Mangiare

Tutte le fonti di carboidrati sono uguali?

Pubblicità

L’assunzione giornaliera di patate porta a una migliore qualità della dieta rispetto ai cereali raffinati

L’assunzione giornaliera di patate non fritte non influenza i marcatori di glicemia ed è associata a una migliore qualità della dieta rispetto ai cereali raffinati: uno studio randomizzato e crossover su adulti sani.

Pubblicità

UNIVERSITY PARK, PA – Le patate sono spesso equiparati a cereali raffinati a causa del loro contenuto di carboidrati. Tuttavia, le patate contengono fibre, amido resistente e micronutrienti chiave di cui gli americani hanno più bisogno nella loro dieta. Uno studio randomizzato incrociato che ha incluso 50 adulti generalmente sani ha confrontato direttamente la qualità dei nutrienti e l’impatto sui fattori di rischio cardiometabolici delle patate non fritte con i cereali raffinati. Lo studio è stato condotto da ricercatori del Penn State e recentemente pubblicato sul British Journal of Nutrition. I suoi risultati dimostrano come le patate possono supportare una dieta sana; l’assunzione giornaliera di una porzione di patate non fritte non ha influenzato i marcatori di glicemia ed è stata associata a una migliore qualità della dieta rispetto ai cereali raffinati.

“Gli studi clinici sono importanti per contestualizzare i risultati osservativi”, afferma Penn State Researchers. “Alcuni studi epidemiologici hanno suggerito un’associazione tra l’assunzione di patate e un aumentato rischio di malattie cardiometaboliche. Tuttavia, il contesto in cui vengono consumate le patate, come il loro metodo di preparazione o altri alimenti consumati insieme a loro, può essere un fattore importante per spiegare perché il nostro studio clinico i risultati differiscono da quelli degli studi osservazionali “.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a mangiare una porzione di grano raffinato (ad es. Pasta, riso, pane bianco) o una di patate al vapore / al forno di pari calorie ogni giorno con un pasto principale per quattro settimane. Dopo una pausa di due settimane, le stesse persone hanno mangiato il piatto opposto con un pasto principale per altre quattro settimane. Oltre a dover consumare una patata o una porzione di grano raffinato, ai partecipanti non sono state poste altre restrizioni dietetiche. Sono stati misurati diversi marker di rischio cardiometabolico tra cui glucosio plasmatico, insulina sierica, colesterolo e altri lipidi nel sangue, pressione arteriosa e qualità della dieta riportata dai partecipanti.

Mentre né i cereali raffinati né le patate hanno influenzato i fattori di rischio cardiometabolico, l’assunzione di potassio e fibre dei partecipanti, l’assunzione totale di verdure e di amido e il punteggio dell’indice salutare – un segno di quanto le persone seguano le Linee guida dietetiche per gli americani erano più alte quando mangiavano patate, rispetto ai cereali raffinati.

“Gli americani mangiano troppi carboidrati raffinati e non abbastanza cereali integrali o verdure amidacee, secondo le Linee guida dietetiche 2015-2020. I nostri risultati dello studio suggeriscono che mangiare 1 porzione di patate non fritte al posto di cereali raffinati può aiutare le persone a incontrarsi di più raccomandazioni dietetiche. ”

Lo studio aveva diversi punti di forza, come il design crossover randomizzato e la sostituzione dietetica isocalorica. Tutti i piatti sono stati preparati in modo sano con grassi o sodio aggiunti limitati. Tuttavia, i ricercatori hanno notato alcune limitazioni: la necessità di campioni di dimensioni maggiori, tempi di intervento più lunghi e assunzione dietetica controllata piuttosto che diete auto-segnalate. “È importante replicare i nostri risultati in altri gruppi, come quelli a più alto rischio di malattia cardiometabolica. Questi risultati si applicano alla popolazione generalmente sana.

 

Categorie:Mangiare

Con tag: