ADA2020

#ADA2020 L’ultimo rapporto TEDDY delinea la ricerca sul diabete di tipo 1 e la celiachia

Pubblicità

Lo studio NIDDK continua a esaminare i possibili fattori che portano allo sviluppo delle malattie nei bambini

CHICAGO (15 giugno 2020) – Nuovi risultati e informazioni sui potenziali “fattori scatenanti” del processo autoimmune che portano al diabete di tipo 1 (T1D) e su come interagiscono con i fattori genetici nei bambini a rischio per lo sviluppo della malattia sono stati evidenziati nel ” Aggiornamento dal simposio dello studio TEDDY ”oggi presso l’ 80ª sessione scientifica virtuale dell’American Diabetes Association ® (ADA). Prove simili per la celiachia vengono anche accumulate attraverso il vasto programma di studi internazionali. I dati dello studio The Environmental Determinants of Diabetes in the Young (TEDDY) raccolti in modo prospettico dal 2004 verranno utilizzati in nuovi studi clinici per prevenire queste malattie autoimmuni che colpiscono congiuntamente oltre il 3% della popolazione generale.

Pubblicità

TEDDY è uno studio internazionale multicentrico alla ricerca delle potenziali cause T1D nei bambini. Lo studio è finanziato dal National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (NIDDK). Il T1D si verifica quando le cellule beta del pancreas che normalmente producono insulina vengono distrutte dal sistema immunitario stesso. Quando le cellule beta vengono distrutte, il corpo non può produrre insulina e mantenere livelli normali di zucchero nel sangue.

I bambini che hanno T1D hanno alcuni tipi di geni, ma non tutti i bambini che hanno quei geni sviluppano il diabete. Qualcosa proveniente dall’ambiente “innesca” la distruzione immunitaria delle cellule beta. TEDDY mira a scoprire virus e fattori nutrizionali che interagiscono con i geni per “innescare” la distruzione immunitaria delle cellule beta, caratterizzata dalla comparsa di autoanticorpi isolotti. Lo studio arruola neonati identificati come “a rischio” per lo sviluppo di T1D e li segue per 15 anni per cercare la comparsa di vari autoanticorpi e diabete delle cellule beta. TEDDY ha anche studiato biomarcatori in grado di prevedere una progressione più rapida o più lenta del diabete dopo l’inizio della distruzione autoimmune.

“Un’interessante scoperta di TEDDY è stata l’inizio della distruzione autoimmune delle cellule produttrici di insulina – spesso nei primi due anni di vita”, ha affermato la co-presidente dello studio TEDDY Marian Rewers, MD, PhD, professore di pediatria e medicina e direttore esecutivo del Barbara Davis Center for Diabetes presso la University of Colorado School of Medicine. “Sembra che ci siano due sottotipi di T1D che differiscono per fattori genetici e fenotipi immunitari. I biomarker metabolici possono offrire indizi sui sottotipi e se un bambino sviluppa T1D. È interessante notare che l’HbA1c ha caratteristiche predittive molto diverse per la progressione verso il diabete clinico nei bambini con autoanticorpi isolotti, rispetto agli adulti con fattori di rischio per il diabete di tipo 1 “.

Ulteriori aggiornamenti chiave dal gruppo di studio includono:

  • La presenza persistente di specie di enterovirus B nelle feci di un bambino prevede lo sviluppo dell’autoimmunità dell’isolotto, in particolare il sottotipo precedente caratterizzato dalla presenza di autoanticorpi contro l’insulina.
  • Ci sono anche sottili differenze nella composizione e nella funzione del microbioma intestinale nei bambini che sviluppano autoanticorpi isolotti rispetto ai controlli. L’uso precoce di probiotici può ridurre il rischio, mentre l’uso di antibiotici non era correlato all’autoimmunità dell’isoletta o del celiaco.
  • TEDDY ha anche trovato effetti potenzialmente benefici della vitamina D, della vitamina C o di una dieta ricca di acidi grassi polinsaturi, sebbene queste osservazioni debbano essere confermate in studi clinici randomizzati.

La celiachia, un’altra condizione autoimmune, condivide molti fattori genetici con T1D, ha osservato il dott. Rewers. Gli investigatori TEDDY seguono i partecipanti allo studio sia per T1D che per celiachia, nel tentativo di determinare perché alcuni bambini con geni ad alto rischio sviluppano T1D o celiachia, mentre la maggior parte rimane libera da malattia. Queste informazioni verranno utilizzate per cercare di prevenire sia il diabete che la celiachia nei bambini. Ricerche TEDDY recentemente riportate hanno mostrato un’associazione tra consumo di glutine nei primi anni dell’infanzia e un aumento del rischio di celiachia tra i bambini geneticamente predisposti.

“Mentre il T1D e la celiachia condividono molte caratteristiche genetiche, ci sono differenze interessanti nel modo in cui queste malattie si sviluppano e progrediscono”, ha aggiunto il dott. Rewers. “TEDDY sta fornendo stimolanti indizi per la progettazione di studi futuri per prevenire sia il T1D che la celiachia.”

Dettagli di presentazione della ricerca :

 

  • Il dottor Rewers e altri ricercatori TEDDY hanno presentato le ultime ricerche di prova nel simposio, Aggiornamento dallo studio TEDDY.
  • Data:martedì 16 giugno, 8:00 – 10:00 CT (tutte le sessioni saranno registrate e disponibili per la visualizzazione fino a 90 giorni)