Reni

Gli effetti degli acidi grassi omega-3 sulla nefropatia diabetica

woman-254133_1920

Allo scopo di valutare gli effetti degli acidi grassi polinsaturi a catena lunga omega-3 sulla proteinuria, sulla velocità di filtrazione glomerulare stimata (eGFR) e sui biomarcatori metabolici tra i pazienti con diabete. È stata condotta una meta-analisi di studi clinici controllati randomizzati (RCT) sui pazienti con diabete tipo 1 e tipo 2 adulti.

Pubblicità

I ricercatori del Dipartimento di Epidemiologia, Harvard TH Chan School of Public Health, Boston, MA, Stati Uniti d’America ed altri hanno condotto ricerche elettroniche nel PubMed, Embase e Cochrane Central Register of Controlled Trials da gennaio 1960 ad aprile 2019 per identificare RCT, che ha esaminato gli effetti degli acidi grassi omega-3 su proteinuria, eGFR e biomarcatori metabolici tra i pazienti diabetici.

Dieci RCT con 344 partecipanti sono stati inclusi nella loro meta-analisi. Gli acidi grassi omega-3 hanno ridotto la quantità di proteinuria tra diabete mellito di tipo 2 (DM di tipo 2) e diabete mellito di tipo 1 (DM di tipo 1). Questa associazione era significativa solo tra i DM di tipo 2 (SMD = -0,29 (IC 95%: -0,54, -0,03; p = 0,03). Solo studi con durata dell’intervento di 24 settimane o più hanno dimostrato una proteinuria inferiore significativa tra gli omega-3 acidi grassi rispetto al gruppo di controllo (SMD = -0.30 (IC al 95%: -0,58, -0,02; p = 0,04). C’era un eGFR più elevato per entrambi i gruppi DM di tipo 1 e tipo 2 tra gli acidi grassi omega-3 rispetto al controllo gruppo, tuttavia, l’effetto non era statisticamente significativo. Per quanto riguarda il colesterolo totale sierico, colesterolo LDL e HbA1C, non vi era alcuna differenza significativa nel confronto tra acidi grassi omega-3 e gruppo di controllo.

Gli acidi grassi Omega-3 potrebbero aiutare a migliorare la proteinuria tra i DM di tipo 2 che hanno ricevuto un’integrazione di omega-3 per almeno 24 settimane senza effetti avversi su HbA1C, colesterolo sierico totale e colesterolo LDL.

Studio pubblicato in PlosOne del 11 febbraio 2020.

 

Pubblicità