Batticuore

Una dieta a basso contenuto di fibre può causare ipertensione, secondo studi internazionali

Pubblicità
lowfibrediet

La dott.ssa Francine Marques

Uno studio internazionale condotto dagli scienziati di Monash ha confermato per la prima volta che le diete a basso contenuto di fibre possono portare all’ipertensione, la “malattia silenziosa” che colpisce un terzo degli adulti australiani.

Se non trattata, l’ ipertensione può portare a ictus, infarto del miocardio, irrigidimento delle arterie e dei muscoli del cuore e irrigidimento dei reni, riducendo la loro funzione. È il fattore di rischio più comune per le malattie cardiovascolari.

Pubblicità

Lo studio, pubblicato su Circulation, ha usato i topi per testare la differenza tra diete ad alto e basso contenuto di amido.

Gli amidi resistenti sono un tipo di fibra prebiotica, che resiste alla digestione fino a raggiungere l’intestino crasso, dove nutre i batteri che si ritiene abbiano benefici per la salute.

I risultati scoperto che i topi alimentati con una dieta povera di fibre erano più predisposti alla ipertensione arteriosa. I ricercatori hanno eseguito trapianti fecali su topi senza microbi e scoperto che solo i destinatari di microbi a basso contenuto di fibre avevano continuato a sviluppare una pressione sanguigna più alta.

“L’ipertensione continua ad essere un importante fattore di rischio per la morte cardiovascolare”, ha dichiarato l’autore principale dello studio, la dott.ssa Francine Marques, una futura dirigente della National Heart Foundation presso la Monash University School of Biological Sciences.

“Una dieta povera di fibre è associata alla prevalenza dell’ipertensione, ma questo studio sta cambiando il concetto di assunzione di fibre che è solo protettiva: la mancanza di fibre può effettivamente contribuire all’ipertensione e alle malattie cardiovascolari, e ciò avviene attraverso il microbiota intestinale”.

Il professor David Kaye, direttore di cardiologia presso l’ospedale Alfred e capo del Baker Institute Heart Failure, ha co-condotto lo studio. Il professor Kaye ha detto che sebbene sia noto che una dieta ricca di fibre può essere protettiva per lo sviluppo di malattie cardiache, il meccanismo di questa azione resta incerto.

“Lo studio è significativo”, ha detto, “perché identifica per la prima volta come la fibra alimentare regola direttamente la salute del cuore e dei vasi sanguigni”.

La fermentazione microbica di amidi resistenti nell’intestino rilascia metaboliti, come piccole molecole chiamate “acidi grassi a catena corta (SCFA)”. Il team di ricerca ha scoperto che quando i topi venivano alimentati direttamente con questi SCFAS, anche in assenza di fibre prebiotiche nella dieta, la loro pressione sanguigna si abbassava e la loro salute cardiovascolare migliorava.

“Uno dei risultati più singolari dello studio è che il profilo batterico dell’intestino, chiamato microbioma intestinale , è strettamente associato alla pressione sanguigna e questo legame è il risultato di sostanze chimiche rilasciate dai batteri intestinali nella circolazione”, ha detto il professor Kaye .

“I risultati rafforzano la necessità di una dieta ricca di fibre e indicano anche nuovi potenziali obiettivi per la prevenzione e il trattamento delle malattie cardiovascolari “, ha affermato la dott.ssa Marques.

Marques sta attualmente conducendo una sperimentazione clinica finanziata dalla National Heart Foundation per determinare se un integratore di fibre prebiotiche modificate, che produce alti livelli di metaboliti intestinali benefici a seguito della fermentazione microbica, potrebbe essere usato come nuova strategia per abbassare la pressione sanguigna .