Batticuore

Uno studio ha scoperto che gli estratti di mirtillo selvatico influenzano la formazione dei vasi sanguigni

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un mirtillo “Polaris” maturo (Vaccinium corymbosum)

Quando il corpo umano subisce lesioni, le cellule entrano in azione. Nuovi vasi sanguigni emergono attraverso un processo chiamato angiogenesi e le cellule migrano in una campagna coordinata di guarigione.

La capacità di controllare questi meccanismi ha il potenziale per far progredire le terapie che vanno dal cancro al trattamento delle ferite. I polifenoli, un tipo di composti bioattivi che si trovano naturalmente in alcune piante, sono emersi come candidati per migliorare o rallentare questi processi.

I mirtilli Lowbush come quelli coltivati ??nel Down East Maine sono tra le fonti più ricche di polifenoli conosciuti.

All’Università del Maine, gli scienziati stanno lavorando per identificare esattamente quale di questi polifenoli di mirtillo selvatico a quali concentrazioni influenzano la migrazione cellulare, l’angiogenesi e l’infiammazione e come possono essere applicati in contesti clinici .

Uno studio recentemente pubblicato dal laboratorio di Dorothy Klimis-Zacas, professore di nutrizione clinica presso la School of Food and Agriculture dell’Università del Maine, ha valutato come due frazioni di polifenoli presenti nei mirtilli selvatici, gli antociani e gli acidi fenolici, influenzano la formazione del tubo dei vasi sanguigni , espressione genica e sintesi di proteine, tutti fattori importanti nel processo di guarigione dei tessuti. Lo studio ha scoperto che diversi estratti e concentrazioni di questi composti potrebbero essere applicati per aumentare o diminuire queste attività nelle colture cellulari.

I risultati anticipano un progetto guidato da Klimis-Zacas che mira a sviluppare e commercializzare un prototipo di terapia per migliorare la guarigione delle ferite e la rigenerazione dei tessuti in lesioni difficili da trattare come ustioni o per i pazienti con scarsa circolazione a causa di condizioni preesistenti, come il diabete. Il team di ricerca biomedica sta inoltre esaminando il potenziale dei polifenoli di mirtillo selvatico per ridurre l’infiammazione, che è associata a malattie croniche diffuse tra cui obesità e malattie cardiache .

“Questi sono nuovi risultati che ci aiutano ad apprezzare gli effetti differenziali di questi composti bioattivi nel nostro modello in vitro, ci hanno portato a confermarli negli studi preclinici e stanno sviluppando un prototipo biomedico per applicazioni cliniche”, ha detto Klimis-Zacas .

Lo studio è pubblicato nel Journal of Medicinal Food di luglio 2020.

 

Categorie:Batticuore, Mangiare

Con tag: