Complicanze varie/eventuali

Effetti del diabete mellito di tipo 1 sulla degenerazione del disco lombare

Lo studio mirava a valutare la correlazione tra diabete di tipo 1 (T1D) e degenerazione del disco lombare (LDD).

A tal fine è stata eseguita un’analisi retrospettiva di 118 pazienti con T1D reclutati da gennaio 2014 a marzo 2019 e la regressione logistica multivariata è stata utilizzata per analizzare l’incidenza di T1D; l’età, il sesso e l’indice di massa corporea (BMI) dei pazienti; la durata della malattia e l’emoglobina glicosilata e i livelli di glucosio nel sangue venoso. Tutti i pazienti che hanno sofferto di lombalgia sono stati valutati mediante RM utilizzando il sistema di classificazione Pfirrmann.

Risultati: sono stati esaminati un totale di 118 pazienti con un’età media di 36,99 ± 17,01 (8-85 anni). La durata media del ricovero, l’intervallo di fluttuazione del glucosio venoso, il livello di emoglobina glicata, il livello più alto di glucosio venoso, il livello di glucosio venoso e la durata del decorso della malattia sono stati di 13,98 ± 10,16 giorni, 14,99 ± 5,87 mmol / L, 9,85 ± 2,52 mmol / L, 25,29 ± 7,92 mmol / L, 13,03 ± 5,75 mmol / L e 7,30 ± 8,41 anni. I punteggi medi Pfirrmann dei diversi dischi erano 2,20 ± 0,62 (L1-2), 2,35 ± 0,67 (L2-3), 2,90 ± 0,45 (L3-4), 4,20 ± 0,52 (L4-5) e 4,10 ± 0,72 (L5 -S1). I pazienti con T1D hanno mostrato grave degenerazione del disco. Il sesso maschile, l’emoglobina glicosilata, il glucosio venoso e le fluttuazioni del glucosio venoso erano significativamente associate a LDD (P <0,05).

In conclusioni: l’ emoglobina glicosilata, il maschio, il glucosio venoso e l’intervallo di fluttuazione del glucosio venoso sono fattori di rischio per la degenerazione del disco lombare.

Studio condotto Dipartimento di Neurologia, Università medica di Chongqing, Cina PR.

Pubblicato in BMC Journal of Orthopaedic Surgery and Research il 27 luglio 2020