Compliance

L’ottimismo riduce la gravità dell’ictus, l’infiammazione

Yun-Ju+Lai+Phd+MS+RN_db8923cb-7da4-4a60-954d-838374525fa3-prv

Yun-Ju Lai Phd MS RN

DALLAS, 12 febbraio 2020 – I sopravvissuti all’ictus con alti livelli di ottimismo avevano livelli di infiammazione più bassi, ridotta gravità dell’ictus e minore disabilità fisica dopo tre mesi, rispetto ai meno ottimisti, secondo una ricerca preliminare presentata al Nursing Symposium di International Stroke Conference 2020 dell’American Stroke Association – 18-21 febbraio a Los Angeles. La conferenza è un incontro mondiale per ricercatori e clinici dedicati alla scienza dell’ictus e alla salute del cervello.

In un piccolo studio su 49 sopravvissuti all’ictus, i ricercatori hanno esaminato la relazione tra ottimismo, infiammazione, gravità dell’ictus e disabilità fisica per tre mesi dopo un ictus. I ricercatori hanno affermato che la comprensione di come questi elementi si relazionano o si influenzano a vicenda può fornire un quadro scientifico per sviluppare nuove strategie per il recupero dell’ictus.

“I nostri risultati suggeriscono che le persone ottimiste hanno un esito migliore della malattia, quindi aumentare il morale può essere un modo ideale per migliorare la salute mentale e il recupero dopo un ictus”, ha detto Yun-Ju Lai, Ph.D., MS, RN, il primo studio autore e ricercatore post-dottorato nel dipartimento di neurologia presso l’Università del Texas Health Science Center di Houston.

L’infiammazione post-ictus è dannosa per il cervello e compromette il recupero. L’ottimismo è associato a livelli di infiammazione più bassi e migliori risultati sulla salute tra le persone con condizioni mediche, tuttavia, nessuno studio precedente ha valutato se questa associazione esiste tra i pazienti con ictus.

Questo studio pilota è un’analisi secondaria dei dati raccolti da un deposito di malattie neurologiche. I risultati includevano i livelli di ottimismo del test di orientamento alla vita rivisto, uno strumento psicologico standard per misurare l’ottimismo; valutazione della gravità dell’ictus attraverso la National Institutes of Health Stroke Scale e livelli di marker infiammatori – interleuchina-6 (IL-6), fattore di necrosi tumorale alfa (TNF?) e proteina C-reattiva (CRP).

All’aumentare dei livelli di ottimismo, la gravità dell’ictus e i marker infiammatori IL-6 e CRP sono diminuiti anche dopo aver considerato altre possibili variabili. Tuttavia, questo non era vero per TNF?.

“I pazienti e le loro famiglie dovrebbero conoscere l’importanza di un ambiente positivo che possa avvantaggiare il paziente”, ha affermato Lai. “La salute mentale influisce sul recupero dopo un ictus.”