ’60 e, anche se variano in gravità, tutti hanno la capacità di causare malattie respiratorie.) Ma oggi, i titoli con quel termine medico stanno spuntando ovunque, poiché questo nuovo virus continua a diffondersi in Cina e non solo.

Pubblicità

Quindi, dopo aver letto questi articoli, potresti conoscere un po’ di coronavirus, ma non preoccuparti se sei confuso da altri termini medici di cui leggi o di cui hai sentito parlare. Non sei il solo.

Circa 90 milioni di americani hanno difficoltà a comprendere (e prendere decisioni in base a) le informazioni sulla salute che ricevono dai loro medici, secondo uno studio nazionale. L’alfabetizzazione sanitaria – la capacità di elaborare informazioni sanitarie e richiedere servizi adeguati ad affrontare un problema di salute – è una parte cruciale dell’assistenza sanitaria. Gli studi hanno scoperto che livelli più bassi di alfabetizzazione sanitaria sono associati a più ricoveri e all’assunzione di farmaci come prescritto.

Ma l’alfabetizzazione sanitaria non è solo responsabilità del paziente. Tutti coloro che interagiscono con i pazienti dovrebbero sforzarsi di assicurarsi che ciò che stanno dicendo sia assorbito. La comunicazione a volte può interrompersi quando i medici o altri operatori sanitari usano un gergo medico o un linguaggio tecnico che ha un significato specifico solo in medicina.

“Sebbene sia estremamente importante per i medici conoscere questo gergo, è proprio questo: gergo”, afferma Douglas M. Hildrew, MD, specialista di orecchio, naso e gola di Yale Medicine“Se, come medici, non possiamo parlare con i nostri pazienti in un modo che può essere facilmente compreso, ricordato e ripetuto, stiamo fallendo.”

Tuttavia, potresti imbatterti in un gergo medico sconosciuto durante la conversazione o ascoltarlo e leggerlo nelle notizie. Abbiamo chiesto al gastroenterologo di Yale Medicine Kenneth Hung, MD, di aiutarci a decodificare alcune parole d’ordine mediche. (Mentre questa guida evidenzia alcune parole usate di frequente, non è affatto un elenco completo.)

Che cosa significa “attività della vita quotidiana”?

Per le persone che sono gravemente malate o che hanno malattie neurodegenerative (come la SLA o il morbo di Parkinson), vivere da soli può comportare un rischio per la salute. L’indipendenza di un paziente può essere testata, in parte, in base alla sua capacità di completare sei attività di base senza aiuto. Questi sei compiti sono chiamati “attività della vita quotidiana” e comprendono: mangiare, fare il bagno, vestirsi, andare in bagno, controllare la vescica e le viscere e alzarsi dal letto o da una sedia senza assistenza.

Che cos’è una “malattia acuta”?

Quando malattie o condizioni si sviluppano rapidamente e hanno sintomi che scompaiono completamente, come un caso di intossicazione alimentare, i medici usano la parola “acuta” per descriverli. “Acuto significa qualcosa che è recente e di solito dura meno di 30 giorni, ma può dipendere dalla malattia”, afferma il Dr. Hung. Al contrario, malattie croniche come l’ ipertensione, diabete o l’HIV / AIDS richiedono una gestione costante per tutta la vita.

Che cos’è un “evento avverso”?

Se un paziente prova un nuovo farmaco e causa diarrea, questo brutto effetto collaterale potrebbe essere considerato un evento avverso. “È un effetto collaterale che non vogliamo e può essere previsto o inatteso”, spiega il Dr. Hung. La maggior parte degli eventi avversi sono minori come mal di testa o tosse, ma gli eventi avversi possono anche essere gravi come la morte o l’ictus, aggiunge. Il termine viene generalmente utilizzato nel contesto di studi clinici quando si verifica l’efficacia di una nuova procedura o di un medicinale.

Che cosa significa “panca a letto”?

Il termine “panca” è un riferimento al contro spazio nei laboratori di ricerca. I ricercatori che lavorano nei laboratori di solito conducono ricerche scientifiche di base che mirano a rispondere a domande fondamentali su scienza o medicina, ma potrebbero non portare allo sviluppo di un farmaco o di un trattamento che affronti una malattia. Tuttavia, alcuni ricercatori progettano esperimenti in modo che i risultati, se positivi, possano influenzare direttamente la cura del paziente. Questo tipo di ricerca si chiama “da banco a comodino” ed è spesso usata in modo intercambiabile con la frase “ricerca traslazionale”.

Cosa sono i “biologici”?

“Questo è un termine caldo in questo momento e si riferisce a una classe di farmaci che non è una pillola”, afferma il Dr. Hung. “I biologici sono farmaci che agiscono sostanzialmente attraverso il sistema immunitario per curare le malattie e quasi tutti vengono somministrati tramite infusioni endovenose, sebbene alcune siano iniezioni”, afferma. La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato una manciata di prodotti biologici per il trattamento dell’artrite reumatoide, un disturbo infiammatorio. Ad esempio, il farmaco abatacept (marchio Orencia) è prodotto utilizzando la tecnologia del DNA e colpisce le cellule T del sistema immunitario.

