Complicanze varie/eventuali

Le cure psicologiche riducono il tasso di ipoglicemia grave nei bambini con diabete di tipo 1

I bambini con diabete di tipo 1 che hanno ricevuto cure psicologiche continue hanno mostrato una diminuzione degli episodi ipoglicemici gravi e un controllo glicemico stabile durante 2 anni di follow-up, secondo uno studio pubblicato su Pediatric Diabetes.

“Le linee guida del consenso internazionale raccomandano una facile accessibilità all’assistenza psicosociale per i bambini e gli adolescenti con diabete di tipo 1 e le loro famiglie”, Angela Galler , MD, PhD, nel dipartimento di endocrinologia e diabetologia pediatrica presso Charité – Universitätsmedizin, a Berlino, Germania, e colleghi ha scritto. “Considerando i dati inconcludenti sugli interventi psicoeducativi e il presunto effetto positivo delle cure psicologiche sul controllo glicemico, sul tasso di DKA e sui ricoveri ospedalieri, vediamo la necessità di esaminare il risultato delle cure psicologiche in un contesto reale.”

Galler e colleghi hanno analizzato i dati del mondo reale su 31.861 bambini e adolescenti con diabete di tipo 1 che vivono in Germania che hanno partecipato a un sondaggio prospettico sul diabete che ha fornito informazioni sulle cure psicologiche dal 2009 al 2017. Tra la coorte, 12.326 hanno ricevuto cure psicologiche e 19.535 no . Per 3.260 partecipanti che hanno ricevuto cure psicologiche, erano disponibili dettagli sulla durata delle cure durante 1 anno: il 65% ha ricevuto cure a breve termine, l’11% ha continuato le cure e il 24% ha avuto sia cure a breve termine che continue. I tassi di ipoglicemia grave erano simili tra i gruppi. Una diagnosi psichiatrica era disponibile per 2.125 di quelli nel gruppo di assistenza psicologica: il 40% aveva un disturbo da deficit di attenzione e iperattività, il 30% aveva depressione, il 16% aveva disturbi d’ansia e il 10% aveva un disturbo alimentare.

I ricercatori hanno utilizzato la corrispondenza del punteggio di propensione del controllo caso per confrontare i partecipanti con caratteristiche di base simili. I punti dati includevano età, sesso, background migratorio, durata del diabete, BMI, strategia di trattamento, dose di insulina, HbA1 e ipoglicemia grave, DKA, microalbuminuria, retinopatia e tassi di ricovero ospedaliero.

Durante l’anno precedente all’inizio dell’assistenza psicologica, i partecipanti al gruppo di assistenza psicologica avevano una HbA1c più alta (8% contro 7,7%, P<0,001) e più episodi di DKA (0,032 per paziente-anno) rispetto a quelli senza psicologia cura (.021, P <.001).

I ricercatori hanno ulteriormente abbinato i partecipanti con livelli di HbA1c basali simili per compensare l’HbA1c mediano più alto tra quelli con assistenza psicologica continua. Quando HbA1c è stato incluso nell’abbinamento, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti ricevevano assistenza psicologica continua (n = 270) e quelli che non ricevevano assistenza psicologica (n = 1.350) avevano entrambi un aumento dello 0,1% dei livelli di HbA1c ( P = .49) a 2 anni. Tuttavia, i partecipanti che hanno ricevuto cure psicologiche continue hanno mostrato una riduzione del 5,6% nell’ipoglicemia grave, mentre quelli senza cure psicologiche hanno avuto un aumento dello 0,3% ( P = 0,009).

“A nostro avviso, il risultato complessivo è migliorato perché l’assistenza psicologica continua è stata associata a un controllo glicemico stabile e alla diminuzione della frequenza di ipoglicemia grave”, hanno scritto i ricercatori. “Una probabile spiegazione per il ridotto tasso di ipoglicemia grave è che in un contesto reale l’assistenza psicologica è spesso combinata con interventi educativi. In Germania, i programmi di educazione sul diabete comprendono contenuti educativi e psicosociali. Pertanto, interventi non psicologici, ad esempio interventi educativi e insegnamenti basati sulla conoscenza, potrebbero avere un ulteriore effetto positivo sui parametri di risultato. “

I ricercatori hanno scritto come ulteriori analisi che esaminano parametri come la qualità della vita e sottogruppi che presentano bambini con diversi disturbi psichiatrici possono migliorare i risultati in futuro.

Ma per fortuna in Italia la cura psicologica nel diabete pediatrico e dell’adulto è offerta come standard, al 100%.