Complicanze varie/eventuali

Deterioramento della vista nel diabete di tipo 2 legato al fumo ed a grave ipoglicemia

Gli adulti con diabete di tipo 2 sono a maggior rischio di perdita della vista se hanno fumato e avuto un episodio di grave ipoglicemia o un elevato rapporto albumina-creatinina nelle urine, secondo i risultati pubblicati sul Journal of Diabetes and its Complications

“Il fumo, l’ipoglicemia grave e un più alto rapporto albumina-creatinina nelle urine sono stati associati in modo indipendente alla perdita della vista nelle persone che vivono in comunità con diabete di tipo 2. Tutti sono fattori di rischio potenzialmente modificabili”, hanno scritto Timothy Davis, DPhil, professore alla facoltà di scienze della salute e della medicina e medicina interna all’Università dell’Australia occidentale a Perth, in Australia, e colleghi. “Le strategie per smettere di fumare e la gestione ottimale del fattore di rischio cardiometabolico, inclusi i regimi ipoglicemizzanti che riducono al minimo l’ipoglicemia, sembrano importanti nel prevenire la perdita della vista associata al diabete di tipo 2″.

Davis e colleghi hanno condotto i test della Bailey Lovie sull’acuità visiva al basale ogni 2 anni su 882 adulti con diabete di tipo 2 dalla fase II dello studio sul diabete Fremantle (età media, 65,1 anni; 37,8% donne). I ricercatori hanno anche raccolto dati demografici, sulle abitudini di vita e anamnesi ad ogni visita, avvenuta durante un periodo di follow-up mediano di 4,1 anni. I ricercatori hanno anche raccolto campioni di sangue e urina, che sono stati utilizzati per confermare i rapporti urinario-albumina-creatinina.

Nell’intera coorte, lo 0,9% dei partecipanti ha sviluppato disturbi della vista o un punteggio di acuità visiva superiore a 6/19 o 6/48 o inferiore, a 4 anni, e il 2,9% dei partecipanti ha avuto una perdita della vista. I ricercatori hanno anche scoperto che l’acuità visiva era migliore nell’1,9% dei partecipanti a 4 anni, sebbene ciò fosse generalmente dovuto alle procedure intraoculari delle lenti.

Fumo di donna

“Quelli con una migliore acuità visiva avevano maggiori probabilità di avere una lente intraoculare inserita a causa di una cataratta dopo il basale”, hanno scritto i ricercatori.

Le probabilità di perdita della vista sono triplicate tra i partecipanti che hanno fumato in qualsiasi momento prima del basale rispetto ai partecipanti che non hanno fumato (OR = 3,17; IC al 95%, 1,15-8,76).

“Il fumo è un noto fattore di rischio per la malattia oculare”, hanno scritto i ricercatori. “È interessante notare che gli ex fumatori non avevano probabilità significativamente maggiori di perdita della vista rispetto ai non fumatori nella nostra coorte, il che suggerisce come il danno oculare causato dal fumo potrebbe non essere permanente.”

Le probabilità di perdita della vista erano ancora maggiori nei partecipanti che hanno riportato un evento ipoglicemico grave rispetto ai partecipanti che non lo hanno fatto (OR = 5,59; IC al 95%, 1,32-23,61).

“I nostri dati mostrano che una storia di grave ipoglicemia ha aumentato le probabilità di una successiva perdita della vista”, hanno scritto i ricercatori. “Inoltre, e forse in alternativa, una grave ipoglicemia che richiede l’utilizzo del servizio sanitario nelle persone con diabete di tipo 2 potrebbe essere un surrogato della malattia di lunga durata e del diabete relativamente scarsamente controllato, e questo potrebbe aumentare il rischio di complicanze oculari che portano a compromissione della vista.”

Le probabilità di perdita della vista sono aumentate per ogni aumento di 1 U nel rapporto albumina-creatinina urinaria (OR = 1,42; IC 95%, 1,09-1,84), con i ricercatori che hanno notato che “è possibile che il rapporto albumina-creatinina urinaria sia un marker surrogato di una varietà di malattie oculari con fattori di rischio condivisi come uno scarso controllo metabolico, che hanno implicazioni per la vista “.