Mangiare

Gli esperti sollecitano la valutazione della dieta durante i controlli di routine

Dichiarazione scientifica dell’American Heart Association

DALLAS, 7 agosto 2020 – Secondo una nuova dichiarazione scientifica dell’American Heart Association pubblicata oggi su Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes , una nuova dichiarazione scientifica dell’American Heart Association, è giunto il momento che le visite mediche di routine includano una qualche forma di valutazione e consulenza dietetica. Rivista dell’American Heart Association. La dichiarazione, scritta da un gruppo di esperti in nutrizione e malattie cardiovascolari, raccomanda l’adozione di uno strumento di screening rapido della dieta che può essere integrato nelle piattaforme di cartelle cliniche elettroniche in tutti gli ambienti sanitari.

“I modelli e la qualità della dieta non sono sufficientemente prioritari quando si affrontano fattori di rischio modificabili durante le visite regolari degli uffici sanitari. Data l’evidenza che la dieta contribuisce alla malattia e alla mortalità, è un fattore di rischio che vale la pena sottoporre a screening continuo”, ha affermato Maya Vadiveloo, Ph.D ., RD, presidente del gruppo di scrittura di dichiarazioni e assistente professore di scienze della nutrizione e della salute presso il College of Health Science presso l’Università del Rhode Island a Kingston, Rhode Island.

La scarsa qualità della dieta ha superato tutti gli altri fattori di rischio di morte, rappresentando 11 milioni di decessi e circa la metà dei decessi per malattie cardiovascolari (CVD) a livello globale, secondo il Global Burden of Disease Study 2017, un rapporto completo sull’impatto sulla salute della dieta nel 195 paesi in tutto il mondo.

Gli autori della dichiarazione hanno esaminato 15 strumenti di screening esistenti, valutando ciascuno per fornire informazioni sulla fattibilità di incorporare uno strumento di screening alimentare basato sull’evidenza nella pratica di routine.

Gli autori elencano numerose ragioni per cui i membri di un’équipe sanitaria potrebbero non affrontare la qualità della dieta durante una visita di routine in ufficio: mancanza di formazione e conoscenza; mancanza di tempo e rimborso; richieste concorrenti durante la visita spesso breve in ufficio; e che i servizi nutrizionali non sono integrati in molte strutture sanitarie.

“Tuttavia, queste barriere possono essere superate”, ha detto Vadiveloo. “Vogliamo un modo valido e affidabile per valutare la dieta che rifletta la migliore scienza, e la maggior parte degli strumenti valutati richiedono meno di 10 minuti per essere utilizzati”. Tre degli strumenti valutati soddisfano i criteri stabiliti nella dichiarazione e possono fornire una struttura per aiutare le pratiche a incorporare lo screening dietetico nel loro flusso di lavoro. Lo strumento di screening Powell e Greenberg pone due domande sul consumo di frutta e verdura e sul consumo di alimenti e succhi zuccherati. Il Rapid Eating Assessment for Participants-Short Assessment e il Mediterranean Diet Adherence Screener pongono più di 10 domande e coprono i principali gruppi di alimenti, nonché alimenti trasformati e consumo di alcol.

Le chiavi per uno strumento di screening dietetico efficace includono:

Utilizzando un approccio basato sull’evidenza;

Valutare il modello dietetico totale, non solo un singolo alimento o nutriente;

Velocità;

La capacità di fornire azioni successive e supporto ai pazienti; e

La capacità di tracciare e monitorare i cambiamenti nella dieta nel tempo.

“Ci sono altri strumenti oltre a quanto valutato e potrebbero essere sviluppati ulteriori strumenti”, ha affermato Vadiveloo.

Sebbene la dichiarazione non avanzi uno strumento di screening specifico, incoraggia conversazioni critiche tra medici, individui con esperienza in materia di dieta / stile di vita e specialisti in tecnologia dell’informazione per adottare strumenti di screening dietetico rapido per adulti nelle cure primarie e in strutture di cura e prevenzione specialistiche pertinenti.

“Una componente importante oltre alla valutazione della qualità della dieta è mirare a cambiamenti attuabili – aiutare i pazienti a stabilire obiettivi dietetici raggiungibili – e quindi proseguire alla visita successiva”, ha affermato Alice H. Lichtenstein, D.Sc., vicepresidente del gruppo di scrittura e capo e scienziato senior del team di nutrizione cardiovascolare presso il Jean Mayer USDA Human Nutrition Research Center on Aging presso la Tufts University di Boston.

Le aree di studio future includono test e validazione di strumenti screener in diverse popolazioni, nonché tra popolazioni cliniche speciali (pediatria, geriatria, ecc.) E valutazione della fattibilità dell’implementazione di questi strumenti in contesti clinici.

Una dieta sana può migliorare il rischio e gli esiti di malattie cardiovascolari. Quello che mangi (e quanto) può influenzare altri fattori di rischio controllabili, come il colesterolo, la pressione sanguigna, il diabete e il sovrappeso.

###

La dichiarazione scientifica è stata scritta per conto dell’American Heart Association’s Council on Lifestyle and Cardiometabolic Health; Consiglio su arteriosclerosi, trombosi e biologia vascolare; Council on Cardiovascular and Stroke Nursing; Consiglio di cardiologia clinica; e Stroke Council.

Co-autori e membri del gruppo di scrittura sono Cheryl Anderson, Ph.D., MPH; Karen Aspry, MD, MS; Randi Foraker, Ph.D .; Skylar Griggs, MS, RD, LDN; Laura L. Hayman, Ph.D., MSN; Emily Johnston, MPH, RDN, CDE; Neil J. Stone, MD; e Anne N. Thorndike, MD, MPH Informazioni sull’autore sono nel manoscritto.

Categorie:Mangiare

Con tag:,