Counseling/consulenze

Affronta i disturbi alimentari e cerca aiuto

Pubblicità

Un nuovo studio ha scoperto che i giovani si lasciano andare e “troppo tardi” si muovono per cercare aiuto nei disordini alimentari, citando la paura di perdere il controllo sul cibo o il loro peso, coniugati alla negazione e incapacità di percepire la gravità della malattia come ragioni per non ottenere una consulenza professionale.

Il recente sondaggio online su 300 giovani australiani di età compresa tra 18 e 25 anni ha rilevato che la maggior parte aveva problemi di alimentazione, peso o forma del corpo e persino quelli con anoressia o bulimia hanno trovato ragioni per ritardare il trattamento o gli interventi di esperti.

Pubblicità

La prima autrice dello studio, Kathina Ali, ricercatrice associata in Psicologia alla Flinders University, spiega che la preoccupazione per gli altri e la convinzione che uno dovrebbe risolvere i propri problemi erano le due barriere più comuni alla ricerca di aiuto per le preoccupazioni alimentari.

“Non volere che gli altri si preoccupino dei loro problemi è stata la barriera più sostenuta – riflette il desiderio di autonomia e anche la paura di essere un peso per gli altri in questo gruppo di giovani adulti”.

Sentirsi imbarazzati per i loro problemi o temere che le altre persone non credano che i disordini alimentari siano vere e proprie malattie, hanno persino impedito ai giovani adulti che manifestano sintomi di anoressia nervosa o bulimia nervosa di cercare aiuto, afferma il collega ricercatore di psicologia Dr Dan Fassnacht.

“Se ne preoccupa solo una minoranza di persone con sintomi del disturbo alimentare e che hanno cercato un aiuto professionale e pochi credevano di aver bisogno di sostegno nonostante i problemi che stavano vivendo”, afferma il dott. Fassnacht, docente di psicologia dell’Università di Flinders, coautore di un nuovo articolo appena pubblicato nel International Journal of Eating Disorders (Wiley).

Nell’articolo della ricerca, intitolato “Cosa impedisce ai giovani adulti di cercare aiuto? Ostacoli all’aiuto – alla ricerca della sintomatologia dei disturbi alimentari ‘, i ricercatori australiani e tedeschi hanno raccomandato ai medici (consulenti, operatori sanitari e altri) e al pubblico di essere a conoscenza di questi ostacoli.

Ulteriori informazioni e istruzione sulla gravità e l’impatto dei disturbi alimentari – e su come i sintomi possono peggiorare senza interventi o trattamenti – dovrebbero essere disponibili per i giovani adulti, inclusa l’importanza di cercare aiuto e strategie di autogestione.

Risorse online utili e gratuite basate su prove sono disponibili su siti Web come la Butterfly Foundation australiana e la National Eating Disorders Collaboration.