Complicanze varie/eventuali

I farmaci riutilizzati potrebbero invertire il danno dei vasi sanguigni nel diabete

Pubblicità

L’immagine mostra il flusso sanguigno nei vasi sanguigni superficiali di un topo che non è stato trattato con M-3.

I nuovi farmaci sviluppati per il trattamento della malattia di Alzheimer potrebbero essere riproposti per prevenire – o addirittura invertire – il danno arrecato ai vasi sanguigni nelle persone obese o affette da diabete di tipo 2, secondo una nuova ricerca.

Le persone che soffrono di una serie di condizioni chiamate sindrome metabolica – che include diabete di tipo 2, ipertensione, colesterolo alto e obesità – hanno un irrigidimento dei loro vasi sanguigni che li espone ad un aumentato rischio di infarto o ictus.

Pubblicità

In una svolta, gli scienziati dell’Università di Leeds e dell’Università di Dundee hanno scoperto un meccanismo chiave che innesca cambiamenti nei vasi sanguigni, che alla fine possono portare a malattie cardiovascolari.

Inizia quando le persone iniziano a produrre in eccesso un enzima chiamato BACE1 che a sua volta crea una proteina chiamata beta amiloide.

L’immagine mostra il flusso sanguigno nei vasi sanguigni superficiali di un topo a cui è stato somministrato M-3

I livelli elevati di beta-amiloide sono associati a danni al rivestimento superficiale dei vasi sanguigni, l’endotelio. Ciò interrompe il normale funzionamento dei vasi sanguigni portando ad alta pressione sanguigna e aterosclerosi, l’accumulo di placca lungo le pareti dei vasi sanguigni.

Eddie Johnston di Diabetes UK ha dichiarato: “Sappiamo che le persone che vivono con il diabete sono a maggior rischio di infarti o ictus, ma non sappiamo ancora esattamente perché. La nuova ricerca aiuta a far luce sulla connessione.

“Se l’enzima BACE1 è responsabile di questo aumento del rischio, rappresenta un obiettivo promettente per i nuovi trattamenti, che potrebbero aiutare le persone con diabete a vivere una vita più lunga e più sana.”

Pubblicato oggi (lunedì 29 giugno) sul Journal of Clinical Investigation , i risultati sono il culmine di otto anni di ricerca, iniziata a Dundee, che si è poi estesa a Leeds e ha coinvolto studi sia umani che animali.

Le indagini sugli animali hanno esaminato l’effetto di un composto sperimentale chiamato M-3, che interrompe le azioni di BACE1. Negli studi su topi obesi o diabetici, è stato dimostrato non solo di arrestare la malattia nei vasi sanguigni, ma di invertirla.

Le immagini allegate sono state prese da scansioni laser della pelle dei topi con diabete. Mostrano il flusso sanguigno attraverso i piccoli vasi sanguigni nella pelle. I colori blu indicano un flusso sanguigno basso. I colori rosso, giallo e verde rappresentano un flusso sanguigno più elevato.

L’immagine 1 era di un animale a cui non era stato somministrato M-3 e indica un problema con il flusso sanguigno. L’immagine due, proveniva da un topo che aveva ricevuto M-3 e mostra un flusso sanguigno migliorato.

Il dott. Paul Meakin, accademico universitario presso l’Istituto di medicina cardiovascolare e metabolica di Leeds, è stato l’autore principale del documento. Ha detto: “Gli effetti terapeutici del composto sperimentale erano marcati, con la progressione della malattia nei vasi sanguigni gravemente danneggiati invertiti”.

Ha aggiunto: “A volte nella scienza guardi i dati che produci e c’è il suggerimento di qualcosa lì – ma gli effetti che abbiamo osservato erano evidenti.

“E la cosa più eccitante è che ci sono farmaci che possono colpire l’enzima BACE1.

“Si apre la possibilità che gli scienziati possano sviluppare un farmaco che inibisce le azioni di BACE1 – con l’evidenza che suggerisce che potrebbe non solo arrestare il progresso della malattia nei vasi sanguigni, ma potrebbe invertire”.

BACE1 e i collegamenti con la malattia di Alzheimer

BACE1 ha in precedenza attirato l’attenzione dell’industria farmaceutica a causa del suo ruolo nello sviluppo di un’altra grave malattia, la malattia di Alzheimer. BACE1 è direttamente collegato allo sviluppo di placche beta-amiloidi che si trovano nel cervello delle persone che sono morte con questa condizione.

Le case farmaceutiche hanno iniziato a sviluppare inibitori di BACE1 – finora, sono state inefficaci nel combattere l’Alzheimer.

Mike Ashford, professore di Neuroscienze presso l’Università di Dundee, ha supervisionato la ricerca appena pubblicata. Ha detto: “Il nostro lavoro dimostra che un processo biologico anormale precoce, fortemente legato alla malattia di Alzheimer, può essere responsabile di malattie vascolari e ipertensione nelle persone con obesità e diabete”

“Questi risultati suggeriscono l’eccitante possibilità per cui i farmaci esistenti che purtroppo non hanno mostrato alcun beneficio negli studi clinici per la malattia di Alzheimer, possono invece essere usati per trattare le malattie vascolari in questo gruppo di persone”.

Il professor Jeremy Pearson, direttore medico associato presso la British Heart Foundation, ha dichiarato: “Il danno ai vasi sanguigni causato dal diabete accelera e peggiora le malattie cardiache e circolatorie. Questi risultati identificano un nuovo percorso dannoso già preso di mira da un farmaco in via di sviluppo per il trattamento della malattia di Alzheimer .

“Questo farmaco deve ora essere testato nelle persone con diabete nella speranza che abbia la capacità di ridurre i progressi del cuore e delle malattie circolatorie nei milioni di persone che vivono con il diabete nel Regno Unito.”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.