Cosa significa “cure cliniche”?

“Questo significa cura: puoi pronunciare la parola “clinica”, dice il Dr. Hung. L’assistenza clinica comprende tutto ciò che viene fatto per aiutare i pazienti a riprendersi dalle loro condizioni. Può includere farmaci e procedure, nonché test di laboratorio e di imaging.

Che cos’è un “ambiente comunitario”?

Quando un paziente riceve assistenza al di fuori di un ospedale, viene considerato consegnato in “ambito comunitario”. “Potremmo dire a un paziente di svolgere un lavoro di laboratorio di follow-up nella comunità”, afferma il Dr. Hung.

Che cos’è una “comorbidità”?

“Il termine”comorbidità” è una parolaccia per altre cose che hai avuto su di te”, afferma il Dr. Hung. Una persona può consultare un medico per l’ipertensione e può anche avere altri gravi problemi di salute o comorbidità, come il diabete e l’obesità. Quando decide quali procedure o farmaci usare come parte di un piano di trattamento, un medico deve considerare tutti i problemi di salute del paziente.

Che cos’è un “cocktail di farmaci”?

Questo non è come sembra. Si riferisce a una combinazione di medicinali. “Alcuni farmaci funzionano bene insieme”, afferma il Dr. Hung. Il cancro e la depressione possono essere trattati contemporaneamente con più farmaci (un cocktail di medicine) perché colpiscono diversi aspetti delle malattie o perché la loro combinazione migliora l’efficacia complessiva dei farmaci.

Cosa significa “emergente”?

Un paziente che non risponde con infarto o ictus è un esempio di una situazione che il personale medico considererebbe emergente. “Emergente [pensa” all’emergenza “] significa qualcosa che dobbiamo fare ora”, afferma il Dr. Hung. Sul lato opposto dello spettro c’è un caso “di routine”, come un’eruzione cutanea.

Cosa significa “fallire”?

Il significato del termine “fallimento” dipende dal paziente e dalla procedura, secondo il Dr. Hung. Sebbene possa essere utilizzato nel contesto di una procedura chirurgica, nota che un esempio gastrointestinale potrebbe essere una colonscopia fallita, una procedura che prevede di spingere una telecamera su una sonda attraverso il colon per cercare polipi o dossi insoliti o escrescenze. “Forse i due punti erano così contorti che non ero in grado di arrivare fino alla fine”, dice.

Che cos’è la “genetica”?

La genetica è lo studio di come i geni vengono trasmessi attraverso le generazioni, nonché lo studio dei singoli geni e di come influenzano il corpo. Ad esempio, potresti sentire dei test genetici per il cancro che identificano specifiche mutazioni che possono essere prese di mira per il trattamento o leggere articoli di notizie sulle terapie genetiche per alcune malattie, come la fibrosi cistica. Inoltre, una condizione ereditaria, come l’emofilia, può essere descritta come genetica.

Che cos’è la “genomica”?

La genomica è lo studio dell’intera sequenza di DNA, o genoma, nell’uomo, con particolare attenzione all’analisi dei modelli di centinaia di migliaia di genomi al fine di prevenire lo sviluppo di alcune malattie o di curare meglio quelle che lo fanno. Ad esempio, la condizione geneticamente ereditaria dell’ipercolesterolemia familiare (FH) provoca ipertensione in giovane età ma può essere trascurata fino a quando una persona non riceve test genetici. Se trattato in anticipo, l’FH può essere una malattia gestibile.

Che cosa significa “paziente ad alto rischio”?

I pazienti con molteplici e gravi problemi di salute sono classificati come “ad alto rischio”. Le probabilità che qualcosa vada storto durante una procedura come la chirurgia sono maggiori per questi pazienti. “Tutto ciò che facciamo in medicina ha rischi e benefici e, in primo luogo, non dobbiamo fare danni”, afferma il Dr. Hung. Alcune procedure che potrebbero funzionare bene in molti pazienti potrebbero essere potenzialmente letali per i pazienti ad alto rischio. Un chirurgo che valuta un paziente ad alto rischio, ad esempio, può rinunciare alla tradizionale chirurgia a cuore aperto a favore di una procedura meno invasiva.

Che cos’è “immunoterapia”?

Questo tipo di terapia sfrutta il sistema immunitario per combattere una malattia. L’immunoterapia è più comunemente associata a una classe di farmaci per il trattamento del cancro, ma potrebbe anche riferirsi a colpi di allergia che aiutano l’organismo a tollerare meglio le allergie. Un tipo di immunoterapia è ora in fase di test negli studi clinici per il trattamento della sclerosi multipla. Questo è un campo in crescita della medicina, di cui puoi aspettarti di saperne di più nei prossimi anni.

