Complicanze varie/eventuali

Gestione dell’osteoporosi nelle donne in premenopausa

Una revisione clinica completa della International Osteoporosis Foundation (IOF) e della European Calcified Tissue Society (ECTS) analizza le prove recenti e fornisce indicazioni utili sulla diagnosi e la gestione dell’osteoporosi in premenopausa

L’osteoporosi, una malattia che porta alla fragilità ossea e ad un aumentato rischio di fratture, è molto comune tra le donne in postmenopausa, che colpisce circa una su tre di età superiore ai 50 anni in tutto il mondo. Tuttavia, poiché l’osteoporosi e le fratture da fragilità correlate sono rare nelle donne più giovani, la ricerca è molto inferiore e, di conseguenza, la mancanza di consenso e guida sulla sua diagnosi e gestione in questo gruppo della popolazione.

Una revisione narrativa recentemente pubblicata da un gruppo di lavoro dell’ECTS e dell’IOF fornisce una revisione aggiornata della letteratura pubblicata dopo il 2017 sull’osteoporosi in premenopausa (1). Sulla base delle più recenti evidenze, gli autori delineano le informazioni chiave sui fattori che influenzano il picco della massa ossea e che distinguono la bassa massa ossea dall’osteoporosi corretta con un aumento del rischio di fratture in giovane età, comprese le cause dell’osteoporosi secondaria rispetto all’osteoporosi idiopatica, nonché la gravidanza e l’allattamento osteoporosi associata. Forniscono inoltre un aggiornamento sulla gestione e il trattamento di questa condizione (incluso un utile diagramma di flusso come guida generale).

Il professor Serge Ferrari, vicepresidente del comitato dei consulenti scientifici dell’IOF e capo del servizio e laboratorio delle malattie ossee, ospedale universitario di Ginevra, Svizzera, ha dichiarato:

“È stato riscontrato che le donne in premenopausa con cause note di osteoporosi secondaria hanno un’alta prevalenza di fragilità ossea. Inoltre, quelle con frattura precedente hanno un rischio maggiore del 35-75% di avere una frattura nei loro anni postmenopausali, rispetto alle donne in premenopausa senza fratture.È quindi importante che i medici siano a conoscenza delle ultime evidenze e delle migliori pratiche nella diagnosi e nella gestione clinica dell’osteoporosi nelle donne più giovani, specialmente in quella terapia specifica della malattia di base in molti casi può migliorare significativamente la densità minerale ossea e la microarchitettura ossea “.

Ad esempio, nella celiachia, dopo un anno di dieta priva di glutine, è stato ottenuto un aumento del 9% della densità volumetrica trabecolare del raggio. Allo stesso modo, nell’amenorrea, inclusa l’anoressia nervosa, un’adeguata terapia sostitutiva con estrogeni può anche migliorare la densità minerale ossea (BMD).

Gli esperti del gruppo di lavoro concludono:

  • Le fratture da fragilità sono rare nelle donne in premenopausa e principalmente a causa dell’osteoporosi secondaria (in genere sottostanti disturbi ormonali, infiammatori o digestivi);
  • Il trattamento dei disturbi che causano l’osteoporosi secondaria beneficia sia della BMD che della microstruttura ossea. Nel caso in cui il trattamento della causa sottostante non abbia esito positivo e / o in presenza di osteoporosi grave, è possibile utilizzare farmaci antiriassorbimento e che formano l’osso;
  • In assenza di un disturbo di base, la BMD e le fratture da fragilità si qualificano come osteoporosi idiopatica;
  • La bassa BMD da sola non rappresenta necessariamente l’osteoporosi in assenza di anomalie microarchitetturali ossee;
  • Sono necessari ulteriori studi clinici, in particolare quelli incentrati sulla riduzione del rischio di fratture come risultato primario, nonché sulla sicurezza dei bifosfonati e di altri farmaci per l’osteoporosi nelle donne in età fertile.

Il professor Bente L. Langdahl, ex-presidente e capo medico dell’ECTS, dipartimento di endocrinologia e medicina interna presso l’ospedale universitario di Aarhus, Danimarca, ha aggiunto:

“Con questa revisione della letteratura più recente, il gruppo di lavoro ECTS e IOF mira a fornire una sintesi sintetica delle migliori pratiche attuali e una guida generale sulla gestione clinica che può essere di aiuto per una vasta gamma di professionisti. La revisione indica anche le aree dove sono necessari futuri studi clinici, tra cui, in primo luogo, la prevenzione dell’osteoporosi nelle donne che soffrono di condizioni note per influire negativamente sulle ossa e il potenziale impatto dei trattamenti specifici dell’osteoporosi sulla riduzione delle fratture. “

###

1. Pepe J, Body JJ, Hadji P, McCloskey E, Meier C, Obermayer-Pietsch B, Palermo A, Tsourdi E, Zillikens MC, Langdahl B, Ferrari S. Osteoporosis in Premenopausal: A Clinical Narrative Review by the ECTS and l’IOF, J. Clin. Endocrinol. Metab, 2000. 105 (8): dgaa306, https: / doi. org / 10. 1210 / clinem / dgaa306