Complicanze varie/eventuali

La glicemia alta peggiora i risultati di COVID-19?

Le osservazioni preliminari di pazienti affetti da COVID-19 con diabete hanno ispirato un algoritmo per il monitoraggio del glucosio che può aiutare a combattere le gravi complicanze del virus

Mentre COVID-19 continua a imperversare negli Stati Uniti, i ricercatori stanno scavando più a fondo nel modo in cui il virus provoca il caos sul corpo, specialmente per quelli con una malattia cronica preesistente.

Ora, dopo le osservazioni preliminari di 200 pazienti COVID-19 con iperglicemia grave, un team di medicina del Michigan sta facendo luce in un nuovo documento dell’American Diabetes Association sul perché la glicemia alta può innescare esiti peggiori nelle persone infettate dal virus. E i ricercatori hanno sviluppato uno strumento di gestione della glicemia che può potenzialmente ridurre il rischio di infezioni secondarie, problemi renali e ricoveri in terapia intensiva nelle persone con diabete, prediabete o obesità che contraggono COVID-19.

“Sulla base delle osservazioni preliminari dei nostri pazienti, quelli con una di queste condizioni preesistenti sono ad alto rischio di peggiorare molto la disfunzione respiratoria indotta dal virus, potenzialmente con conseguente morte”, afferma il primo autore Roma Gianchandani, MD , professore di medicina interna nella divisione di metabolismo, endocrinologia e diabete del Michigan Medicine .

Ma perché?

Autrice senior Rodica Pop-Busui MD Ph.D. , il Larry. D Soderquist professore di diabete, professore di medicina interna e vicepresidente della ricerca clinica presso il Dipartimento di Medicina Interna, sospetta che sia la natura infiammatoria di basso grado del diabete e dell’iperglicemia a promuovere il picco infiammatorio del virus, con conseguente insulino-resistenza e grave iperglicemia .

“Quando il corpo si infiamma, si innesca una risposta immunitaria anormale che invece di attaccare semplicemente il virus, colpisce il resto delle cellule e dei tessuti sani, portando a un rapido deterioramento della salute”, dice.

In particolare, questi pazienti sono a maggior rischio di ventilazione meccanica, terapia sostitutiva renale a causa di insufficienza renale e richiedono farmaci noti come vasopressori per fermare la pressione sanguigna pericolosamente bassa o steroidi per combattere la sindrome da distress respiratorio acuto.

“Tutte queste complicazioni rendono più difficile la gestione della glicemia, ma il nostro team è convinto che questa gestione sia essenziale per prevenire complicazioni che portano a prolungati ricoveri o morbilità”, dice Gianchandani. “Un recente studio ha già dimostrato che esiste una correlazione tra zucchero nel sangue ben controllato e livelli più bassi di marcatori infiammatori “.

Il team di ricerca ha sviluppato uno strumento per identificare e gestire la glicemia alta nei pazienti COVID-19, inserendoli in determinate categorie di rischio che hanno esaminato la gravità dell’iperglicemia, la presenza di obesità, il livello di insulino-resistenza, l’entità della disfunzione renale e l’evidenza di rapidi cambiamenti nel marker infiammatori.

Implementazione di un algoritmo

I team di gestione dell’iperglicemia di nuova creazione hanno deciso di trovare un modo per monitorare il diabete dei pazienti senza dover utilizzare più dispositivi di protezione personale per visitare le stanze tutto il tempo. Era anche importante ridurre il più possibile l’esposizione del medico curante al virus.

Sebbene tipicamente accurato, un monitoraggio continuo del glucosio non sarebbe altrettanto utile perché la pressione bassa di un paziente e l’uso di farmaci per la pressione sanguigna potrebbero aumentare falsamente i livelli di zucchero nel sangue.

Il nuovo protocollo prevedeva la somministrazione di insulina ogni sei ore e, allo stesso tempo, un’infermiera avrebbe controllato il paziente. Alcuni pazienti che erano in ventilazione o che ricevevano alte dosi di vitamina C avrebbero controllato i livelli di zucchero nel sangue arterioso o venoso, sostituendo la necessità del controllo della glicemia da parte del team.

Per quelli con i più alti livelli di zucchero nel sangue e una grave iperglicemia, le infusioni di insulina erano un’opzione per i pazienti fino a quando i loro livelli non scendevano tra un intervallo normale.

Il risultato di questi sforzi ha aiutato ad abbassare con successo i livelli di zucchero nel sangue senza aumentare il contatto con gli infermieri o il carico complessivo sulle squadre di assistenza primaria e sull’uso dei DPI.

“Migliorare il controllo della glicemia è stato importante per ridurre la quantità di infezioni secondarie e problemi ai reni a cui questa coorte di pazienti è suscettibile”, dice Gianchandani. “Questo potrebbe aiutare ad abbreviare i soggiorni in terapia intensiva e ridurre il numero di pazienti che necessitano di un ventilatore”.

È importante notare che questo algoritmo non è stato sviluppato come risultato di una sperimentazione clinica, ma si basa esclusivamente su osservazioni preliminari nei pazienti seguiti dal team. È necessario uno studio più ampio, randomizzato e controllato per determinare in che modo questo algoritmo influisce sulla mortalità, sul tempo per il recupero, sulla durata dei ricoveri in terapia intensiva e sul tasso di complicanze gravi.

“Il nostro team attende con impazienza i prossimi passi per confermare la nostra ipotesi”, dice Gianchandani. “Nel frattempo, penso che queste osservazioni convalidano l’importanza della gestione della glicemia nei pazienti COVID-19 e possono servire come guida o ispirazione per altre istituzioni”.