Ricerca

La ricerca individua le cellule canaglia alla radice della malattia autoimmune

Pubblicità
researchpinp

I ricercatori hanno scoperto che nei pazienti con vasculite crioglobulinemica, gli anticorpi nel sangue si aggregano a temperature più fredde più vicine alla pelle e anche nei reni, nei nervi e in altri organi, danneggiando i vasi sanguigni. Credito: Dr Ofir Shein-Lumbroso

Esistono più di 100 diverse malattie autoimmuni. Ma ciò che le unisce tutte è che derivano dalle stesse cellule di un individuo – cellule immunitarie rare e misteriose che colpiscono non i virus e i batteri esterni ma gli organi e i tessuti sani del corpo.

Per la prima volta, un team guidato da ricercatori del Garvan Institute of Medical Research ha individuato singole cellule che causano malattie autoimmuni dai campioni dei pazienti. Hanno anche scoperto come queste cellule “vanno in giro” eludendo i checkpoint che normalmente impediscono alle cellule immunitarie di colpire i tessuti del corpo.

Pubblicità

I risultati potrebbero avere implicazioni significative per la diagnosi e il trattamento della malattia autoimmune, che colpisce uno su otto individui in Australia.

“Gli attuali trattamenti per la malattia autoimmune riguardano solo i sintomi, ma non la causa. Per rendere più mirati i trattamenti che affrontano lo sviluppo e la progressione della malattia, dobbiamo prima capire la causa”, afferma il professor Chris Goodnow, co-senior autore dell’opera pubblicata, Direttore esecutivo del Garvan Institute e direttore del UNSW Sydney Cellular Genomics Futures Institute.

“Abbiamo sviluppato una tecnica che ci consente di guardare direttamente le cellule che causano la malattia autoimmune – è come se guardassimo per la prima volta attraverso una nuova lente per microscopio, imparando di più sulla malattia autoimmune di quanto non fosse mai stato possibile prima.”

I risultati, pubblicati oggi sulla rivista Cell , fanno parte del visionario programma Hope Research.

Tracciare la malattia autoimmune alle sue origini

Perché le cellule immunitarie “canaglia” sono così rare in un campione di sangue – meno di una su 400 cellule – studiarle è stata una sfida. L’analisi finora ha rivelato nel migliore dei casi le “medie” della vasta gamma di cellule nel campione di un paziente, afferma il dott. Mandeep Singh, primo autore dell’articolo pubblicato.

“Usando la genomica cellulare, abbiamo sviluppato un metodo per” ingrandire “queste cellule immunitarie che causano malattie nei campioni di sangue di quattro pazienti con vasculite crioglobulinemica, una grave infiammazione dei vasi sanguigni”, afferma il dott. Singh.

Separando prima le singole cellule e quindi il loro materiale genetico, i ricercatori hanno isolato le cellule immunitarie che producevano “fattori reumatoidi” – proteine ??anticorpali che colpiscono i tessuti sani del corpo e sono associate alle malattie autoimmuni più comuni, tra cui l’artrite reumatoide.

Una volta isolate, i ricercatori hanno quindi analizzato il DNA e l’RNA messaggero di ciascuna di queste cellule “canaglia”, scansionando più di un milione di posizioni nel genoma per identificare varianti di DNA che potrebbero essere alla radice della malattia.

L’evoluzione della malattia autoimmune

Attraverso la loro analisi, i ricercatori hanno scoperto che le cellule immunitarie patogene dei pazienti affetti da vasculite avevano accumulato una serie di mutazioni prima che producessero i dannosi fattori reumatoidi.

“Abbiamo identificato per la prima volta cambiamenti genetici graduali nelle cellule alla radice di una malattia autoimmune, tracciando un” albero evolutivo “di come le normali cellule immunitarie si trasformano in cellule che causano malattie”, afferma un altro autore il Dr. Joanne Reed, che dirige il gruppo di reumatologia e autoimmunità presso il Garvan Institute.

Sorprendentemente, i ricercatori hanno scoperto che alcune delle prime mutazioni genetiche che si sono verificate in queste cellule canaglia erano note per guidare i linfomi (cellule immunitarie cancerose).

“Abbiamo scoperto” mutazioni del driver del linfoma “, inclusa una variante del gene CARD11, che ha permesso alle cellule immunitarie canaglia di eludere i checkpoint di tolleranza immunitaria e moltiplicarsi senza controllo”, spiega il professor Goodnow, che per primo ha ipotizzato che le cellule autoimmuni che causano malattie impiegano questa tattica del cancro nel 2007.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che le cellule con le mutazioni del driver del linfoma hanno accumulato ulteriori mutazioni e causato l’aggregazione, o il “raggruppamento” dei fattori reumatoidi che hanno prodotto a temperature più basse.

“Questo spiega la vasculite crioglobulinemica dei pazienti, una grave condizione che si sviluppa in alcune persone con sindrome di Sjögren, lupus sistemico, artrite reumatoide o infezione da virus dell’epatite C. In questi individui, i fattori reumatoidi si aggregano a temperature più fredde più vicine alla pelle e anche nei reni, nei nervi e in altri organi, che danneggiano i vasi sanguigni e spesso si rivelano molto difficili da trattare “, afferma il dott. Reed.

Nuova speranza per diagnosi e trattamenti personalizzati

Non solo i risultati della ricerca hanno scoperto la causa principale di una malattia autoimmune, ma la capacità di identificare e investigare specifiche cellule immunitarie a tale risoluzione ha un enorme potenziale per i trattamenti futuri di indirizzare la causa di tutte le malattie autoimmuni .

“Nel nostro studio, abbiamo scoperto mutazioni specifiche che segnano le prime fasi della malattia autoimmune. Se possiamo diagnosticare un paziente in queste fasi, potrebbe essere possibile combinare la nostra conoscenza di queste mutazioni con nuovi trattamenti mirati per il linfoma per intervenire nella progressione della malattia o per monitorare quanto bene un paziente sta rispondendo ai trattamenti “, afferma Dr Reed.

I ricercatori stanno ora pianificando studi di follow-up per studiare le mutazioni delle cellule autoimmuni in una serie di altre malattie, tra cui lupus, celiachia e diabete di tipo 1.

“L’identificazione di queste cellule immunitarie canaglia è un significativo passo avanti nel modo in cui studiamo le malattie autoimmuni e, soprattutto, il primo passo per trovare modi per eliminarle del tutto dal corpo”, afferma il professor Goodnow.