Complicanze varie/eventuali

La pressione sanguigna durante il sonno è associata a rigidità arteriosa e rapporto microalbumina urinaria / creatinina nei giovani con diabete di tipo 1

Determinare se la pressione sanguigna nel sonno (BP) è associata ad un aumentato rischio di malattie cardiovascolari (CVD) nei giovani con diabete di tipo 1 (T1DM) era l’obiettivo espresso dallo studio condotto dai ricercatori della Divisione di Endocrinologia Pediatrica, Dipartimento di Pediatria, Georgetown University, Washington, DC, Stati Uniti d’America.

I ricercatori hanno arruolato giovani con T1DM, 12-21 anni. La velocità dell’onda del polso carotideo-femorale (PWV cf ) ha valutato la rigidità arteriosa, un marker CVD. Le variabili della PA sistolica e diastolica del sonno sono state ottenute dal monitoraggio della PA nelle 24 ore. I modelli di regressione lineare hanno analizzato la relazione di ciascuna variabile BP con PWV cf , corretta per HbA1c. È stata esaminata la correlazione della PA del sonno con il rapporto microalbumina-creatinina nelle urine (UAC).

Risultati: l’ ipertensione notturna è stata riscontrata nel 36% e un’anomala immersione nel 48% dei 25 partecipanti, di età compresa tra 17,7 ± 2,2 anni. BP sistolica del sonno [beta = 0,039, intervallo di confidenza al 95% (CI; 0,006-0,073)], BP diastolica [beta = 0,058, IC al 95% (0,003-0,114)], pressione arteriosa media (MAP) [beta = 0,075, 95 % CI (0,018-0,131)] e indice MAP [beta = 3,547, 95% CI (0,867-6,227)] sono stati significativamente associati con PWV cfr . BP diastolica del sonno, carico, MAP correlata con UAC.

Le alterazioni della pressione sanguigna durante il sonno sono comuni nei giovani con T1DM e associate a rigidità arteriosa e UAC. Sono necessari studi più ampi per confermare questi risultati ed esaminare se gli interventi mirati al sonno e alla PA notturna che possono ridurre il rischio di CVD.

Pubblicato il 18 luglio 2020 in Journal of Diabetes and its Complications