ADA2020

#ADA2020 I diabetici raddoppieranno nell’Africa sub-sahariana nei prossimi 25 anni, avvertono gli esperti

Più di 19 milioni di persone nell’Africa sub-sahariana sono attualmente diagnosticate con diabete, mentre altri 27 milioni dovrebbero essere diagnosticati entro il 2045, secondo l’International Diabetes Federation. Questo è un aumento di quasi il 143% nei prossimi 25 anni.

Questi numerinetti sono motivo di azione immediata, hanno affermato gli esperti che hanno presentato il diabete nell’Africa sub-sahariana: sfide e opportunità durante le sessioni scientifiche. La presentazione può essere visualizzata dai partecipanti alla riunione registrati su  ADA2020.org  fino al 10 settembre 2020. Se non si è registrati per l’80a sessione scientifica virtuale,  registrarsi oggi  per accedere a tutti i preziosi contenuti della riunione.

Jean Claude Mbanya, MD, PhD, MRCP (UK), FRCP (London), FTWAS, professore di medicina ed endocrinologia e preside della Doctoral School of Life, Health and Environmental Sciences presso l’Università di Yaoundé I in Camerun, ha discusso di epidemiologia del diabete in Africa. Ha esaminato diversi fattori non e modificabili, tra cui l’urbanizzazione, l’inattività fisica e la transizione nutrizionale. L’obesità è un grande fattore, ha detto, osservando che il 54,9% delle persone in Sudafrica ha un indice di massa corporea superiore a 25, in parte a causa del passaggio alle abitudini alimentari occidentali.

“I nostri sistemi sanitari non sono strutturati per le malattie croniche, lo sono per le malattie infettive”, ha detto. “Il costo dei farmaci è troppo elevato e i pazienti devono pagare di tasca propria, quindi è insostenibile. Abbiamo anche medici scarsamente addestrati. Non sono ben preparati per gestire malattie croniche come il diabete. La mancanza di educatori del diabete: avere un team per il diabete è importante se vuoi davvero gestirlo in qualsiasi situazione. “Secondo i risultati dell’International Diabetes Management Practices Study, solo l’8% dei casi di diabete è controllato in Africa. Perché? Ci sono diverse ragioni, ha affermato la dott.ssa Mbanya, tra cui le inadeguatezze del sistema sanitario.

Una comune complicazione del diabete è il piede diabetico, una condizione che è anche sottovalutata e sotto-trattata, ha affermato Zulfiqarali G. Abbas, MBBS, MMed, DTM & H, FRCP (Glasgow), FRCP (Londra), del Dipartimento di Medicina Interna dell’Università Muhimbili di salute e scienze connesse in Tanzania.

Nel 2005, in occasione della Giornata mondiale del diabete, un’amputazione dovuta al diabete si è verificata ogni 30 secondi da qualche parte nel mondo. Entro il 2017, il tasso era aumentato a un’amputazione ogni 20 secondi. Gli alti tassi di amputazione in Africa sono causati dallo camminare scalzi, calzature inadeguate, cattive condizioni di vita, mancanza di consapevolezza, tentativi di cure a domicilio, tendenza del paziente a vedere prima guaritori o medici erboristici e presentazione tardiva ai centri sanitari, Dr. Disse Abbas.

“Quando finalmente il paziente viene indirizzato in ospedale, spesso è troppo tardi per salvare il piede o prevenire la morte”, ha detto. “Il tempo è tessuto. Il piede diabetico è un’emergenza nel diabete. È come un infarto o un infarto del miocardio. Deve essere trattato come un’emergenza. ”

L’istruzione è lo strumento più potente per evitare le ulcere del piede diabetico e l’amputazione, ha affermato il dott. Abbas. Un programma educativo in Tanzania, il progetto Step by Step Foot, è riuscito a creare consapevolezza del problema e a fornire istruzione e formazione sostenibili agli operatori sanitari. Il dottor Abbas ha detto che è un modello per i paesi in via di sviluppo.

“Sono necessari sforzi per aumentare la consapevolezza del diabete e delle sue complicanze tra operatori sanitari e pazienti. La diagnosi precoce e il trattamento del diabete miglioreranno il decorso della malattia e ridurranno la morbilità e la mortalità “, ha affermato.

Samuel Dagogo-Jack, MD, DSc, professore di medicina presso l’Università del Tennessee Health Science Center, ha discusso della PD African Diabetes Prevention Initiative (PDPI), che sta adattando i protocolli del Programma di prevenzione del diabete alle condizioni locali. Ogni team PDPI locale selezionerà, assumerà, formerà e certificherà 10 o più laici per fornire protocolli di intervento sullo stile di vita, ha spiegato.

 

“Ci sarà la forza nella costruzione di competenze e capacità in tutto il continente”, ha detto il dott. Dagogo-Jack. “Inizialmente, i leader addestrati formeranno persone a cascata per espanderne la capacità di esecuzione. Se questo viene eseguito correttamente e presentato ai nostri leader, non c’è dubbio che, essendo coerenti con i principi dell’Unione Africana, dell’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) e dell’IDF (Federazione internazionale del diabete) per l’Africa, passeremo dalla teoria all’azione.”

Ayesha Motala, MB, ChB, MD, FRCP, FCP, dell’Università di KwaZulu-Natal, ha riportato i risultati dello studio sul diabete di Human Health and Heredity in Africa (H3Africa).

“Questa analisi intermedia ha dimostrato che nelle popolazioni urbane dell’Africa subsahariana esiste un’alta prevalenza del diabete di tipo 2 e di altri fattori di rischio cardiometabolico”, ha affermato Motala. “Mostra che l’epidemia di diabete è ben consolidata in questo continente e dissipa l’idea precedentemente ritenuta come una manifestazione rara. Si spera che questo studio multi-nazionale che utilizza un approccio armonizzato tra diverse popolazioni in Africa fornirà una risorsa epidemiologica e genomica su larga scala che aumenterà la comprensione delle basi molecolari e fisiopatologiche del diabete. “

I tre obiettivi principali dell’Iniziativa H3 Africa – una partnership tra il National Institutes of Health, il Wellcome Trust e la African Society of Human Genetics – includono l’aumento del numero di scienziati africani che sono competitivi a livello internazionale nella genomica e nella ricerca basata sulla popolazione, stabilendo reti collaborative di investigatori africani che perseguono progetti basati sulla genomica e orientati alle malattie e che creano ed espandono le infrastrutture per la ricerca genomica, in particolare bioinformatica e biorepository, ha affermato Motala.