Complicanze varie/eventuali

Rapida perdita di fibre nervose corneali: un marker di insorgenza e progressione della neuropatia diabetica

La lunghezza della fibra del nervo corneale (CNFL) rappresenta un biomarcatore per la polineuropatia simmetrica distale diabetica (DSP). I ricercatori canadesi hanno mirato a determinare la distribuzione di riferimento del cambiamento CNFL annuale, la prevalenza di un cambiamento anormale nel diabete e le sue variabili cliniche associate.

Pubblicità

Lo studio ha preso in esame 590 partecipanti con diabete [399 diabete di tipo 1 (T1D) e 191 diabete di tipo 2 (T2D)] e 204 pazienti di controllo senza diabete con almeno 1 anno di follow-up e sono stati classificati in base alla rapida perdita di fibre nervose della cornea (RCNFL) se la variazione di CNFL era inferiore al quinto percentile dei pazienti di controllo senza diabete.

I pazienti di controllo senza diabete avevano 37,9 ± 19,8 anni, un follow-up mediano di tre visite nell’arco di 3,0 anni e la variazione media annua del CNFL era di -0,1% (IC al 90%, da -5,9 a 5,0%). RCNFL è stato definito da valori che superano il quinto percentile di perdita del 6%. I partecipanti con T1D avevano 39,9 ± 18,7 anni, un follow-up mediano di tre visite nell’arco di 4,4 anni e la variazione media annua del CNFL era -0,8% (IC al 90%, da -14,0 a 9,9%). I partecipanti con T2D 60,4 ± 8,2 anni, avevano un follow-up mediano di tre visite nell’arco di 5,3 anni e la variazione media annua del CNFL era -0,2% (IC al 90%, da -14,1 a 14,3%). La prevalenza di RCNFL era complessivamente del 17% ed era simile per tipo di diabete [64 T1D (16,0%), 37 T2D (19,4%), P= 0,31]. RNCFL era più comune in quelli con DSP al basale (47% vs. 30% in quelli senza DSP al basale, P = 0,001), che era associato con una velocità di conduzione peroneale inferiore ma non con HbA1c al basale o con il suo cambiamento nel follow-up.

Una perdita anormalmente rapida di CNFL del 6% o più all’anno si verifica nel 17% dei pazienti diabetici. RCNFL può identificare i pazienti a più alto rischio per lo sviluppo e la progressione della DSP.

Studio pubblicato il 6 marzo 2020 nella rivista Diabetes Care.

Pubblicità