Cosa significa “indicazione”?

Quando qualcuno ha sintomi particolari o una condizione che può essere aiutata da un trattamento, una procedura o un test specifici, viene chiamata “indicazione”. Ad esempio, un’infezione del tratto urinario è un’indicazione per l’uso di antibiotici. “Il sanguinamento rettale è un’indicazione di avere una colonscopia per rilevare un possibile cancro al colon”, afferma il Dr. Hung. Un altro modo di pensare al termine è chiedere: la medicina o la procedura affrontano i sintomi?

Cosa significa “interventistico”?

Il termine “interventistico” viene di solito utilizzato nel contesto della radiologia interventistica, in cui i medici utilizzano l’imaging (radiografia, TAC o risonanza magnetica) per guidarli nel fare una procedura. Ma altre specialità, tra cui cardiologia e gastroenterologia, hanno anche medici che si specializzano in tecniche più complesse, che richiedono una formazione aggiuntiva. “Se pensi a uno snowboarder che può fare balli pazzechi, allora è così che fa uno specialista interventistico”, afferma il Dr. Hung. Tutti i cardiologi possono trattare condizioni come la pressione alta, ad esempio, ma solo un cardiologo interventista sarebbe in grado di utilizzare un catetere (un tubo flessibile) per inserire uno stent che può aiutare ad aprire un’arteria bloccata. “La parola ha, come radice ” intervento “, che di solito significa una procedura per indirizzare qualcosa”.

Qual è la “durata del soggiorno”?

A volte abbreviato come LOS, si riferisce al periodo di tempo in cui un paziente rimane in un ospedale o in qualsiasi struttura di trattamento. In genere, un periodo di permanenza più breve è considerato un vantaggio (come nella chirurgia mininvasiva), quindi i pazienti sono in grado di recuperare a casa.

Cosa significa “risultato”?

Il termine “esito” si riferisce al risultato finale di una condizione o di una procedura medica. “Un buon risultato potrebbe significare una varietà di cose”, afferma il Dr. Hung. “Questo potrebbe significare che un paziente sopravvive a una malattia o riacquista la capacità di camminare.” Un esito negativo può significare contrarre un’infezione o la morte.

Cosa significa “resistente”?

“Ciò significa “difficile da trattare” e un farmaco che normalmente funziona non funzionerà”, afferma il Dr. Hung. Può essere usato per parlare di un’infezione batterica “resistente” agli antibiotici standard, il che significa che devono essere usati antibiotici più potenti. Resistente può anche significare difficile da trattare, in un modo che non è il risultato della resistenza agli antibiotici. “In questo caso, resistente può significare refrattario”, afferma il Dr. Hung. Questo potrebbe essere usato per descrivere la pressione alta di una persona che non scende con un farmaco a cui la maggior parte delle persone risponde; depressione resistente al trattamento, ad esempio, significa che lo stato mentale di una persona non è migliorato nonostante l’assunzione di medicine per questo.

Che cos’è un “tasso di sopravvivenza”?

“Una percentuale è qualcosa nel tempo”, afferma il Dr. Hung. “In questo caso, è la quantità di persone che sopravvivono a una condizione nel tempo.” I medici possono menzionare il tasso di sopravvivenza per aiutare i pazienti a valutare cosa aspettarsi dal loro processo di trattamento. Rappresenta una probabilità statistica e non è una previsione. Il tasso di sopravvivenza a cinque anni per i pazienti con carcinoma prostatico, ad esempio, è molto più elevato rispetto a quelli con carcinoma pancreatico.

Che cosa significa “beneficio terapeutico”?

“Il beneficio terapeutico è un termine sofisticato che descrive se qualcuno ne ha beneficiato o meno”, afferma il Dr. Hung. Il vantaggio dipende dall’obiettivo del paziente e del medico.

Cosa significa “tollerare”?

Nel decidere quale trattamento fornire un paziente, i medici bilanciano i potenziali benefici con i rischi. “Tollerare significa fondamentalmente se pensiamo che qualcuno farà bene con una terapia o una procedura”, afferma il Dr. Hung. Per un malato di cancro, un medico può decidere i rischi della chemioterapia, che di solito fanno diventare i pazienti molto stanchi e deboli, potrebbe essere troppo per qualcuno che è già molto debole per un altro trattamento. Se una persona è in grado di gestire gli effetti collaterali potenzialmente dannosi di un medicinale e ne trarrà comunque beneficio, sarebbe considerata in grado di “tollerare” il medicinale o la procedura, come un intervento chirurgico.

Alla fine, conoscere qualche gergo medico potrebbe aiutarti a navigare meglio nella visita del medico o nel rapporto successivo con le informazioni, fornite, ricevute successivo.

Testo originale Yale University.

 

Pubblicità