Vivo col Diabete

Il rischio di fratture dell’anca e non vertebrali nel diabete di tipo 1 e di tipo 2

Pubblicità

Il diabete è associato ad un aumentato rischio di frattura ma non sappiamo cosa influenzi questo rischio. I ricercatori dell’Unità accademica di metabolismo osseo, The Mellanby Centre for Bone Research, Università di Sheffield, Regno Unito hanno studiato il rischio di fratture dell’anca e non vertebrali nel diabete e se questa minaccia fosse influenzato da età, sesso, indice di massa corporea, tipo e durata del diabete, uso di insulina e complicanze diabetiche.

La ricerca ha selezionato recensioni precedentemente pubblicate da aggiornare. I database MEDLINE, Embase e Cochrane sono stati scanditi fino a marzo 2020. Gli studiosi hanno incluso studi osservazionali con rischio di fratture aggiustato per età e sesso negli adulti con diabete rispetto agli adulti senza diabete. Quindi estratto i dati dai rapporti pubblicati che hanno riassunto utilizzando il modello di effetti casuali.

Pubblicità

Dei 3140 record identificati, 49 sono stati inclusi, 42 nell’analisi delle fratture dell’anca, riportando i dati di 17.571.738 partecipanti con 319.652 fratture e 17 nella revisione delle fratture non vertebrali, riportando i dati di 2.978.487 partecipanti con 181.228 fratture. Si è riscontrato un aumento del rischio di frattura nel diabete sia per l’anca (RR 4.93, 3.06-7.95, nel diabete di tipo 1 e RR1.33, 1,19-1,49, nel diabete di tipo 2) sia per le fratture non vertebrali (RR 1.92, 0,92-3,99, nel tipo 1 e RR 1,19, 1,11-1,28 nel tipo 2). All’anca, il rischio era maggiore nella popolazione più giovane sia nel diabete di tipo 1 che in quello di tipo 2. In quelli con diabete di tipo 2, una maggiore durata del diabete e l’uso di insulina sono stati associati ad un aumentato rischio. Non si è studiato l’effetto della densità ossea, delle cadute, dei farmaci antidiabetici e dell’ipoglicemia.

Il diabete è associato ad un aumento del rischio di frattura sia dell’anca che non vertebrale.

Pubblicato in Bone il 1 giugno 2020.